ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

mercoledì 9 settembre 2015

Las Vegas Church

Le novità circa la nullità dei matrimoni… ormai ci troviamo davanti alla miserevole “Chiesa della misericordia” che si inventa i Sacramenti a geometria variabile con lo scopo di renderli inoperanti, come del resto fa con il dogma, con la morale, con la liturgia. Ci troviamo davanti a una Chiesa che non percepisce il ridicolo di affermare, per bocca del suo vertice e dei suoi ridicoli megafoni, che nei suoi tribunali va amministrata la misericordia invece della giustizia.

Mercoledì 9 settembre 2015
.
Come era prevedibile, sulle novità circa la nullità dei matrimoni introdotte Motu proprio da papa Francesco sono arrivate molte lettere. Ne abbiamo scelte alcune che le rappresentano tutte.
.
Caro Alessandro,
avevo bisogno di “urlare” tutta la mia amarezza e rabbia nei confronti di Bergoglio. Oggi, nel giorno della Natività di Maria, ha pensato bene di esternare sulla indissolubilità del matrimonio. Mi chiedo quando presenterà la nuova formula da leggere nell’altare “Io N., accolgo te, N., come mia sposa/sposo. Con la grazia di Cristo prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita, fin che non mi romperò le scatole di te e mi presenterò dal primo vescovo, addurrò una temporanea incapacità mentale, così sarò libero/libera di amare nuovamente”. Mi chiedo a quando la scissione, se non ora quando, non c’è nessun uomo di Chiesa che levi la sua voce e parli di eresia?
Dio sia lodato.
Claudia Canu

Caro Gnocchi,
io non so più cosa dire dopo aver letto le novità matrimoniali decise da Papa Francesco. Con tutta la fede possibile, ma come è ancora possibile credere che questa sia la chiesa che abbiamo conosciuto da bambini e che ci ha guidato per tanti anni? Mi fa paura leggere come si riduce il matrimonio, e perché? Perché domani i parroci possano dire ai giovani “sposatevi in chiesa, tanto poi non avrete difficoltà a sistemare le cose se vi sarete stufati”? Il matrimonio è un sacramento e allora questo non è anche un sacrilegio? Mi sento davvero male. Qui non c’è solo una novità inaccettabile, c’è l’autorità della chiesa che ormai non è più credibile, e allora cosa ci resta? Grazie infinite se riuscirà a dirmi qualcosa che mi tranquillizzi un po’.
Con molta stima
Andrea Lorini
.
Caro dottor Gnocchi,
due parole sul motu proprio in merito al riconoscimento di nullità matrimoniale… In molti lo definiscono il divorzio breve cattolico…
Grazie
Chiara
.
zrbrpsCari amici,
è persino imbarazzante scrivere di questo argomento. Ci sarebbe materia per pagine e pagine, ma mi chiedo se valga la pena di perdere ancora del tempo attorno all’opera di demolizione che Bergoglio sta compiendo dentro la Chiesa. Mi pare tutto chiaro e non si può dire che non fosse annunciato fin dal tristemente celebre “Buonasera” del giorno dell’elezione.
Evito di entrare nei dettagli dei due documenti promulgati dall’attuale vescovo di Roma e mi limito a considerare il quadro nel quale trovano posto. A questo proposito mi pare illuminante un articolo pubblicato da “Repubblica”, l’organo ufficioso dell’attuale Santa Sede e il più accreditato nell’ermeneutica del pensiero bergogliano. Scrive Chiara Saraceno a conclusione del pezzo “La Chiesa democratica”, in cui analizza gli effetti della semplificazione delle cause di nullità voluta da Bergoglio: “ci si aspetta che la riforma riduca i tempi di attesa per un annullamento a uno-due mesi, a fronte dei sei mesi-un anno richiesti formalmente dal divorzio breve (e dei costi di quest’ultimo) che continua a rimanere un percorso a due stadi: prima la separazione, poi il divorzio. Ma, soprattutto, l’annullamento di un matrimonio concordatario, anche basato su motivazioni diverse da quelle, molto più stringenti, per cui è possibile annullare un matrimonio (solo) civile, ha anche effetti civili. Ovvero, in Italia, le norme e i criteri della Chiesa Cattolica prevalgono su quelli dello Stato, che dovrà accettare l’annullamento civile di un matrimonio perché uno dei due, o entrambi, non avevano ben capito che cosa comporta il sacramento religioso, o perché uno dei due era troppo ‘mammone’. A chi oggi non è sicuro che un suo imminente matrimonio sia per sempre potrebbe cinicamente convenire un matrimonio concordatario invece che solo civile. A meno che non si riformi, finalmente, il concordato su questi punti”.
Mi pare che questa considerazione, formalmente e materialmente ineccepibile, ponga fine a qualsiasi discussione, anche perché, tra le nuove cause di nullità del matrimonio c’è la mancanza di fede. Questo, ci dicono, dipende dal fatto che oggi risulta difficile sapere se gli aspiranti sposi conoscano veramente cosa comporti il matrimonio religioso e quindi potrebbero andare incontro a una realtà sconosciuta. E qui ci sarebbe da obiettare a che cosa servono i cosiddetti corsi prematrimoniali, ma ci fermiamo.
Importa invece mostrare a che cosa conduce la miserevole misericordia bergogliana: induce a mettere un Sacramento alla mercé della pratica laica e laida di chi pensa, purtroppo legittimamente, che la Chiesa cattolica gli consente di buttare al macero il matrimonio più velocemente e più a buon mercato di quanto gli consenta lo Stato. Forse, pur avendone viste tante, continuerò a essere eccessivamente sensibile, ma a me questo pare un sacrilegio. Tanto più grave in quanto compiuto su espresso ordine di chi dovrebbe evitarlo.
Cari amici, ormai ci troviamo davanti alla miserevole “Chiesa della misericordia” che si inventa i Sacramenti a geometria variabile con lo scopo di renderli inoperanti, come del resto fa con il dogma, con la morale, con la liturgia. Una Chiesa tetragona ormai solo sulla raccolta differenziata e sul destino dei microrganismi, che non ha tempo di pensare alla salvezza delle anime, tanto le basta salvare qualche ettaro di foresta amazzonica. Ci troviamo davanti a una Chiesa che non percepisce il ridicolo di affermare, per bocca del suo vertice e dei suoi ridicoli megafoni, che nei suoi tribunali va amministrata la misericordia invece della giustizia.
zzzzCrcfsprfntMa una Chiesa che butta nella discarica sacramenti, dogma, morale e liturgia, sicuramente differenziando come vuole la nuova eco-religione mondiale, in che cosa crede? Precisando sempre che si sta parlando della componente umana, a me viene da dire che questa miserevole “Chiesa della misericordia” non crede in nulla di trascendente.
Eppure, state certi che tanti cosiddetti “buoni conservatori” verranno a dirvi che questa della nullità a buon mercato dei matrimoni è una trovata geniale di quel gran genio del vescovo venuto dalla fine del mondo. Perché, adesso che non ha più paura del “per sempre”, vedrete quanta gente tornerà a sposarsi in chiesa. E non fa nulla se si tratta di persone che, entrate un giorno dalla porta principale per sposarsi, ne usciranno separate due mesi dopo per quella dell’ufficio diocesano preposto alla certificazione del mutamento delle voglie dei contraenti. Mi pare di vederli quegli acconti di burocrati, nei loro clergyman e nei loro pulloverini blu, mentre mettono il timbro sul diploma di annullamento e salutano gli ex sposi “E mi raccomando, signori, se vi siete trovati bene, tornate a trovarci e fateci pubblicità”. Ci manca solo che aggiungano “È un etto in più, che cosa faccio? Lo lascio?”
Cari amici, più che la Chiesa cattolica fondata da Nostro Signore Gesù Cristo sulla roccia di Pietro, a me questo pare un carrozzone pronto per fare la concorrenza a Las Vegas, dove ci si può sposare e divorziare nell’arco delle ventiquattrore. E ce la farà, vedrete, ce la farà. Perché, lasciata a stessa come piace a questa miserevole “Chiesa della misericordia”, la pastorale è marketing.
Alessandro Gnocchi
Sia lodato Gesù Cristo

“FUORI MODA”. La posta di Alessandro Gnocchi – rubrica settimanale



Redazione
= = = = = = = =
 .
Ogni martedì Alessandro Gnocchi risponde alle lettere degli amici lettori. Tutti potranno partecipare indirizzando le loro lettere a info@riscossacristiana.it , con oggetto: “la posta di Alessandro Gnocchi”. Chiediamo ai nostri amici lettere brevi, su argomenti che naturalmente siano di comune interesse. Ogni martedì sarà scelta una lettera per una risposta per esteso ed eventualmente si daranno ad altre lettere risposte brevi. Si cercherà, nei limiti del possibile, di dare risposte a tutti.
 .
Il successo di questa rubrica è testimoniato dal numero crescente di lettere che arrivano in redazione. A questo proposito preghiamo gli amici lettori di contenere i propri testi entro un massimo di 800 – 1.000 battute. In tal modo sarà più facile rispondere a più lettere nella stessa settimana. Ringraziamo tutti per la gentile attenzione e collaborazione.
PD 
.
BECHIS

Papa Francesco nuova star dei radicali


tv.liberoquotidiano.it/.../Papa-Francesco-nuova-star-de...

Da quando Marco Pannella si è convertito a papa Francesco elogiando i suoi interventi sui diritti civili e sull'amnistia per tutti i detenuti, è cambiato- proprio radicalmente- anche il pubblico di Radio Radicale. Così la sera dell'8 settembre un filo diretto sulle unioni civili e i divorzi brevi si è trasformato in un incredibile dibattito semi-teologico fra ascoltatori per altro non molto ferrati in materia. Ancora meno esperto, il conduttore, che quando ha sentito due ascoltatori discutere se il Messia era uno (Gesù Cristio) o tre (Padre, Figlio e Spirito Santo), non ha saputo che pesci prendere, confessando la propria ignoranza in materia... Ma la conversione del mondo di Radio Radicale sembra uno die miracoli di papa Francesco. Anche se resiste qualche scetticismo: "Va bene, questo papa è buono e fa una rivoluzione", ammette un vecchio radicale, "ma il Vaticano è una dittatura, e se dopo lui ne arriva uno cattivo tutto torna come prima..."

Matrimonio religioso, se sciolto scioglie anche l’assegno  

ROMA – Se il vescovo annulla il matrimonio religioso secondo il diritto canonico, la sentenza di scioglimento del vincolo ha valore anche in sede civile. E’ molto importante perché, se lo Stato, grazie al Concordato, deve riconoscere che quel matrimonio è nullo, che quel matrimonio non esiste più, allora la moglie perde anche il diritto all’assegno di mantenimento che in caso di separazione il giudice civile magari le avrebbe riconosciuto. La “manifesta nullità” del matrimonio certificata dal vescovo, secondo la riforma appena introdotta da Papa Francesco che accelera e facilita l’iter processuale, si accorda su criteri diversi da quelli che il tribunale civile tiene in considerazione per le separazioni. Per esempio la volontà di uno dei coniugi di non avere figli, occultata al partner al momento del matrimonio in Chiesa. Lo spiega bene Cesare Rimini su La Stampa ammonendo i futuri coniugi che sposarsi in chiesa solo per far contenta la famiglia del partner è rischioso. Egli potrà ottenere la nullità del matrimonio dal giudice ecclesiastico e con le nuove regole la otterrà in poco tempo: gli basterà dimostrare che in cuor suo non pensava proprio ad avere figli. I progetti relativi ai figli sono irrilevanti per la legge civile ma, secondo le regole concordatarie, lo Stato deve riconoscere la sentenza canonica. Il matrimonio sarà quindi nullo anche per la legge civile e perderà tutti i suoi effetti. Ad esempio, la moglie potrà perdere il diritto all’assegno di mantenimento che il giudice della separazione le avrebbe concesso. (Cesare Rimini, La Stampa)  
http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/matrimonio-religioso-se-sciolto-scioglie-2269194/

Sperma online: con un clic ordini “papà”. Biondo, moro…di Redazione Blitz

Sperma online: con un clic ordini "papà". Biondo, moro...
Sperma online: con un clic ordini “papà”. Biondo, moro…
ROMA – “Benvenuto!”, e già sulla homepage del sitoCryos International ti chiedono di fare scelte importanti. Come lo vuoi tuo figlio? Biondo, moro, coi capelli rossi? E la pelle? Chiara come quella di un irlandese o magari color caffellatte? Benvenuti nel mondo dello “sperma online”, benvenuti in uno dei siti più famosi, sicuri e utilizzati per cercare undonatore di seme. In sostanza, per trovare uno spermatozoo per concepire un bambino. Il seme arriva a casa con un comodo kit ed è a casa che si procede con l’impianto. Tutto legale, il tutto prevede un costo di qualche centinaio di euro.
La percentuale di successo dell’operazione è pari a quella di un normale rapporto sessuale. Solo che qui siamo su internet, e “papà” lo scegli come al supermercato. Nelle inserzioni viene specificato altezza, peso, colore di pelle, occhi e capelli, persino il titolo di studio, come se il figlio di un manager o di un ingegnere avesse più possibilità genetiche di fare carriera.
Da quando l’Italia, o meglio, la Corte Costituzionale, ha liberalizzato la fecondazione eterologa questi kit sono sempre più frequenti alle dogane. Non solo sperma ma anche ovociti congelati, perché non sono solo le donne a richiedere seme maschile, anche quello femminile ha il suo mercato.
In Italia il seme online è una strada economica e quasi obbligata. Mancano donatori infatti. La Legge italiana prevede che chi dona il seme lo faccia a titolo gratuito e per ora mancano informazione e divulgazione su questo tema. Qualche accortezza però è d’obbligo: su internet si trovano siti in cui uomini e donne offrono il loro seme a titolo gratuito ma i controlli possono essere scarsi.

Nessun commento:

Posta un commento