ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 19 settembre 2012

MESSAGGIO DI MARIA IN GIAPPONE CREA INSPIEGABILI COLLEGAMENTI CON ALTRI CASI E COL TERZO SEGRETO FATIMA




Pontifex.Roma
Dall’articolo in lingua inglese a firma Michael H. Brown pubblicato in data 17/3/2011 sul sito www.marianapostolate.wordpress.com
Traduzione in italiano
Anni fa, quando Howard Q. Dee, ambasciatore delle Filippine in Vaticano, stava chiacchierando con un alto funzionario della Chiesa di nome Joseph Card. Ratzinger, Dee ha richiamato il terzo segreto di Fatima, che a quel tempo era ancora proprio tale: un segreto. Egli inoltre ha parlato di una recente rivelazione in Giappone, in cui era profetizzata una grande catastrofe. Si trattava di Akita, dove una suora sorda, suor Agnese Sasagawa, ha detto di aver "sentito" la voce di Maria che proveniva da una statua che piangeva sia lacrime e sangue. Il Cardinale Ratzinger (ora, naturalmente, Benedetto XVI) aveva autorizzato il vescovo locale, John Ito, di Niigata, a rilasciare una lettera pastorale che approvava i fenomeni Akita, almeno in parte.

"Ho ipotizzato che l'approvazione da parte del Cardinale Ratzinger della lettera pastorale era dovuta al fatto che egli aveva riconosciuto il terzo segreto di Fatima nel messaggio di Akita, una prova della sua autenticità", ha scritto l'ambasciatore Dee. "Per confermare questa ipotesi, durante la mia visita di congedo al Cardinale Ratzinger, alla fine del mio mandato di ambasciatore filippino in Vaticano, ho interrogato il grande Cardinale riguardo alla correlazione dei messaggi di Fatima e Akita. Sapevo che era una questione delicata, perché la sua risposta avrebbe potuto rivelare indirettamente il contenuto del terzo segreto. Con mia gradita sorpresa, egli mi ha confermato che questi due messaggi erano essenzialmente la stessa cosa."
(omissis)
E’ interessante il fatto che l'11 ottobre 1993, durante un incontro con il cardinale filippino Ricardo Vidal, si è sostenuto che Suor Lucia di Fatima ha detto che, quando Papa Giovanni Paolo II consacrò il mondo al Cuore Immacolato, nel 1984, la sua azione ha sventato un grave ed imminente conflitto. "La consacrazione del 1984", ha detto Suor Lucia (una dei veggenti più famosi della storia), "ha evitato una guerra atomica che si sarebbe verificata nel 1985."
Quanto sopra detto è confermato da altre testimonianze.
Ad esempio quella che ho trovato nel sito di Antonio Socci “Lo Straniero - Il blog di Antonio Socci” sul quale in data 3 gennaio 2012 è stato pubblicato un articolo dal titolo ULTIME NOTIZIE DA FATIMA: CIÒ CHE LA MADONNA HA FATTO (E FA) PER NOI …
L’intero articolo (di cui qui riportiamo un estratto molto interessante) può essere letto al seguente indirizzo: CLICCA QUI.
“Anni dopo venni in possesso di una straordinaria intervista di suor Lucia che il 14 ottobre 1993 era stata registrata con la telecamera da un giornalista portoghese (la trasmisi in tv, ad Excalibur).
In essa l’anziana suora, fra le altre cose, faceva questa sorprendente affermazione: “La Consacrazione del 1984 ha evitato una guerra atomica che sarebbe accaduta nel 1985”.
In effetti la Madonna a Fatima aveva predetto che il comunismo avrebbe scatenato guerre e questa profezia era nota e pubblica da anni.
Ma ero perplesso perché non capivo chi e quando poteva aver fatto sapere a suor Lucia che un conflitto nucleare nel 1985 era stato scongiurato grazie alla Consacrazione del 1984, visto che le apparizioni di Fatima erano avvenute molti anni prima.
La risposta mi venne implicitamente il 17 febbraio 2005, quando aprii Repubblica e vi trovai un’ampia intervista al cardinale Bertone.
Il prelato, che più volte aveva fatto visita alla suora portoghese, rivelò, fra le altre cose, che “Lucia ebbe una visione nel 1984, l’ultima ‘pubblica’ di cui non si è mai parlato, durante la quale la Madonna la ringraziava della consacrazione nel suo nome”.
Evidentemente era in quell’occasione che la veggente aveva avuto la clamorosa “informazione” e da una fonte davvero attendibile e “altolocata”.
Massimo Minarelli


Nessun commento:

Posta un commento