ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 7 luglio 2017

Fatti più in là..

                                                       https://www.youtube.com/watch?v=WYvJ95FY6OM

PAPA FRANCESCO TRA VELENI E CONGIURE IN VATICANO: HA SPOSTATO IL TAVOLO E MANGIA CON POCHISSIMI COMMENSALI


Che Papa Francesco abbia parecchi nemici, soprattutto in Vaticano, non è certo un mistero. E la serie di “dimissioni” e teste cadute nelle ultime settimane sta lì a testimoniarlo: dopo quattro anni di Pontificato, la Santa Sede non è ancora “cosa” di Bergoglio. Abilissimo nella comunicazione, Francesco non riesce però a governare nel suo “regno”. Come sottolinea Massimo Franco sul Corriere della Sera, emerge “un metodo che mostra limiti evidenti; e trasforma le migliori intenzioni di riforma in potenziali boomerang”.
Dunque, nell’ordine, si elencano i vari “epurati”: dal revisore generale dei conti, Libero Milione, liquidato tre anni prima del termine del mandato, fino al mentore, George Pell, costretto a lasciare il ministero dell’Economia del Vaticano per volare in Australia a difendersi in un processo per abusi sessuali. Per ultimo Gerhard Ludwig Müller, il custode dell’ortodossia, non rinnovato nell’incarico dopo cinque anni. E l’ultimo problema, per Francesco, arriva proprio dalla scelta del successore di Müller: Luis Francisco Ladria Ferrer, spagnolo, un fedelissimo.
Già, perché Ferrer è sfiorato dall’ombra di non aver denunciato, in passato, un sacerdote pedofilo. Una notizia recente, che però non è stata ricordata o considerata dal Pontefice nel momento della nomina. Muller, da par suo, ha negato attriti con Francesco e ha scelto di restare a Roma. Ma ora, come spiega un cardinale sotto anonimato, “può diventare la bandiera degli oppositori al Papa. È già il punto di riferimento degli episcopati dell’Europa dell’Est, dell’Africa e di parte del Nord America, in prevalenza conservatori”.
Un arma in più per i nemici del Pontefice, che ormai da anni lo accusano di avere un’agenda troppo sbilanciata sul piano sociale a favore dei poveri, verso il dialogo con la modernità e verso gli immigrati. Ma non è tutto. Sempre il Corriere dà conto di una voce che circola in Vaticano, su un dossier anonimo su persone vicine al Pontefice. E ancora, su alcuni siti conservatori si leggono storie piuttosto romanzate su personaggi legati al mondo degli aiuti della Cei nel terzo mondo ed entrati in contatto con Bergoglio quando era vescovo in Argentina. Una grossa quantità di veleni e illazioni che danno la cifra della situazione: in Vaticano è guerra, è lotta interna feroce e determinata.
Il punto è che dopo il “congedo” di Pell e le dimissioni di Milione, sono entrati in crisi i capisaldi del modello-Francesco, ovvero la spinta riformista su cui tanto ha insistito. La “vecchia guardia” vaticana conservatrice prende piede dopo anni in cui era stata spinta ai margini. E a dimostrare in modo plastico le difficoltà che attraversa il Pontefice, c’è l’ultima rivelazione del Corriere. Per certo, almeno da un punto di vista simbolico, la più importante: nel ristorante a Casa Santa Marta, la residenza del Papa dentro alle mura del Vaticano, qualcosa è cambiato. Il tavolo di Francesco, infatti, non si trova più al centro del locale. Ora è in un angolo: Bergoglio mangia con pochi, selezionatissimi, cmmensali. E dà le spalle al resto della sala.
tratto da libero : quotidiano .it
5 luglio 2017

Famiglia Cristiana, lo sciopero del giornale: altro colpo per il "sindacalista" Papa Francesco


Ora possiamo dire che il Papa meno carismatico della storia umana - questo - abbia fallito anche sul fronte sindacale, inteso come quel fronte da lui misteriosamente aperto alcuni anni fa a tutela di singole aziende e soprattutto di singoli gruppi di lavoratori. L’ultima notizia è che, dopo infinite prediche del Pontefice sui doveri virtuosi degli imprenditori, l’editore di Famiglia Cristiana ha azzerato gli accordi integrativi con i giornalisti: che hanno proclamato tre giorni di sciopero. Una cosa, banalmente, mai accaduta prima.



Si parla di 34 giornalisti (4 sono sacerdoti) che appunto rivendicano come le parole di Papa Francesco sul lavoro siano state ignorate proprio dalle parti di casa sua, cioè in quelle Edizioni San Paolo dove le cose - neppure lì - vanno bene come una volta: Famiglia Cristiana un tempo superava il milione di copie e adesso è sulle 200mila. Così l’amministratore dei Paolini Rosario Uccellatore (si chiama così) ha fatto capire che o si tagliano i salari o si tagliano i giornalisti, non si scappa. E il Papa? Tutti si richiamano a lui e alle sue parole, anche se tutta ’sta simpatia tra il Papa e i Paolini non risulta pervenuta: e sarà un caso che Famiglia Cristiana è l’unica testata cattolica a non aver mai ospitato un’intervista al Pontefice.


Morale: tre giorni di sciopero contro la decisione dell’editore di azzerare i premi di produzione, i premi per gli articoli online, gli straordinari forfettizzati, i possibili pensionamenti e prepensionamenti: roba da lavoratori normali, insomma. Ed ecco tutti i giornalisti a tirare in ballo il Papa per un problema mica di soldi, ma di «credibilità». In effetti, per il Papa, c’era da guardarsi in casa già da tempo: nella Santa Sede per esempio sono alle prese con la fusione tra Radio Vaticana e il Centro Televisivo Vaticano, ergo con problemi di mobilità e ancora prepensionamenti. C’era da guardarsi in casa anche quando intervenne, il Papa, per scongiurare licenziamenti e il trasferimento di SkyTg24 da Roma a Milano: nel marzo scorso parlò di «manovre economiche e negoziati poco chiari» e disse che colui che toglie lavoro all’uomo «fa un peccato gravissimo». Dalle parabole evangeliche a quelle di Sky montate sui balconi: ma, anche se i più magari faticano a ricordarlo, l’interventismo sindacale del Papa ha una storia ben più dettagliata.
In passato gli capitò di menzionare l’Ilva di Taranto, anche se la vicenda riassumeva il rapporto tra uomo e ambiente e toccava temi di salute pubblica: non era proprio un appoggio sindacale. Ma lo fu, o lo sembrò, quello ai dipendenti di Almaviva e a tutti lavoratori dei call center (aprile 2016) proprio il giorno prima che le parti si incontrassero. Ma c’era stato anche il discorso rivolto ai lavoratori dell’Ast di Terni nel settembre 2014. E l’intervento nella Vertenza Indesit coi lavoratori accolti in udienza: «Auspico una rapida ed equa soluzione». E il discorso fatto ai lavoratori della Sardegna (a Cagliari, settembre 2013) e ancora, nello stesso periodo, l’incontro programmato a Roma tra la delegazione dei lavoratori della Eon di Fiumesanto: saltò solo per un ritardo del volo Alitalia in partenza da Alghero. Ma la rassegna stampa sugli interventi del Papa sul mondo del lavoro è molto, molto più estesa. Sui modelli aziendali che producono scarti umani. Sul lavoro nero. Sulla precarietà. Sul diritto alla pensione. Tutte uscite anomale, per un Papa: parole che tuttavia, in ogni occasione, denotavano uno scollamento dalla realtà e un certo qualunquismo lapalissiano. Devono averlo pensato anche dalle parti di Famiglia Cristiana.
di Filippo Facci
@FilippoFacci1

2 commenti:

  1. Medice, cura te ipsum!

    RispondiElimina
  2. A me sembra che Famiglia Cristiana sia perfettamente allineata col Vescovo di Roma.

    RispondiElimina