ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 19 giugno 2018

I Padroni del Discorso

SALVINI DOVEVA PARLARE MENO. Ora ha contro i Padroni del Discorso.

SALVINI DOVEVA PARLARE MENO. Ora ha contro i Padroni del Discorso.
Salvini ha commesso un errore  fatale,  mostrando tutta la sua impreparazione culturale.   Anzitutto, sia  chiaro,   perché ha effettivamente affermato di voler attuare una discriminazione che è illegittima: esistono cittadini  da colpire per reati, non Rom da censire.  Allo stesso modo, esistono negri immigrati  illegali, se non fanno niente, ed esistono “lavoratori”: quelli angariati ed uccisi dai criminali bianchi calabresi nella raccolta di pomodori, non sono negri. Sono lavoratori, e il lavoro dà diritti.  Fra cui  quello alla protezione  dello Stato.https://video.corriere.it/censimento-rom-mentana-mostra-schedatura-razza-ebraica-in-italia-80-anni-fa-cominciammo-cosi/486fccd2-7328-11e8-803e-f9621adc969f

Inutilmente qualche lettore mi ha segnalato che la Regione Emilia, nel 2012, ha fatto proprio quello di  cui oggi Mentana e la Comunità ebraica accusano Salvini: il censimento (la schedatura) degli zingari.





La Regione Rossa ha schedato.

E’ vero, ed è inutile ricordarlo. Prima di tutto perché vige il principio: una cosa è  “fascista” fino a quando non la fa la sinistra, allora diventa umanitaria e progressista. Il secondo, ma  più importante, è: appunto per questo esistono i Padroni del Discorso. Essi dominano il discorso pubblico appunto: passano sotto silenzio il razzismo  dell’Emilia, e   strillano che è intollerabile, anzi esecrabile, nazista,porta ai Lager  quello di Salvini.
I Padroni del Discorso non aspettavano altro che una parola di troppo, e Salvini l’ha detta. La Comunità ebraica italiana lo condanna. Mentana lo ha paragonato ai nazisti del ’38. Secomdo me è finito.
Mi spiace perché il progetto principale per cui questo governo  è stato formato, combattere in Europa per una riforma dell’euro, ed eventualmente uscire dalla moneta unica a riprendersi la sovranità monetaria e le leve per uscire dalla recessione,  sarà liquidato.   Era questo il vero bersaglio dei Padroni del Discorso.
     30 commenti

Problemi e soluzioni

https://www.maurizioblondet.it/salvini-doveva-parlare-meno-ora-ha-contro-i-padroni-del-discorso/

Non so se ci siano modi politicamente corretti per dire quello che sto per dire, ma francamente non m’importa.
Quelli che attaccano le uscite dell’attuale ministro degli Interni possono anche avere ragione, ma mancano completamente il punto. Se Salvini pensa di fare propaganda in questa maniera, vuol dire che crede che ci sia una maggioranza di persone che ha un problema, e propone una soluzione. Le opposizioni, demonizzandolo, si fanno un triplo autogol.
Primo, negano il problema (“Non mi dire che, quando le zingarelle salgono sui mezzi pubblici, tu non metti una mano sulla borsa per proteggerla” “Io non prendo mai i mezzi pubblici” “Ah. Ciò spiega molto”) quando il problema c’è, dando l’impressione di essere una massa di elitisti arroganti, che ragiona per parole d’ordine obsolete o in nome di chissà quale potere ostile.
Secondo, si pongono dalla parte non di quello che sente la gente, ma contro, parteggiando per chi la stragrande maggioranza vede come pericoloso e dannoso, al di fuori dalla legge e dalla convivenza civile. Dando l’impressione non solo di non avere combattuto il fenomeno ma di averlo favorito. Essere, insomma, non parte della soluzione, ma del problema.
Terzo, demonizzando l’avversario e dandogli del fascista e del razzista quando questo propone una soluzione, giusta o sbagliata che sia, potrebbero riuscire a far pensare alla gente che forse quelle parole lì, se servono a risolvere il problema, non possono essere tutto quel male. E, se permettete, questo mi pare il risultato peggiore.
UE: 30 MILIONI DI EURO PER LE LORO FAKE NEWS – Marco Zanni


Nell’alta Commissione per il constrasto alle Fake News dell’Unione Europea ci sono anche Federico Fubini, vicedirettore del Corriere della Sera, e Gianni Riotta, ex direttore del TG1. Il primo che si è reso protagonista di recenti e clamorose fake news, e il secondo che, oltre ad aver dimostrato di non conoscere bene la Costituzione, durante gli anni della sua direzione preferiva mettere servizi sugli orsi allo zoo piuttosto che mostrare milioni di persone in piazza durante i V-Day del Movimento 5 Stelle. Sono degni di sedere in tale consesso?


Di più, la Commissione Bilancio al Parlamento Europeo ha appena stanziato oltre 30 milioni di euro per influenzare l’esito della prossima campagna elettorale alle europee 2019, con fondi  dichiaratamente destinati a quelle organizzazioni o a quei partiti che sostengano in maniera indiscussa il progetto dell’Unione Europea senza criticarlo.
30 milioni di euro pagati con fondi pubblici e destinati non a un’informazione equilibrata e pluralista, ma al fine di sostenere la propaganda europeista. Una prova del fatto che questa Unione Europea è essa stessa la più alta centrale di produzione di Fake News, nate per contrastare l’informazione libera e indipendente, quella fatta realmente nell’interesse dei cittadini.


A spiegarlo, in questo video, è Marco Zanni, europarlamentare membro dello Europe of Nations and Freedom Group, durante la presentazione del libro “Gli Stregoni della Notizia, Atto secondo“, di Marcello Foa, che si è tenuta a Milano giovedì 14 giugno, davanti alla presenza delle telecamere di Byoblu.
 https://www.byoblu.com/2018/06/17/ue-30-milioni-di-euro-per-le-loro-fake-news-marco-zanni/

RAPPORTO ONU
Migranti irregolari, un business da 7 miliardi di dollari
Sono almeno 2,5 milioni le persone che nel mondo in un anno hanno usufruito dei "servizi" dei trafficanti di esseri umani, nella speranza - spesso un'illusione - di trovare condizioni di vita migliori. Un rapporto dell'Onu descrive le rotte principali, le attività dei contrabbandieri, i rischi per i migranti. E suggerisce: per tagliare il tarffico di clandestini si deve agire anzitutto sulla comunicazione, nei paesi d'origine.
- TANTI INTERESSI DIETRO LE ACCUSE DI INUMANITA', di Gianandrea Gaiani
- PORTI CHIUSI SI', MA È COMUNQUE UNA TRAGEDIA, di Carlo Giovanardi

Contrabbando di migranti
Si intitola “Studio mondiale sul contrabbando di emigranti 2018”: è il rapporto pubblicato il 13 giugno dall’Unodc, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine. In 170 pagine lo studio – il primo globale – descrive dettagliatamente le attività dei contrabbandieri, i rischi a cui vanno incontro gli emigranti, chi sono i trafficanti e le persone che ad essi si affidano e inoltre suggerisce alcune linee di azione per combattere il contrabbando.

L’indagine si concentra su 30 rotte principali e sui centri in cui confluiscono. Sono le rotte dirette dall’Africa centrale al Nord e al Sud Africa, quelle che dall’Asia portano in Europa e in Medio Oriente o nei paesi più ricchi del Sud Est asiatico e del Pacifico, quelle via mare attraverso il Mediterraneo e quelle via terra tra l’America Latina e l’America del Nord. Soprattutto in Africa, gli hub in cui si concentrano gli emigranti spesso sono città capitali o comunque di grandi dimensioni. Ma nel traffico sono coinvolti anche dei piccoli centri urbani, come Agadez in Niger, e, in questo caso, gran parte delle attività economiche cittadine dipendono dal transito degli emigranti illegali.

I dati riportati nel rapporto dell’Unodc riguardano in gran parte il 2016, anno in cui le organizzazioni criminali che gestiscono il traffico di emigranti illegali hanno trasportato come minimo 2,5 milioni di persone. Il flusso più consistente è stato quello diretto verso l’America del Nord, da 735.000 a 820.000 persone. Altri 480.000 emigranti dall’Africa sub-sahariana hanno raggiunto il Nord Africa e 375.000 hanno attraversato il Mediterraneo approdando in Europa.

Complessivamente il contrabbando di emigranti ha fruttato da 5,5 a 7 miliardi di dollari, più o meno quanto nello stesso periodo è stato speso in aiuti umanitari dagli Stati Uniti (circa 7 miliardi di dollari) e dai paesi dell’Unione Europea (circa sei miliardi). I profitti dei contrabbandieri – spiega l’Unodc – dipendono dagli importi richiesti per i servizi resi: mezzi di trasporto, guide e scorte durante l’attraversamento irregolare delle frontiere tra uno stato e l’altro, sistemazione abitativa a ogni tappa, organizzazione e contatti durante il viaggio, informazioni e corruzione di funzionari e di chiunque sia necessario pagare per proseguire e arrivare a destinazione. L’ammontare complessivo di un trasporto è determinato soprattutto dalla lunghezza del viaggio, dal numero di frontiere che occorre attraversare, dalle condizioni geografiche e dalla stagione, dai mezzi di trasporto impiegati, dalla quantità necessaria di documenti – di viaggio, matrimonio, lavoro, identità - falsi, contraffatti o ottenuti in maniera fraudolenta e dal rischio più o meno elevato di intercettazione da parte delle forze dell’ordine degli stati attraversati. Inoltre gli importi variano anche in funzione delle caratteristiche degli emigranti, soprattutto della loro situazione economica. Chi dispone di più denaro può infatti assicurarsi viaggi più sicuri e comodi.

Quanto ai fattori che determinano la domanda di emigrare illegalmente, l’Unodc spiega che il contrabbando di emigranti segue le stesse dinamiche di altri traffici criminali transnazionali. La domanda di emigrare è motivata da fattori ricorrenti: quelli socio-economici prima di tutto e, in determinati periodi e contesti, situazioni critiche come una guerra o il fatto di far parte di una minoranza perseguitata.

Ma un ruolo non secondario è svolto dalle attività di promozione, di vero e proprio marketing attuate dai contrabbandieri. In altre parole, come in tutte le imprese economiche i trafficanti di uomini non si limitano ad aspettare che si presentino i “clienti”, ma li cercano, li attirano, li convincono a prendere la decisione di emigrare con false informazioni, soprattutto con descrizioni seducenti dei vantaggi di vivere nel paese che propongono come meta. Spesso i trafficanti incaricati del primo contatto contano sul fatto di appartenere alla stessa etnia, alla stessa comunità del cliente il che favorisce un rapporto di fiducia. Hanno un peso importante inoltre i consigli degli emigranti già arrivati a destinazione che forniscono informazioni e raccomandazioni a parenti e amici, suggerendo a quale organizzazione rivolgersi e quali invece evitare. In effetti alcuni emigranti clandestini diventano essi stessi dei trafficanti.

I social media – Facebook, Viber, Skype, WhatsApp – giocano un ruolo rilevante a questo proposito. Vengono usati per condividere informazioni e organizzare i viaggi. Gli emigranti forniscono informazioni sulle procedure amministrative da seguire e su tutto quel che serve per rimanere nel paese e ragguagliano chi è in attesa di partire sui servizi forniti dai trafficanti a cui si sono affidati e sul trattamento ricevuto. Le organizzazioni che non mantengono le promesse o che trattano male gli emigranti finiscono in una lista nera. I contrabbandieri, a loro volta, utilizzano gli stessi canali per pubblicizzare i loro servizi. Ad esempio, presentano su Facebook e su altri social media le loro offerte corredate da immagini allettanti, spiegano le modalità di pagamento, propongono varie soluzioni di viaggio – via mare, in aereo… – eventualmente pubblicizzando il fatto di fornire visti, passaporti e altri documenti di viaggio e di garantire l’anonimato a chi intende contattarli.

È proprio su questo terreno, quello della comunicazione, che l’Unodc esorta a intervenire sollecitando come mezzo per contrastare l’emigrazione illegale l’attuazione nei paesi di origine, e in particolare nei campi profughi, di iniziative volte a informare sui rischi di affidare la propria vita e quella dei propri famigliari alle reti che organizzano l’emigrazione clandestina.

Un capitolo dello studio è dedicato all’emigrazione irregolare con destinazione l’Europa. Vi trovano conferma i dati già noti su numeri, nazionalità, rotte – Mediterraneo Centrale, Orientale e Occidentale –profilo degli emigranti e dei trafficanti, costo dei viaggi, il ruolo assunto dall’Italia dove dal 2016 si sono concentrati gli sbarchi. Un merito dell’indagine è la distanza da posizioni ideologiche grazie alla quale i ricercatori dell’Unodc, ad esempio, parlano di emigranti eritrei “o sedicenti tali”, perché dichiararsi eritrei è garanzia di asilo, data la situazione del paese, e definiscono “clandestini” gli ingressi di chi aggira le leggi nazionali e internazionali.

Senza remore parlano del prezzo elevato, peraltro variabile dei viaggi. Il passaggio dalla Turchia a una delle isole greche costa da 900 a 7.000 dollari. Le partenze dall’Egitto sono poche perché il trasporto in Italia costa circa 2.500 dollari. Si preferisce partire dalla Libia dove gli emigranti sub-sahariani ottengono di imbarcarsi spendendo circa 1.000 dollari (in certi casi solo 700) ma viaggiando sotto coperta, mentre i profughi siriani di solito pagano 2.500 dollari e anche di più (ma si procurano così un posto migliore e più sicuro). 

Anna Bono

http://www.lanuovabq.it/it/migranti-irregolari-un-business-da-7-miliardi-di-dollari