ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 9 giugno 2017

Ermeneutica della discontinuità

Amoris laetitia I polacchi al contro-strappo
La Conferenza episcopale polacca ha dichiarato che l’insegnamento della Chiesa per ciò che riguarda le persone che vivono in situazioni di coppie non sacramentali “non è cambiato” dopo la pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia. E' la prima conferenza episcopale a dichiarare unitariamente che continuerà a seguire l’insegnamento tradizionale della Chiesa.


Il 7 giugno la Conferenza episcopale polacca ha chiuso i lavori della sua assemblea generale a Zakopane, sui monti Tatra. E secondo quanto ha dichiarato a Katholish.de il portavoce dei vescovi polacchi, Pawel Rytel-Andrianik, i presuli hanno constatato che l’insegnamento della Chiesa per ciò che riguarda le persone che vivono in situazioni di coppie non sacramentali “non è cambiato” dopo la pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia.

Una dichiarazione pubblica spiega che i cattolici che si trovano in quel tipo di situazioni dovrebbero essere guidati “Verso una vera conversione e a una riconciliazione con il loro coniuge e i figli di quell’unione”. I vescovi si riferivano esplicitamente all’esortazione post-sinodale di Giovanni Paolo II “Familiaris Consortio”, che permette di avvicinarsi ai sacramenti solo se i divorziati-risposati civilmente vivono una relazione come fratello e sorella.

I vescovi polacchi hanno inoltre annunciato che discuteranno in autunno, durante la prossima assemblea generale, le linee guida realtive alla cura pastorale delle persone che vivono in situazioni di coppia “non sacramentali”, e la loro integrazione nella vita della Chiesa. Le nuove linee guida spiegheranno in concreto come dovrà essere svolto l’accompagnamento dei divorziati-risposati.

Questa presa di posizione ufficiale, dopo quelle di segno contrario delle conferenze episcopali della Germania e del Belgio, rende sempre più evidente lo stato di confusione provocato dall’ambiguità delle norme – e soprattutto delle note a piè di pagina – dell’esortazione post-sinodale “Amoris Laetitia”. Dalla sua pubblicazione si assiste a interpretazioni opposte di cardinali, vescovi,e  conferenze episcopali, mentre la richiesta di chiarimenti rivolta al Pontefice non solo dai cardinali con i “Dubia”, ma da laici, vescovi e studiosi con lettere aperte e petizioni rimane ancora inevasa.

Era prevedibile per altro che la Conferenza episcopale polacca si esprimesse in questa direzione. Già nel novembre scorso mons. Jan Watroba, Presidente del Consiglio per la Famiglia dei vescovi polacchi, aveva dichiarato: “E’ un vero peccato che non esista un’interpretazione unica e un messaggio chiaro del documento, e che si debbano aggiungere interpretazioni a un documento apostolico. Personalmente preferivo documenti come quelli che Giovanni Paolo II scriveva, dove commenti aggiuntivi o interpretazioni relative all’insegnamento di Pietro non erano necessari”. In precedenza il vescovo ausiliario di Lublino Józef Wróbel aveva espresso il suo appoggio ai Dubia. I cardinali “Hanno fatto bene e hanno esercitato correttamente quello che prevede la legge canonica. Credo che sia non solo un diritto, ma anche un dovere. Sarebbe stato giusto rispondere alle loro osservazioni”.

E aveva aggiunto: “Non potevi dare la comunione prima, e non è possibile ora. La dottrina della Chiesa non è soggetta a cambiamenti, altrimenti non si tratta più della Chiesa di Cristo fondata sul Vangelo e sulla Tradizione. Nessuno ha il diritto di modificare la dottrina, perché nessuno è padrone della Chiesa”.

Anche il presidente della conferenza episcopale polacca, mons. Gadecki, nel luglio del 2016 secondo il Tablet aveva negato la possibilità di dare l’Eucarestia ai divorziati risposati. La conferenza episcopale polacca è la prima conferenza episcopale a dichiarare unitariamente che continuerà a seguire l’insegnamento tradizionale della Chiesa sul matrimonio e i sacramenti. In precedenza si erano avute conferenze episcopali regionali, a prendere posizione in merito, e un appello dei vescovi del Kazakhstan al Papa affinché confermasse la prassi immodificabile della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio. Altri vescovi in tutto il mondo hanno preso posizione in difesa della dottrina del matrimonio della Chiesa così come è stata enunciata e praticata fino ad “Amoris Laetitia”.
di Marco Tosatti09-06-2017http://www.lanuovabq.it/it/articoli-amoris-laetitiai-polacchial-contro-strappo-20105.htmBurke: messa tridentina, segno di continuitàAl convegno milanese sulla sacra Liturgia, che si chiude oggi, il cardinale Raymond Leo Burke ha difeso la continuità della tradizione nella liturgia contro chi vorrebbe operare una rottura a partire dal Vaticano II e relegare la forma extraordinaria a reperto archeologico.
L'intervento del cardinale Raymond Leo Burke al convegno Sacra Liturgia ha riguardato il Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI a dieci anni di distanza dalla sua pubblicazione, nel luglio del 2007. Il documento, a cui è dedicato anche il dossier della rivista Il Timone nel mese di giugno, ha riproposto la piena cittadinanza alla Liturgia romana tradizionale precedente alla riforma del 1970.

Ieri mattina il cardinale statunitense ha aperto i lavori della terza giornata del convegno che si chiude oggi in Duomo a Milano con i Vespri solenni in rito ambrosiano. Rifacendosi al discorso di papa Ratzinger sul contrasto tra due interpretazioni delle riforme scaturite dal Vaticano II, Burke ha detto che «l’ermeneutica della discontinuità e rottura nega l’unità organica della Sacra Liturgia come si è trasmessa lungo i secoli dai tempi Apostolici. Questo modo di interpretare prende l’inizio da un falso senso della Tradizione, per il quale tutto quello che è successo dopo l’esperienza della Chiesa primitiva è visto con sospetto e quale una corruzione della purità della esperienza della Chiesa nei primi anni della sua vita. (…) la visione della Chiesa primitiva dalla parte dell’ermeneutica della discontinuità è ingenua e non prende in conto le difficoltà che la Chiesa ha sperimentato dai suoi primi giorni a causa della infedeltà di qualche suo membro alla dottrina e alla morale di Cristo trasmessoci per il ministero Apostolico». 

Secondo Burke questa ermeneutica della discontinuità, che si caratterizza per un certo “archeologismo”, non a caso «si concentrava con una particolare veemenza nella decostruzione della Sacra Liturgia, perché è nella vita liturgica della Chiesa che si manifesta più palesemente e perfettamente l’inabitazione dello Spirito Santo, la presenza di Cristo in mezzo a noi, in tutti i tempi e i luoghi dove si trovano i suoi membri. La Sacra Liturgia testimonia nel modo più perfetto possibile l’ordine che lo Spirito Santo inabitando la Chiesa e le anime dei suoi membri sempre rispecchia e promuove». 

Benedetto XVI nell'incontro del 27 giugno 2007 in cui presentava ad alcuni vescovi e cardinali la disciplina liturgica del Motu Proprio constatava che la forma extraordinaria del rito, quella antecedente la riforma del 1970, non rispondeva solo al desiderio di alcuni anziani, ma anche a quello di molti giovani.

«Nella mia esperienza nelle varie parti di Europa e degli Stati Uniti», ha detto il cardinale Burke, «le congregazioni, assai numerose, assistendo alla celebrazione della Santa Messa secondo la Forma Straordinaria del Rito Romano, sono composte di molte giovani famiglie e anche da molti adolescenti e giovani adulti non sposati. Parlando con loro, è evidente che la loro attrazione all’Usus Antiquor si fonda nella articolata sacralità della Forma Straordinaria. Molti di questi giovani hanno sperimentato la vacuità e perfino la condizione nociva della cultura contemporanea che vive, nelle parole di papa San Giovanni Paolo II, “come se Dio non esistesse”. Questa nuova generazione, profondamente delusa dalla cultura secolare e atea, cerca allora la manifestazione palese della presenza di Dio. Non vogliono una forma della Sacra Liturgia che è contaminata da elementi della cultura che loro hanno sperimentato quale nociva».
Interessante anche il rilievo che Burke ha posto sul fatto che forma extraordinaria non significa «“anormale” o “rara”. Invece, è normativa la celebrazione della Forma Straordinaria che si nomina anche giustamente “Usus antiquior” per significare che è un uso normale della Sacra Liturgia nel Rito Romano».
Per molti la “messa in latino” rimane una concessione ad alcuni gruppi; il cardinale, invece, dice che l'Usus antiquior deve essere «sempre più vista quale ricchezza comune della vita liturgica della Chiesa».  «Alcuni», ha detto, «continuano a considerare l’Usus antiquior come un interesse di alcuni nella Chiesa che non appartiene a tutti nella Chiesa. Per esempio, non c’è lo sforzo per dare una catechesi completa sulla Sacra Liturgia che includa l’apprezzamento della più antica forma del Rito Romano. (…)  Certamente, la formazione dei seminaristi deve comprendere l’istruzione nella Forma Straordinaria del Rito Romano e la teologia che ne è implicita o sottostante, e la preparazione a celebrare la Santa Messa secondo la Forma Straordinaria».