ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 22 aprile 2015

Mina vagante..?

Cardinale Burke risponde alle critiche recenti

Il Cardinale Raymond Leo Burke, 66, è turbato dalla campagna negativa che è stata condotta contro di lui. Ordinato vescovo da Papa Giovanni Paolo II, nel 1995, l'esperto rispettato in diritto canonico è stato chiamato a Roma da Papa Benedetto XVI nel 2008 come Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica prima di essere nominato cardinale nel 2010. 
Negli ultimi mesi, i critici lo hanno descritto come un "fanatico ultraconservatore", "anti-conciliare", "in cospirazione contro il Papa" e anche pronto per una scissione se dovesse il prossimo Sinodo famiglia aprire cambiamenti indesiderati.

La critica è stata così diffamatoria che in Italia molti vescovi hanno persino rifiutato di accogliere le sue lezioni nelle loro diocesi. Dove è stato permesso di dare una conferenza - come recentemente in alcune città del nord Italia - ci sono sempre sacerdoti che lo oppongono e lo accusano di diffondere propaganda contro il Papa.
"E 'una sciocchezza totale; Non capisco questo atteggiamento ", ha detto il cardinale Burke. "Non ho mai detto una sola parola contro il Papa; Mi sforzo solo per servire la verità, un compito che tutti noi abbiamo. Ho sempre visto i miei discorsi e le mie attività come supporto al ministero petrino. Le persone che mi conoscono bene possono testimoniare il fatto che io non sono anti-papale. Al contrario, sono sempre stato estremamente leale e volevo servire il Santo Padre, come sto facendo ora. "
In effetti, incontrandolo nel suo appartamento, a due passi da Piazza San Pietro, con i suoi modi gentili e la spontaneità, il Cardinale Burke non ha alcuna somiglianza con quella dura difensore della "dottrina freddo", come viene descritto dai media tradizionali.
Cardinale Burke, nel dibattito che ha preceduto e seguito il primo sinodo sulla famiglia, alcune delle sue dichiarazioni ha fatto suonano come critiche al Papa, o almeno questo è il modo in cui sono stati interpretati. Ad esempio, molto scalpore è stato causato da sua osservazione recente, "Io resisterò; Io resisto, "come risposta ad una eventuale decisione del Papa di concedere la comunione a divorziati risposati.Questo commento è stato travisato, e non c'era alcun riferimento a Papa Francesco. Credo che perché ho ​​sempre parlato molto chiaramente sulla questione del matrimonio e della famiglia, ci sono persone che vogliono minare quello che dico da me che raffigura come un nemico del Papa o addirittura pronto per uno scisma utilizzando questa risposta ho dato in un'intervista a un canale televisivo francese.
Come dobbiamo interpretare questa risposta?Semplicemente. Il giornalista mi ha chiesto cosa avrei fatto se, per ipotesi, non riferendosi a Papa Francesco, un pontefice dovesse prendere decisioni contrarie alla dottrina e la prassi della Chiesa. Ho risposto che dovrebbe resistere, perché siamo tutti al servizio della verità, a cominciare dal Papa. La Chiesa non è un organo politico, nel senso di potere. Il potere è Gesù Cristo e il suo Vangelo. Pertanto, ho risposto io resistere, e non sarebbe la prima volta che questo è successo nella Chiesa. Ci sono stati diversi momenti nella storia in cui qualcuno ha dovuto resistere al papa, a cominciare da St. Paul contro San Pietro, in materia di Judaizers che voleva imporre la circoncisione sui Greci convertiti. Nel mio caso, non sto resistendo Papa Francesco a tutti perché non ha fatto nulla contro la dottrina. Né mi vedo in una lotta contro il Papa, mentre cercano di rappresentare me. Non sto perseguendo gli interessi di un gruppo o di partito. Sto semplicemente cercando, come un cardinale, di essere un maestro della fede.
Un'altra critica fatta contro di voi è la vostra presunta passione per "pizzo", un commento utilizzata in un modo umiliante per criticare le vostre vesti clericali e liturgici preferiti come qualcosa che il Papa non può sopportare.Il Papa non ha mai fatto mi consapevole che disapprova il modo in cui Mi vesto, che, in ogni caso, è sempre stato all'interno norme della Chiesa. Celebro la liturgia anche in forma straordinaria del rito romano, e ci sono paramenti per questo che non esistono per la celebrazione della forma ordinaria, ma ho sempre indossare ciò che è necessario per il rito che sto celebrando. Non sto facendo una dichiarazione politica contro modo del Papa di vestire. Va detto che ogni Papa ha il suo stile, ma non impone questo su tutti gli altri vescovi. Quindi non capisco perché questo dovrebbe essere un motivo di polemica.
Ma i giornali spesso usano una foto di voi indossare chiaramente un cappello fuori moda.
Sì, lo so, ma è semplicemente incredibile. Posso spiegare: Quella foto è stata sparsa in giro dopo Il Foglio pubblicò a fianco l'intervista che ho fatto al momento del sinodo. L'intervista era stato fatto bene, ma, purtroppo, hanno scelto una foto che non aveva niente a che fare con essa, che mi dispiace, perché, in questo modo, hanno dato l'impressione errata di una persona che vive nel passato. La verità è che, dopo essere stato nominato cardinale, sono stato invitato a una diocesi nel sud Italia per un convegno sulla liturgia. Per l'occasione, l'organizzatore ha deciso di darmi in dono cappello di un vecchio stile di cardinale. Non ho idea di dove ha ottenuto dalla. Ho tenuto in mano e, ovviamente, non aveva alcuna intenzione di indossare regolarmente, ma lui mi ha chiesto di mettere a prendere almeno una foto. Questa è stata l'unica volta che ho messo il cappello in testa, ma, purtroppo, quella foto è stato pubblicato in tutto il mondo, e alcuni lo usano per dare l'impressione che io vada in giro così. Ma non ho mai indossato, nemmeno per una cerimonia.
Sei stato anche nominato come l'ispirazione, se non il promotore della "Petizione al Papa Francesco per la Famiglia", che è stata distribuita una raccolta di firme per un certo numero di siti web tradizionalisti.ho firmato che la petizione, ma non è la mia iniziativa o la mia idea. Né ho scritto o collaborare nella stesura del testo. Chi dice il contrario è affermare qualcosa di falso. Per quanto ne so, è un'iniziativa di laici. Mi è stato mostrato il testo, e ho firmato, come hanno fatto molti altri cardinali.
Un'altra delle accuse contro di voi è che siete contro il Concilio Vaticano II.Queste etichette sono facili da applicare, ma non vi è alcun fondamento nella realtà. Tutta la mia formazione teologica nel seminario maggiore si è basato sui documenti del Concilio Vaticano II, e sto ancora cercando di studiare questi documenti più profondamente. Io non sono affatto contrario al Consiglio, e se si legge i miei scritti, troverà che cito i documenti del Vaticano II molte volte. Quello che non condivido è il cosiddetto "spirito del Concilio", che non è fedele ai testi del Consiglio, ma la pretesa di creare qualcosa di totalmente nuovo, una nuova chiesa che non ha nulla a che fare con tutte le cosiddette aberrazioni del passato. A questo proposito, sono pienamente seguo presentazione illuminante di Papa Benedetto XVI alla Curia Romana per il Natale 2005: E 'il famoso discorso in cui spiega l'ermeneutica corretta, che è quella della riforma nella continuità, in contrasto con l'ermeneutica della rottura in discontinuità che molti settori promuovono. La presentazione di Papa Benedetto XVI, è brillante e spiega tutto. Molte cose che sono successe dopo il Concilio e sono attribuiti al Consiglio non hanno nulla a che fare con il Consiglio. Questa è la pura verità.
Ha Papa Francesco "punire" voi da voi rimuovendo dalla Segnatura Apostolica e affidandovi con il patrocinio del Sovrano Militare Ordine di Malta?In un'intervista al quotidiano argentino La Nacion , il Papa ha già risposto a questa domanda spiegando i motivi della sua decisione. Questo dice già tutto, e non spetta a me commentare.Posso solo dire, senza rivelare le informazioni riservate, che il Papa non mi ha mai detto o mi ha dato l'impressione che ci fosse qualcosa che voleva punirmi per.
Forse il vostro "reputazione" ha a che fare con quello che il cardinale Walter Kasper ha chiamato la "battaglia Sinodo", che sembra anche a crescere di intensità, come ci avviciniamo al Sinodo ordinario il prossimo ottobre. A che punto siamo oggi?
Direi che vi è ora una discussione più ampia sui temi oggetto del Sinodo, e questo è una buona cosa. C'è un maggior numero di cardinali, vescovi e laici che stanno intervenendo, e questo è molto positivo. Pertanto, non capisco tutta questa agitazione scorso anno fatto sul libro Rimanendo nella Verità di Cristo, a cui ho contribuito, insieme ad altri quattro cardinali e quattro specialisti sul matrimonio.
Fu allora che nacque la teoria di un complotto contro il Papa, una visione eco di recente dal noto storico italiano Alberto Melloni, co-autore di un famoso storico del Concilio Vaticano II, che spinge per un'interpretazione progressiva del Consiglio.Melloni ha scritto un articolo per il più popolare quotidiano italiano Corriere della Sera,accusando i cinque cardinali di un complotto contro il Papa.E 'semplicemente assurdo. Come puoi accusare di complotto contro il Papa coloro che difendono ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato sul matrimonio e la Comunione? Il libro è stato certamente scritto come un aiuto per il Sinodo per rispondere alle tesi del cardinale Kasper. Ma non è polemica, è una presentazione del tutto fedele alla Tradizione, ed è anche la più alta qualità scientifica possibile. Sono assolutamente disposto a ricevere critiche sul contenuto, ma per dire abbiamo cospirato contro il Papa è inaccettabile.
Chi c'è dietro questa caccia alle streghe?Non ho alcuna informazione diretta, ma c'è sicuramente un gruppo che vuole imporre alla Chiesa non solo la tesi di Kasper sulla comunione ai divorziati risposati, o per quelli in situazioni irregolari, ma anche altri le posizioni relative ai temi del Sinodo. Penso, per esempio, l'idea di identificare gli aspetti positivi delle relazioni extraconiugali o omosessuali. E 'evidente ci sono forze che spingono in questa direzione, e questo è il motivo per cui vogliono screditare quelli di noi che stanno cercando di difendere l'insegnamento della Chiesa. Non ho nulla di personale contro il cardinale Kasper; per me, la questione è solo di proclamare l'insegnamento della Chiesa, che in questo caso è legato alle parole pronunciate dal Signore.
Guardando alcuni dei temi emersi con forza nel Sinodo, si parla ancora di una "lobby gay".Non riesco a identificare con precisione, ma vedo sempre più che c'è una forza muoversi in questa direzione. Vedo gente consciamente o inconsciamente alla guida di un ordine del giorno omosessuale. Come è organizzato, non lo so, ma è evidente c'è una forza di questo tipo. Al Sinodo, ci ha detto che l'omosessualità non aveva nulla a che fare con la famiglia; piuttosto, un sinodo dovrebbe essere convocato sul tema se volessimo parlare di questo tema. E, invece, abbiamo trovato nel relatio post disceptationem questo tema, che non era stato discusso dai padri.
Uno degli argomenti teologici che si ripetono frequentemente per giustificare il cardinale Kasper è quella dello "sviluppo della dottrina." E 'non cambia, ma una comprensione più profonda che può portare a nuova pratica.Qui, c'è un grande equivoco. Lo sviluppo della dottrina, come, ad esempio, Beato Cardinale [John Henry] Newman metterlo o altri buoni teologi, significa un approfondimento in apprezzamento nella conoscenza di una dottrina, non il cambiamento di dottrina. Sviluppo in nessun caso porta al cambiamento. Un esempio di questo è l'esortazione post-sinodale di Benedetto XVI sull'Eucaristia, Sacramentum Caritatis, dove presenta lo sviluppo della conoscenza della presenza reale di Gesù nell'Eucaristia, espressa anche in adorazione eucaristica. Ci sono, infatti, stati alcuni che erano in contrasto con l'adorazione eucaristica, poiché l'Eucaristia deve essere ricevuto dentro di noi. Ma Benedetto XVI ha spiegato - anche citando Sant'Agostino - che se è vero che il Signore ci dona se stesso nell'Eucaristia per essere consumato, è anche vero che non è possibile riconoscere questa realtà della presenza di Gesù 'sotto le specie eucaristiche senza adorare questi specie. Questo è un esempio di sviluppo della dottrina, ma non è il caso che la dottrina sulla presenza di Gesù nell'Eucaristia è cambiato.
Uno dei temi ricorrenti nella controversia sul Sinodo è la presunta opposizione tra la dottrina e la pratica, la dottrina e la misericordia. Il Papa insiste spesso l'atteggiamento farisaico di chi usa la dottrina per tenere fuori l'amore.Io penso che si debba distinguere tra ciò che il Papa dice in certe occasioni e chi afferma un'opposizione tra la dottrina e la pratica. La Chiesa non può mai permettere un contrasto tra la dottrina e la pratica, perché viviamo la verità che Cristo ci comunica nella sua santa Chiesa, e la verità non è mai qualcosa di freddo. È la verità che ci apre uno spazio per l'amore; per amore, in realtà, si deve rispettare la verità della persona e della persona in situazioni particolari in cui si trova lui o lei. Pertanto, la creazione di una sorta di contrasto tra la dottrina e la pratica non riflette la realtà della nostra fede. Colui che sostiene la tesi del cardinale Kasper - un cambiamento di disciplina che non tocca la dottrina - dovrebbe spiegare come questo sia possibile. Se la Chiesa permette comunione per una persona che è vincolato da matrimonio, ma che vive con un'altra persona in un rapporto matrimoniale, che è in uno stato di adulterio: Come può la Chiesa permettere questo e mantenere allo stesso tempo che il matrimonio è indissolubile? Il contrasto tra la dottrina e la pratica è un falso contrasto che dobbiamo respingere.
Ma è anche vero che si può usare la dottrina senza amore.Assolutamente, e questo è ciò che il Papa condanna, l'uso di dottrina o legge per promuovere una agenda personale per dominare le persone. Ma questo non significa che c'è un problema con la dottrina e la disciplina; solo ci sono persone di cattiva volontà che commettono abusi, ad esempio, interpretando la legge in un modo che danneggia le persone. Oppure applicare la legge senza amore, insistere sulla verità di una situazione di una persona, ma senza amore.Anche quando qualcuno è in uno stato di peccato grave, dobbiamo amare quella persona e lui o lei aiutare come Nostro Signore ha fatto con l'adultera e la Samaritana. Era molto chiaro nell'annunciare lo stato del loro peccato, ma, allo stesso tempo, ha mostrato grande amore per invitarli a uscire da questa situazione. Questo non è ciò che hanno fatto i farisei; invece, hanno mostrato legalismo crudele: denunciando la violazione della legge senza offrire alcun aiuto alla persona su come allontanarsi dal peccato, in modo da ritrovare la pace.
                                                                             Tradotto da Patricia Gooding-Williams
(Traduzione This has been Pubblicata dal popolare sito americano Nazionale Catholic Register )
di Riccardo Cascioli
BURKE: NON SONO CONTRO IL PAPA (english version)
traduzione automatica, corretta solo all'inizio

4 commenti:

  1. Arrivassero a dire con coraggio quello che nessuno ha ancora avuto il fegato di ammettere: questa gerarchia è modernista, quindi eretica, quindi apostata e per questi motivi SATANICA. Non mi piacciono questi tradizionalisti a la pagè. SI, SI o NO, NO. E' ora di finirla con le illusioni e le prese in giro: la Cattedra del Beato Pietro è con tutta evidenza vacante da più di 50 anni, su di essa oggi siedono e hanno seduto degli impostori. In virtù del principio di non contraddizione o si giunge alla suddetta conclusione oppure è da pensare che tutti i precedenti Pontefici siano stati degli impostori. Occorre chiarezza, la vocazione sacerdotale immagino sia anche una vocazione alla paternità spirituale e un padre non può tergiversare mentre i suoi figli si stanno perdendo e rischiano la dannazione eterna. E' ora che qualcuno alzi la voce si assuma le proprie responsabilità nei confronti del gregge affidatogli. Ci dicano, alla luce del principio di non contraddizione, gli insegnamenti di Bergoglio, Ratzinger, Woytyla, Luciani, Montini e Roncalli sono o non sono CHIARAMENTE compatibili con quelli dei predecessori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo faranno, non possunt, perché contraddirebbero se stessi e la loro vocazione che viene da Dio.
      Non vanno disprezzati però se non la pensano come i sedevacantisti , questo sarebbe, secondo me, un errore peggiore del male in atto.
      La sede non è vacante perché Cristo stesso la regge, anche attraverso dei servi infedeli, perché ha detto che ci assiste fino alla fine dei giorni.
      La Sua agonìa ( o Resistenza, come la chiama Williamson) continua in noi e con noi

      Elimina
    2. Anche io la penso come lei, il mio era uno sfogo. Ma ormai le contraddizioni sono troppe perché si possa far finta di niente. Sarà sicuramente la mia poca e fragile fede ma è' esasperante questa situazione!

      Elimina
  2. I Signori che attaccano il Cardinale Burke, sono semplicemente dei mascalzoni che vorrebbero una " nuova Chiesa " fatta a loro immagine e somiglianza. Ma non l' avranno vinta per un semplice motivo: la Chiesa Santa Apostolica Cattolica non è loro , ma è di Gesù . Certamente c'è da patire, ma non l' avranno vinta. jane

    RispondiElimina