ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 5 aprile 2018

Onni-infallibilismo

IL PAPA, L’INFERNO E GLI OMNI-INFALLIBILISTI. PROFETICO PADRE SIANO…
Era stato profetico, padre Paolo Siano, dei Frati Francescani dell’Immacolata, quando qualche settimana fa su Stilum Curiae in un articolo documentato e appassionato, criticava l’omni-infallibilismo che di tanto in tanto si sparge per la Chiesa. Profetico, perché non avrebbe certamente potuto immaginare che qualche settimana più tardi proprio sull’Inferno, sulla sua esistenza e sui suoi abitanti si sarebbe scatenata un polemica che coinvolge il Pontefice regnante. E porta qualcuno a difenderlo oltre la verità dei fatti, come possiamo notare da questo tweet di padre James Martin, sj, che scriveva: “Papa Francesco, come il Vaticano ha fatto notare oggi, non ha mai detto a nessuno che “l’inferno non esiste”. Esiste per i peccatori che non si pentono, così come per i giornalisti che scrivono titoli idioti senza fare il minimo fact-checking o per dei tipi anti-Francesco che vogliono semplicemente dargli addosso”. Ma caro padre, il problema di cui si discute è proprio questo: che nella smentita non si dice che il Pontefice non ha detto che l’inferno non esiste. Si è solo detto che non c’era una fedele trascrizione del colloquio e che i virgolettati non sono attribuibili al papa. Si è negata la forma. 

Ma ecco che cosa scriveva padre Paolo Siano, che nel frattempo per i suoi articoli si è trovato attaccato da qualche sito di quel che hanno fatto l’assalto alla diligenza (e ai beni…) dei Francescani dell’Immacolata, come potete vedere da questa immagine:

Ecco un esempio di tale onni-infallibilismo almeno implicito.
Un Pontefice ha creato cardinale “in pectore” il teologo Hans Urs Von Balthasar, un altro Pontefice lo ha definito «teologo sicuro»; pertanto tutto ciò viene di fatto inteso come una canonizzazione infallibile di tutta la sua teologia, per cui si cerca di giustificare a tutti i costi anche la teoria vonbalthasariana dell’inferno vuoto secondo cui non c’è nessuna certezza che qualche anima sia dannata ed è possibile sperare che tutti siano salvati, anche Giuda. Vedasi ad esempio http://www.circolomaritain.it/documenti/11_f/E_Cantoni.pdf.
In realtà le teorie vonbalthasariane dell’inferno vuoto e della discesa di Cristo nell’inferno dei dannati non sono in sintonia con la Teologia cattolica fondata sul dato oggettivo della Divina Rivelazione, sulla Tradizione e sul Magistero della Chiesa.
Tornando ai FFI, dato che Papa Francesco ha voluto commissariarci, ecco che tanti frati ingenui, dietro l’abile regìa di alcuni, hanno creduto che tale commissariamento sia certamente giusto e “infallibile”, perciò credono a tutte le accuse contro P. Manelli e contro di noi suoi difensori, frati e suore. Non sorprende che i frati antifondatori abbiano accusato i confratelli di essere contro il Papa.
Per fortuna tra frati e laici un tale onniinfallibilismo ha cominciato a scricchiolare con il caso Amoris Laetitia e i “Dubia” dei 4 Cardinali. Tuttavia ci sono ancora frati che, fraintendendo obbedienza e infallibilità, accettano che la Comunione sia data anche ai divorziati risposati che vogliono vivere “more uxorio”.
Ecco il nodo fondamentale che finalmente arriva al pettine: un Papa, specialmente questo Papa, è sempre infallibile? Chi separa la Fede dalla ragione, dalla teologia e dalla retta comprensione del dogma, risponde “Sì”. Ma è una fede fideista e nominalista, paradossalmente simile a quella di Lutero.
Il dogma promulgato da Pio IX nel 1870 enuncia chiaramente i requisiti e i limiti dell’infallibilità pontificia: il Pontefice, parlando ex cathedra, intende definire una verità di fede o di morale come rivelata da Dio e obbligare i fedeli a ritenerla come tale.
2) dice a Eugenio Scalfari che ciascuno ha la sua idea di bene e di male ed è sufficiente indurlo a procedere verso quello che lui ritiene bene (cf. Papa Francesco, Interviste e conversazioni con i giornalisti, A cura di Don Giuseppe Costa SDB, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2014, p. 97);
3) dice ancora a Scalfari che non esiste un Dio cattolico, esiste Dio e basta, e Gesù è la Sua incarnazione (cf. ivi, p. 109);
MARCO TOSATTI
http://www.marcotosatti.com/2018/04/05/il-papa-linferno-e-gli-omni-infallibilisti-profetico-padre-siano/