ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 11 luglio 2015

Vescovo pùssa vìa: w la grappa, la crosia e il paone..!


MEDJUGORJE, IL VATICANO CONFERMA IL PUGNO DI FERRO: NO ALLA “VEGGENTE” MARIJA A CITTADELLA

Il “permissivismo” degli ultimi anni, è già un lontano ricordo. Dopo Sestola, Diocesi di Modena, anche Cittadella, Diocesi di Padova, sale alla ribalta delle cronache per il no della Congregazione per la Dottrina della Fede ad un incontro pubblico con una delle presunte veggenti di Medjugorje.
In 600 l’hanno attesa per l’intero pomeriggio, ma Marija Pavlovic a Cittadella si è trattenuta solo una manciata di minuti. E non ha mancato di polemizzare con la Santa Sede per lo stop ricevuto. “La mia presenza a Cittadella ha scatenato l’inferno”, ha detto la donna. “La Curia di Padova ha diffidato gli organizzatori a farmi pregare con voi. Ho deciso comunque di incontrarvi. Non sono una visionaria, sono una persona tranquilla. Non voglio disobbedire alla Chiesa, ma penso che la preghiera non faccia mai male. Il mio viaggio continua, torno a Medjugorje. Non posso pregare con voi, non posso portare la mia testimonianza, ma nessuno potrà impedirmi di pregare nel mio cuore”. 

La Diocesi mette il veto, preghiere vietate a Marija di Medjugorje

Il vescovo di Padova ha vietato l'incontro tra i fedeli e la "veggente" Marija Pavlovic, che si è trattenuta solo alcuni minuti con le centinaia di persone accorse: "Non posso pregare con voi, ma pregherò per voi"

I fedeli nel parco della biblioteca (fonte Facebook)


I fedeli nel parco della biblioteca (fonte Facebook)

Grande delusione per le circa 600 persone accorse, a causa del veto, posto dal vescovo di Padova, alla testimonianza di Marija. Venerdì pomeriggio, a Cittadella, era previsto l'incontro dei fedeli per pregare con la "veggente" di Medjugorje Marija Pavlovic.

IL NO DELLA DIOCESI. La motivazione del no è il rispetto delle indicazioni fornite dalla Conferenza Episcopale della Ex Jugoslavia, secondo cui le apparizioni non sono ancora state provate e quindi clero e fedeli non possono partecipare ad incontri in cui verrebbero date per accertate.
Incontro con la "veggente" di Medjugorje Marija Pavlovic vietato dalla Diocesi
POCHI MINUTI CON I FEDELI. Marija, pur rispettando la decisione, non ha voluto mancare di salutare le centinaia di persone accorse per incontrarla. Si è trattenuta pochi minuti nel parco della biblioteca. "Non posso pregare con voi, ma preghero per voi", ha detto, distribuendo delle immagini della Madonna.
LUNEDì BROSIO A RAI UNO CON DUE VEGGENTI


Estate_in_diretta-logo

Cari amici, lunedì prossimo 13 luglio dalle 14.05 in poi sarò a Rai Uno durante la trasmissione “Estate in diretta”, nello spazio condotto da Eleonora Daniele.
Si parlerà di fede, guarigioni inspiegabili e di due casi di presunte veggenti italiane che sostengono di vedere e parlare con la Madonna.
In studio insieme a me ci sarà Paola Albertini, veggente del Monte Grappa; Anna Biasi, veggente di Mirto Crosia in Calabria; Don Bruno Bevilacqua; Avv Cataldo Calabretta; Mario Tozzi, geologo e autore televisivo; Fabio Salvadori, scrittore.
Lunedì 20 luglio sarò di nuovo ad “Estate in diretta” su Rai Uno per un testa a testa “Paolo Brosio – Cecchi Paone”…
http://paolobrosio.it/lunedi-brosio-a-rai-uno-con-due-veggenti/
Ddl Cirinnà, Cecchi Paone su Fi: "Noi maggioranza. La linea del partito non coincide con quella di Gasparri"
09 luglio 2015, Marco Guerra
Ddl Cirinnà, Cecchi Paone  su Fi: 'Noi maggioranza. La linea del partito non coincide con quella di Gasparri'
“Sono ottimista la Cirinnà sarà approvata”. Alessandro Cecchi Paone, giornalista e responsabile del dipartimento Diritti Civili di Forza Italia, intervistato da IntelligoNews esprime tutto il suo sostegno al ddl sulle unioni civili e garantisce che ora la sua posizione è maggioritaria anche dentro partito di Berlusconi. 

Il segretario di vescovi italiani monsignor Galantino ha negato di aver incontrato la senatrice Cirinnà. Non si fermano però le voci di contatti tra i due per trovare un quadra sul ddl. Secondo lei si tratta di ingerenze della Chiesa o c’è dell’altro?

«Mi dispiace ma stavolta, su questa vicenda, mi limito ad esprimere un no comment…».

C’è però una parte della società civile italiana che è molto attenta agli sviluppi dell’iter parlamentare del ddl Cirinnà…

«A queste persone dico che non ci si mobilità contro i diritti degli altri. Nei Paesi liberali si manifesta solo per i propri diritti, altrimenti è meglio restare a casa».

La preoccupa quindi il successo della manifestazione del 20 giugno? 

«No, non mi preoccupa perché per la prima volta non era benedetta e sostenuta dalla Chiesa italiana. Io vedo solo dei gruppi marginali di cattolici che fanno una battaglia di retroguardia e fuori tempo massimo»

Se esiste un mondo cattolico diviso su questi temi, lo è altrettanto Forza Italia con le sue componenti liberali e conservatrici…

«Berlusconi è stato chiaro, da oltre un anno a questa parte attraverso la Pascale ha lanciato un’operazione di avvicinamento e dialogo con tutte le associazioni gay. Lo stesso Berlusconi   ha fatto delle dichiarazioni sui diritti gay, la più bella delle quali affermava che “si tratta di diritti umani”. Ho poi constatato che c’è un numero enorme di dirigenti di Forza Italia che si è adeguato a queste posizioni».

Ci sono esponenti come Gasparri che però sulla famiglia non intendono cedere di un centimetro…

«La linea del partito non coincide più con quella tenuta da Gasparri. Per tanti anni le posizioni del senatore ex An erano maggioritarie in Forza Italia, ora è lui a trovarsi in minoranza e a doversi adeguare. Sicuramente la sua posizione sulla famiglia non ha più la centralità che aveva prima all’interno del partito».

Lei parla di diritti, ma uno dei temi posti da coloro che contestano la Cirinnà sono proprio i diritti del bambino ad avere un padre e una madre. Posizione condivisa anche da due noti omosessuali come Dolce e Gabbana. Su adozioni e utero in affitto per le coppie dello stesso sesso cosa ne pensa? 

«Personalmente sono favorevole ad entrambi. Ma conosco l’Italia e sono consapevole che certe cose hanno bisogno di un’introduzione graduale. Per questo appoggio pienamente il ddl Cirinnà come strumento che rappresenta una prima porta per accedere ad alcuni diritti fondamentali. Posso dire che, dopo dieci anni di battaglie sul versante liberale, mi sento molto ottimista sul buon esito del percorso parlamentare di questa legge»

14 commenti:

  1. Riguardo a medjugorje , posso capire brosio e "veggenti", essendo laici, e non so di che religione, non sono vincolati all'obbedienza di nessuno: ma a padre livio (sacerdote cattolico) nessun vescovo o superiore gli ha mai detto di smetterla di parlare continuamente della gospa e di reclamizzarla in 70 paesi del mondo quotidianamente? É inutile proibire ai laici di pregare la gospa, quando alcuni consacrati fanno di tutto per convincerci che é tutto vero. Sono questi che secondo me andrebbero puniti per disobbedienza.

    RispondiElimina
  2. ormai si moltiplicano le veggenti anche in italia visto quante ne conosce brosio?venite venite .....non si deve andare in chiesa ma dalla veggente di turno...ad ascoltare i soliti messaggi insulsi.....

    RispondiElimina
  3. Per me avrebbe dovuto limitarsi ai saluti ed evitare ogni altro tipo di commento. Forse non lo hanno ben chiaro ma loro non si limitano a pregare bensì, facendo quello che abitualmente era stato loro permesso, si sostituiscono alla Chiesa quale Madre e Maestra nell'operare il discernimento a vantaggio dei fedeli. Questo è grave. Nessuno le ha vietato di pregare, le hanno vietato di inculcare nella menti di poveri sprovveduti convinzioni la cui natura non si può dire con certezza positiva. Qui non si tratta di mettere in dubbio la buona fede di una persona ma si tratta di valutare fenomeni soprannaturali o preternaturali e questo, con tutto il rispetto, non è compito della signora veggente anche se lo fa di professione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico, ma non sa che dal 1958 la Chiesa non è più "Madre e Maestra" ? lo ha recentemente ribadito anche Bergoglio, aggiungendo che è ormai finita l'epoca della Cristianità. Quindi questi veggenti non usurpano il posto a nessuno, perché oggi la Chiesa è orfana di maestri, è occupata dal nemico e non può più insegnarci niente, niente che serva alla salvezza dell'anima (forse per la raccolta differenziata può dirci qualcosa, ma questo a me non interessa).

      Elimina
    2. bè a maggior ragione diffidare di chi senza titolo vuole sostituirsi a chi nè avrebbe il dovere .....quindi fra chi sbaglia dentro la chiesa e chi vuole approfittarsi del vuoto x inculcare false devozioni......

      Elimina
  4. 10 segreti ....presto....e il Cuore Immacolato di Maria trionferà ! E chi ha ostacolato !?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosa osa insunuare, retica doc? Che la gospa possa rivalersi su chi non ha creduto alle "apparizioni", ah già dimenticavo che la vostra gospa vendicativa e disobbediente aveva minacciato pure il Vescovo! Ve lo rivelo io un segreto: NON SIETE CATTOLICA, SIETE FUORI DALLA CHIESA E AVNTI COSI' NON VI SALVERETE.

      Elimina
    2. purtroppo vediamo che non sente ragioni....é fortemente radicata nell'errore... ma chi sta ostacolando che il Cuore Immacolato di Maria trionfi?se iniziamo da questa divisione fra fedeli che sicuramente non viene da Dio..... è nell'errore sicuramente chi come cattolica d.o.c. ha idolatrato la gospa cosa che la vera Maria Madre di Gesù non avrebbe mai fatto,,,,,

      Elimina
  5. ma quali 10 segreti...ma lei crede che LA VERA MADONNA abbia consegnato 10 segreti a quelle???!!!sono talmente ubbidienti alla gospa da non averli rivelati neanche al papa!!!!ma a quanto vediamo non va meglio ai vescovi hanno voglia a sprecar comunicati.....in perfetta disubbidienza le veggenti "appaiono".....poi brosio si sta impegnando a mandare alla ribalta altri visionari rigorosamente bocciati dai vescovi.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quali vescovi, forse che i due vescovi di Mostar, ostili ai francescani ed ai cd veggenti erano e sono catolici? o non sono forse modernisti, come e più di quelli nostrani ? allora se per attaccare Med difendiamo la Chiesa modernista non sono d'accordo con voi. O tutti o nessuno, cari miei, non si può salvare una Chiesa modernista additandola come Madre e Maestra per il piacere di colpire Med (a prescindere dal crederci o meno). Decisamente questo sito viola il principio di non contraddizione, con questa campagna astiosa ed ostinata. Pace e bene !!!

      Elimina
    2. i vescovi di Mostar contrari ai veggenti non mi risultano modernisti semmai chi è x le apparizioni è modernista e anche x i carismatici e se va a vedere i laici quello che combinano con la complicità dei sacerdoti...poi" il problema è crederci o meno" bè tanto vale se non è un problema andiamo da una qualunque apparizione in italia tanto meglio se bocciati dal vescovo del luogo......dato che il loro parere non interessa.....si si l'ubbidienza al vescovo è andata a farsi benedire......

      Elimina
    3. Senta primo anonimo che ha risposto... Medjugorje è il frutto più marcio del modernismo, un affronto a Dio nonché alla sua e nostra Santissima Madre. E' ora di finirla, anche volendo sforzarsi i trovare dle bene sempre di più ci si accorge di quanto ridicola oltre che oltraggiosa sia la cosa: un satanico strumentale mercimonio religioso!

      Elimina
  6. quindi questi segreti sul mondo....Dio padre ha fiducia più nella gospa e nelle veggenti da onorarle delle sue confidenze più che al Suo Figlio? Gesù disse "Quanto a quel giorno e a quell'ora, però, nessuno lo sa, neanche gli angeli del cielo e neppure il Figlio, ma solo il Padre."quindi si può capire che anche la farsa dei 10 segreti è solo x stuzzicare la credulità e tenere legati agli eventi di med......che di evento ormai ...... lampante è solo "la più grande frode "che ha preso nella sua rete migliaia di persone......

    RispondiElimina
  7. Oltretutto la veggente ha detto: Non posso pregare con voi ma posso pregare per voi"....cretinata allucinante, chiunque appartiene a Cristo attraverso al Sua Chiesa ogni volta che prega Dio lo fa all'interno della Comunione dei Santi... più insime di così... queste pretese di vedersi aperte chiese e santuari nelle quali inscenare il proprio spettacolo itinerante sono vergognose e insulse. Così dicendo la veggente mette in cattiva luce i Pastori legittimi, chiunque essi siano e qualunque sia lo loro condotta, affermando che essi le impediscono di pregare con i fratelli. Detta così questa affermazione non farà altro che dividere la Chiesa e gettare sospetti e rancore nei confronti di chi, per prudenza e dovere, vieta queste sceneggiate. Se questi sono i frutti della Madonne... non basteranno miliardi di ospedali per riparare ai danni spirituali commessi, diffusi ed esaltati!

    RispondiElimina