ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 2 dicembre 2011

Un prete spagnolo

Un prete spagnolo che ha scoperto La Messa extraordinaria: UN ESEMPIO PER I SUOI FRATELLI SACERDOTI

Traduco e pubblico dall'ultima Lettera di Paix Liturgique, n.311 di oggi. Vi ritroviamo i nostri sentimenti e le nostre esperienze!


Pochi mesi fa è stato pubblicato in Spagna un libro intitolato Motu Proprio Summorum Pontificum, un problema o una ricchezza?, scritto dal superiore della Fraternità di Cristo Sacerdote y Santa María Reina, Padre Manuel María de Jesús. Molto presto, esso è stato tradotto in portoghese, prova dell'interesse che suscita nella penisola iberica, ed è ora oggetto di un progetto di versione francese.

Questo libro, che va all'essenziale, rompe infatti il grande silenzio che circonda, sia in Spagna che in Portogallo, la liberalizzazione della Messa tradizionale da parte di Papa Benedetto XVI. Questo silenzio è stato misurato dai sondaggi commissionati da Paix Liturgique in questi paesi: in Portogallo, secondo il sondaggio Harris Interactive del 2010, il 74% dei cattolici non aveva mai sentito parlare del Motu Proprio; in Spagna, secondo il sondaggio Ipsos nel 2011, questa cifra sale all' 81,7%.

L'opera di Padre Manuel è davvero notevole, specialmente in ragione delle motivazioni spirituali, teologiche, e profondamente romane che la animano, e vi invitiamo a scoprirle nella seguente intervista. La gioia e la gratitudine che egli mostra per la scoperta della liturgia tradizionale sono comunicative. Egli vuole condividere al massimo il tesoro che ha scoperto.

D'altronde non lo si dirà mai abbastanza: l'esperienza dimostra che i seminaristi, sacerdoti e fedeli (in particolare i giovani, vedi la nostra lettera n.310) che 'gustano' la Messa tradizionale vi si « convertono » in fretta. La Messa straordinaria è contagiosa... e produce vocazioni. Per esempio, tutti sanno o non dovrebbero ignorare che le due parrocchie di Parigi più feconde di vocazioni al sacerdozio sono St-Eugène-Ste-Cécile e St-Nicolas-du-Chardonnet.

I - INTERVISTA A PADRE MANUEL

1) Padre Manuel, puoi presentarti ai nostri lettori?

Padre Manuel: Il mio nome è Manuel Otero Folgar - come religioso, P. Manuel María de Jesús. Sono stato ordinato nel 1988 per la diocesi di S. Giacomo di Compostela. Lì ho lavorato per dieci anni come vicario della parrocchia di San Giuseppe di Pontevedra, cappellano ospedaliero, direttore della Curia della Legione di Maria e direttore spirituale di una sezione del adorazione notturna. Per dodici anni ho insegnato religione al college. Sono stato anche amministratore di molte parrocchie rurali nel corso degli ultimi quindici anni, e, infine, fondatore di una associazione privata di fedeli, la Confraternita di Cristo Sacerdote e Santa Maria Regina (Fraternidad de Cristo Sacerdote e Santa María Reina). In quest'ultima sono nati la Società dei Missionari di Cristo Sacerdote e Santa Maria Regina istituto religioso femminile in formazione, e i Fratelli della Fraternità di Cristo Sacerdote e Santa Maria Regina associazione pubblica [come la Comunità di Saint-Martin ma di diritto diocesano, non papale - ndr], con sede a Toledo della quale io sono, dal 2009, il superiore.

2) Qual è la sua esperienza della forma straordinaria del Rito Romano e che posto prende il Motu Proprio Summorum Pontificum è nella sua vita di prete?

Padre Manuel: a causa della mia età - Sono nato nel 1962 - non ho alcun ricordo della Messa tradizionale durante la mia infanzia e ancor meno durante la mia adolescenza e oltre. La prima volta che ho partecipato a una celebrazione della Santa Messa secondo quello che oggi è chiamata la forma straordinaria, è stato dopo il 2000.

E' solo dal 2004-2005 che ho iniziato di conoscere la liturgia tradizionale in occasione delle mie visite al monastero di Le Barroux. E nel 2007 ho anche avuto l'opportunità di scoprire il seminario internazionale dell'Istituto di Cristo Re, a Gricigliano, accompagnato dal cardinale Cañizares, che conferisce ordinazioni sacerdotali.

In realtà, fu solo a partire dal 2007, con la pubblicazione del Motu Proprio Summorum Pontificumche ho cominciato a celebrare assiduamente secondo la forma straordinaria. Nel mese di ottobre dello stesso anno, in un'indimenticabile udienza, il cardinale Castrillon Hoyos, già Presidente della Commissione Ecclesia Dei, ci ha dato i suoi incoraggiamenti. Oggi, la forma straordinaria è propria della nostra comunità ed è riconosciuta come tale nei nostri statuti.

La mia esperienza è molto positiva e anche, per certi versi appassionante. Ho percorso il cammino della scoperta di questo tesoro meraviglioso che ci era nascosto, in compagnia dei Fratelli della mia comunità, ma anche dei miei parrocchiani. Per i più anziani, è stata una riscoperta e una novità assoluta per i giovani.

Nelle mie varie parrocchie, non ho mai incontrato la minima resistenza o l'avversione alla Messa Tradizionale. Questo può sorprendere qualcuno, ma è vero. I miei fedeli e io, insieme, abbiamo vissuto nella nostra carne l'esperienza che racconta il Vangelo, quella del padre che prende dal tesoro di famiglia del nuovo e del vecchio (Mt 13:51). Il padre è stato per noi, Sua Santità Benedetto XVI, che ci ha rivelato e ci ha messo a disposizione questo meraviglioso tesoro, antico ma sempre nuovo, che è la liturgia bimillenaria della chiesa, autentico monumento di fede e di pietà.

Nella mia la vita di sacerdote, questo ha rappresentato un arricchimento a tutti i livelli: dottrinale, di preghiera, di identificazione con Cristo Sacerdote e Vittima, ecc. E molti altri aspetti che non è opportuno approfondire ora.

Colgo l'occasione per evidenziare un errore: alcuni riconoscono che la liturgia tradizionale può arricchire il sacerdote che celebra, ma i fedeli considerano dannoso per ridurre in modo significativo impoverimento spirituale o addirittura vietare la loro partecipazione e comprensione della liturgia, ho deve umilmente dire che non coincide con la mia esperienza, anzi.

La celebrazione della liturgia tradizionale richiede al sacerdote di dare una maggiore attenzione pastorale ai fedeli, nel senso di concentrarsi maggiormente sulla loro formazione dottrinale e spirituale: un formazione continua sulla base dell'insegnamento di ciò che è la vera actuosa participatio - vale a dire una disposizione interiore di unirsi con il Cristo Vittima, attraverso il sacerdote, ministro di Cristo e della Chiesa, che rinnova ed offre il Santo Sacrificio -; più cura nella loro formazione liturgica e mistagogica [introduzione alla comprensione spirituale dei sacramenti, come viene praticata dai Padri della Chiesa - NdR].

Con quale diritto e su quali basi si può sottovalutare la capacità dei credenti di partecipare degnamente e con frutto nella liturgia della Chiesa duemila anni?

Ci sono fedeli poco coltivati e provenienti da ambiti semplici che potrebbero superare di buon numero coloro che si credono dotti. Sono fedeli che non hanno mai messo piede in una facoltà di teologia, ma che conoscono col cuore il contenuto della fede, vivendo con una profondità sorprendente il mistero dell'Eucaristia per la loro profonda unione con Cristo Sacerdote, prendendo dalla loro partecipazione al Santo Sacrificio forza e ispirazione per offrirsi poi, nella loro vita quotidiana, come hostie viventi, sante e gradite a Dio.

Oggi, grazie a Dio, i fedeli sanno leggere e possono seguire i testi della Messa sul loro messale per immedesimarsi più perfettamente nelle preghiere della Santa Liturgia. Ciò richiede concentrazione e attenzione più grandi di quelle di coloro che si accontentano di ascoltare. Perciò in molte obiezioni al Motu Proprio, si trova più ideologia che ragioni fondate.

3) Nell'introduzione al suo libro giustifica la sua opera con la mancanza di conoscenza che i sacerdoti e ancor più i fedeli spagnoli hanno del Motu Proprio. Non è sorpreso dal risultato del sondaggio condotto da Ipsos per Paix Liturgique, alla vigilia della Giornata Mondiale della Gioventù, che indica che il 69,5% dei praticanti spagnoli non ne hanno mai sentito parlare?

Padre Manuel: Io non sono del tutto sorpreso. In effetti, il risultato mi sembra al di sotto della realtà. Sono convinto che la stragrande maggioranza dei fedeli non ha mai sentito parlare del Motu Proprio. E che coloro che ne hanno avuto qualche eco anche tra i sacerdoti, non ne conosce il contenuto. Si leggono poche cose a questo riguardo. Prevale l'idea, totalmente distorta, che il Papa ha autorizzato la messa in latino per i fedeli di Mons. Lefebvre, questo è tutto.

Molti diffondono questo equivoco per mettere un freno all'insegnamento del Papa e sminuire l'importanza del Motu Proprio che, per inciso, ha forza di legge per la Chiesa universale e, come tale, stabilisce autentici diritti e doveri che devono essere rispettati da tutti. Purtroppo molte persone si accontentano dei titoli sensazionali che distorcono la realtà e la verità dei contenuti offerti da alcuni media.

4) Il suo libro, e tanto la sua forma quanto il suo contenutolo provano, hanno dunque come principale di meglio far conoscere il testo del Motu Proprio e la volontà del Papa sulla liturgia. Che accoglienza ha ricevuto in Spagna?

Padre Manuel: ho cercato di fare del mio meglio. L'accoglienza da quelli che il libro potrebbe raggiungere è molto buona anche se i nostri mezzi sono limitati.

Per un argomento del genere non si può contare sulle case editrici cattoliche. Non li interessa, non corrisponde alla loro linea editoriale... Basti pensare che quando il favoloso libro di Mons. Schneider, Dominus Est - che si dice molto piaciuto al Santo Padre - è stato offerto a diversi editori spagnoli per una miseria in termini di diritto d'autore, nessuno ha voluto pubblicarlo. Non so cosa ne sarebbe oggi... E parlo di case editrici cattoliche, tra cui alcuni ritenute "conservatrici". Anche in questo caso, prevale l'ideologia. E' come se si volesse che la gente non sappia troppo, senza pensano autonomamente, si sottomettono al pensiero dominante. E' triste ma vero. Benedetto XVI ha più volte denunciato la dittatura del relativismo. Beh, potremmo parlare nello stesso modo, senza dubbio, dell'esistenza di una dittatura del pensiero unico, presente e molto potente e in certi ambienti.

Perché alcuni mostrano tanta paura all'idea che le persone possano conoscere sperimentare e decidere? Non è da molti anni che si proclama che i laici sono adulti? Non possiamo lasciare che i fedeli decidano ed evitare di mettere un bastone tra le ruote alle decisioni del Santo Padre?

5) Nel capitolo 9, lei insiste sulla necessaria unità delle chiese locali con Roma. Un solo prelato spagnolo, Mons. Ureña Pastor, finora ha celebrato la forma straordinaria nella sua diocesi, si può sperare che il suo esempio sia presto seguito da altri vescovi?

Padre Manuel: Ad oggi, solo due vescovi spagnoli sembrano aver celebrato la forma straordinaria, anche se ciò ha avuto luogo quasi in segreto: durante la GMG. Senza alcun preavviso né resoconti. Non vi hanno partecipato quasi del tutto che coloro che dovevano partecipare perché facenti parte di gruppi legati alla forma straordinaria. Io non so chi ha la responsabilità di questa situazione, ma non mi permetto di pensare che questo sia stato fatto in mala fede.

Non posso immaginare che altri vescovi presto celebrino la Messa tradizionale nella loro diocesi, in parte perché non ci sono richieste organizzate e strutturate da parte di fedeli, religiosi o di preti. Tuttavia, molti preti riconoscono di non osare apprendere né celebrare per timore di incomprensioni e di critiche. In Spagna siamo alla fase di Nicodemo: imparare a celebrare in segreto... contro i fatti, non c'è argomento che tenga. E i fatti ci dicono che si tratta di fedeli e sacerdoti, i più determinati e convinti di portar avanti le cose. Non conosco i pensieri intimi del Santo Padre, ma sembra proprio che con il Motu Proprio il Papa ha liberato la questione dalla decisione arbitraria dei vescovi. Negli ultimi anni, coerentemente, Roma insiste sul "diritto dei fedeli" a partecipare alla liturgia tradizionale e non dei vescovi di consentire o meno. La più alta autorità in materia liturgica è il papa. Ora, è Benedetto XVI che ha promulgato il motu proprio e ha colto l'occasione per ricordare che la Messa tradizionale non è mai stata ufficialmente abrogata. Ciò che mi fa pensare che, dove è stata di fatto vietata, è stato in violazione di diritto.

Le Chiese locali sono chiamati a vivere in comunione affettiva ed effettiva con la Chiesa Madre di Roma. Questa comunione si esprime e si manifesta in maniera eccellente attraverso la liturgia. Senza dubbio, in ogni diocesi, il vescovo è il responsabile supremo della liturgia, compito che deve svolgere in perfetta armonia e la comunione con la Sede Apostolica. Proprio per questa ragione il Motu Proprio non diminuisce in nulla l'autorità dei vescovi.

Un'altra enormità consiste nell'affermare che la coesistenza di diverse forme liturgiche mettere in pericolo la comunione ecclesiale. Questo argomento si smonta facilmente sia sul piano storico che in termini di realtà concreta. Basti pensare alla ricchezza dei diversi riti orientali e latini. Chi può seriamente sostenere che una tale varietà mette in pericolo l'unità della Chiesa? Al contrario, l'unità della Chiesa è attaccata quando si negano le verità della fede, quando si contesta il Magistero, quando si disobbedisce al Vicario di Cristo o quando qualcuno si appropria della liturgia come se fosse la propria, la "fabbrica" sovvertendo le leggi della Chiesa.

Ci sono anche dei vescovi che spiegano che in realtà non c'è un numero sufficiente di fedeli che chiedono la celebrazione della forma straordinaria. A volte questo è vero, almeno in Spagna. Ma è altrettanto vero che noi non chiediamo ciò che si teme di chiedere e ciò che si ignora del tutto. Ma oggi, molti ignorano l'esistenza della forma straordinaria e, quindi, non possono liberamente decidere.

6) Per tornare alla Ipsos per Paix Liturgique cosa le ispira, il 50,4% di praticanti che si dichiarano disposti a partecipare almeno una volta al mese alla forma ordinaria, se è celebrata nella parrocchia, senza sostituire la forma ordinaria?

Padre Manuel: Non mi sorprende in assoluto. Credo anche che la reale percentuale di partecipazione potrebbe essere più alta, avendo osservato che dove la forma straordinaria viene celebrata - dopo 40 anni! - i fedeli sono stupiti e chiedono di poter partecipare di nuovo. Non capisco perché un tale tesoro rimane nascosto dietro una porta chiusa a doppia mandata. E parlo dei fedeli di ogni età. E' molto curioso vedere come la forma straordinaria piace ai bambini. La Messa tradizionale ha un fascino speciale sui chierichetti. E nello stesso tempo per i giovani che hanno una sensibilità particolare e una disposizione per la bellezza, il senso del mistero, il culto e il silenzio contemplativo. devo anche dire che è richiesta una formazione preliminare e una vera catechesi liturgica per riscoprire la ricchezza dottrinale simbolica e spirituale di questa liturgia. I fedeli ne sono incantati.

7) Una parola per concludere?

Padre Manuel: ringrazio Paix Liturgique per questa intervista. Come suggerisce il nome, si tratta di raggiungere la pace liturgica e soprattutto quella dei cuori, frutto della giustizia. Ed è fare opera di giustizia rispettare i diritti dei fedeli e concedere alla liturgia tradizionale il posto che le spetta! Così lo esprime il nostro amato Papa Benedetto XVI nella sua lettera ai vescovi che accompagna il Motu Proprio Summorum Pontificum: "Ciò che era sacro per le generazioni precedenti resta sacro e grande per noi, e non può improvvisamente esser del tutto proibito, o addirittura, giudicato dannoso. È un bene per tutti noi conservare le ricchezze che sono cresciute nella fede e nella preghiera della Chiesa, e dare loro il giusto posto."

Per acquistare il libro (originale in spagnolo), si prega di inviare una e-mail a: santamariarenet@hotmail.com o chiamare 0034 619 011 226.

Nessun commento:

Posta un commento