ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 1 marzo 2014

Segni nell'aria


ANCORA SULLE COLOMBE DI PAPA BERGOGLIO



   

 Nel nostro intervento del gennaio 2014 esponemmo talune nostre riflessioni sull’evento verificatosi in piazza San Pietro la domenica 26 gennaio. I lettori ricorderanno che, dalla finestra dell’appartamento papale furono, da due fanciulli,  “lanciate in basso” – per espresso consiglio del pontefice -  due colombe le quali, subito avvistate  da un gabbiano e da un corvo  vennero assalite, una delle quali divorata dal gabbiano.


Ricordiamo questo fatterello perché, per una di quelle tante fortuite circostanze dovute al nostro peregrinare per libri e per notizie, abbiamo potuto conoscere l’esistenza  di un  “monumento alla pace”, eretto in quel di Ginevra, ove, sulla facciata di una palazzina sita in rue Varembé n. 1, - già sede  della Società delle Nazioni (SdN) ed ora ufficio del satanista “Lucis Trust”, campeggia, in lastra di ferro battuto, una gigantesca allegorìa della Nuova Era dell’Acquario – New Age - rappresentata da due gabbiani, èra di pace, e da una colomba sottostante, inscritta a vuoto in uno scudo sostenuto da un uomo, in foggia ginnica di  slancio, quale espressione di progressiva ed inarrestabile ascesi. (Epiphanius –Massoneria e sette segrete – ed. Controcorrente 2008 pag. 609).L’accostamento tra le colombe del papa e questa della ex sede SdN  è perfettamente corrispondente tal che non è possibile ignorare una qual che sia similarità speculare e capovolta.
E’ facile far propria una semplice riflessione che da siffatta allegoria sgorga immediata: la pace che intende quella composizione  è quella che dà il mondo, una pace fondata sulla supponente e superba autonomìa  dell’uomo, una pace senza  Dio, una pace fondata sulla sabbia della precarietà della volontà  e degli impegni puramente umani smentiti, puntualmente, dalla storia e dalla quotidianità.
Sembra così che l’evento completo verificatosi domenica 26 gennaio in Piazza San Pietro, sia un ammonimento, peraltro niente affatto criptico e allusivo a chi sa leggere alla luce del Vangelo, su quale possa essere la sorte dell’umanità e della pace stessa se anche la Chiesa, nella persona del  suo pontefice, aderisce alla visione filosofica e puramente antropologica di una pace slegata da Cristo, di quella pace che l’ONU da anni di giorno promuove e, nello stesso tempo, novella Penelope, di notte demolisce e vanifica.

Il corvo, uccello carnivoro che non disdegna le carogne, simbolo e segno  della seconda fase alchemica, la così detta “opera al nero”, rappresenta lo stato di corruzione generale in cui si sta decomponendo l’umanità e su cui, i corvi  nel cielo e le iene in terra, si gettano così come si gettò quello biblico liberato da Noè e che non tornò indietro.  Nel nostro caso, tale putredine si assimila alla  neoterica dottrina, la “nouvelle theologie” che, abbandonata la sofferta ed aspra via maestra segnata da  Colui che disse essere VIA/VERITA’/VITA,  si dedica non più ad interpretare ontologicamente l’uomo alla luce della legge di Dio secondo un piano di trascendenza,  ma a trasformarlo, secondo i proprii bisogni, giusta  dettato marxista per il quale la prassi dell’immanenza dell’hic et nunc elimina la teoresi.
  
Si spiega, perciò, la recente ed ambigua  affermazione di papa Bergoglio per il quale “la Chiesa non ha bisogno di vescovi apologeti delle proprie cause né di crociati delle proprie battaglie” – le quali “proprie cause e proprie battaglie” dovrebbero essere  quelle che Cristo ha indicato quando ha comandato di diffondere il Vangelo, portando nel mondo il fuoco e la spada.  Ma oggi l’indicazione è tutt’altra: seminare la pace andando d’accordo con tutti, niente apologìa dei santi, niente battaglie per la fede. “Quando mi domandano un orientamento, la mia risposta – dice Francesco I – è sempre la stessa: dialogo, dialogo, dialogo” (S. Rubin-F. AmbrogettiJorge Bergoglio. Papa Francesco. Il nuovo papa si racconta – Ed. Salani 2013 pag 11).

Si spera, tuttavia, che il Pontefice, sullo slancio di questa ottimistica prospettiva, non si lasci convincere a dialogare anche con la massoneria dalla quale, su iniziativa del Gran Maestro 
della Gran Loggia  d'Italia u. m. s. o. i. [unione massonica stretta osservanza iniziatica] Gianfranco Pilloni, gli è pervenuta una commossa e deferente preghiera di colloquio nel fine di costruire la pace e una nuova società.  Ce la farà a dire di no, a rifiutare il “ramoscello di ulivo” che la sinagoga di Satana subdolamente gli offre o, come già per Scalfari, è pronto l’invito fraterno in santa Marta?

Ma stia attento perché quel “profetico” e monitorio siparietto apertosi domenica 26 gennaio 2014 in Piazza San Pietro doveva, a ciascun cattolico, tanto più a lui, rammentare che la pace – tanto terrena che celeste – non è cosa che l’uomo possa, da solo, creare e conservare. Essa è possibile solo nella fede e per la fede in Colui che tutto può.
Ma è così difficile ricordare la differenza tra la pace del mondo e quella di Dio?

Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi” (Gv. 14, 27).
  
Il gabbiano che ha divorato la colomba ha dato un segnale su cui la Gerarchìa dovrebbe meditare.

1 commento:

  1. Quoto. Se reputano superstizione i segni simbolici che almeno prestino attenzione alle iniziative manifeste. Quella della massoneria è un'operazione in grande stile , dalla lettera della Gran Loggia , all'inaugurazione di 'Casa Nathan' a Roma.

    RispondiElimina