ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 19 luglio 2017

L' agnellino coi candidi battiti di ciglia



don Ariel chiede soldi ed un prete-lettore lo “svergogna”


DALLA RETE:
(LINK DIRETTO ALL’URL: HTTP://ISOLADIPATMOS.COM/LISOLA-DI-PATMOS-IN-FESTA-SIAMO-POVERI-MA-SONO-GIUNTI-DIECI-MILIONI/ )
Ariel-foto-addormenanto
“Nel maggio 2012, sull’autostrada Roma-Napoli, ci fermammo a prendere un caffè in un autogrill, eravamo tre preti, tra cui padre Ariel, stavamo andando da Roma a Chiaia nella casa dei genitori di uno dei preti napoletani per un fine settimana.
alla nostra uscita dall’autogrill, c’erano sei camionisti, e, tra loro, uno, indicando noi, disse in tono molto spregiativo … ” guarda che bei frocetti “.

Altro che agnellino e candidi battiti di ciglia come l’estasi di santa Teresa! Padre Ariel scandalizzò quei poveri camionisti voltandosi come uno che pareva in parte un satanasso e in parte Jack lo squartatore, dicendo queste dolcissime parole al povero e quantomeno improvvido camionista … “Senti un po’, gran panzone che non sei altro, scegliti la pornodiva più famosa del momento, poi portala davanti a me, e vediamo se lei sceglie di spassarsela con uno come me, oppure con un povero sfigato come te”.

E ci allontanammo mentre i camionisti, con la faccia attonita, si chiedevano l’uno con l’altro … “ma sono dei preti veramente”?”
Ariel-foto-addormenanto