ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

giovedì 12 novembre 2015

Se non è clericalismo, questo, cos'è?

Giampaolo Pansa: caos in Vaticano, Papa Francesco in confusione più di Ignazio Marino


«Chiaro?». Passerà alla storia questa domanda sarcastica di appena sei lettere, più un punto interrogativo, ringhiata da papa Jorge Mario Bergoglio nel corso di una conferenza stampa improvvisata. L’incontro con i giornalisti si svolgeva sull’aereo che portava il pontefice da una tappa all’altra, durante il viaggio autunnale negli Stati Uniti. Il pontefice l’aveva sparata per smentire di aver invitato Ignazio Marino, in quel momento ancora sindaco di Roma, al Congresso sulla famiglia che si teneva a Filadelfia. Ma purtroppo per il papa, Bergoglio non si rendeva conto che il famoso «Chiaro?» sarebbe rimasto anche nella sua storia di capo del Vaticano. Un bordello, sia detto con rispetto e senza allusioni, ancora più fenomenale dello sfascio che Marino stava lasciandosi alle spalle, una volta cacciato dal Campidoglio. 
Posso dire come la pensa il Bestiario sul conto di Bergoglio? Il passato di ciascuno di noi è una spia di quello che sarà il suo futuro. Sto parlando soprattutto di signori anziani, come il sottoscritto e come l’attuale pontefice. Papa Francesco sta diventando un personaggio imprevedibile, una fonte infinita di problemi anche per se stesso. Parla troppo. Ne inventa una al giorno, si sarebbe lamentata mia nonna Caterina che pure recitava tre volte il rosario nell’arco delle ventiquattro ore. Viaggia di continuo. Si impiccia di questioni che non dovrebbero riguardarlo dal momento che non è un leader politico. Infine dimostra una forte inclinazione a sinistra, così sembra. Libero l’ha già definito un peronista. Del resto, pur essendo di famiglia astigiana, è in realtà un figlio dell’Argentina, l’approdo di tantissimi emigrati italiani.

Antonio Socci, un collega davvero eccellente che sa tutto di preti, di vescovi e di papi, ha ricordato sul nostro giornale che Bergoglio non aveva lasciato un buon ricordo di sé quando era il capo dei gesuiti argentini. Allora risultò essere un disastro e causò un sacco di problemi. Secondo un big della Compagnia di Gesù, si era circondato di una corte di pasdaran peronisti super fedeli e non si dispiaceva di essere oggetto di un vero culto della personalità. Di qui nacquero una serie di guai non ancora risolti dopo tanti anni. Forse gli stessi che emergono oggi in Vaticano.

Sto parlando male del pontefice? Penso proprio di no, ma se anche fosse, non commetterei nessun peccato. Non sono un credente. La sera, prima di addormentarmi, prego i miei genitori di assistermi nel sonno e di farmi svegliare la mattina in buona salute e con la testa lucida. Per questo posso ritenere che la fatale domanda «Chiaro?» Bergoglio dovrebbe rivolgerla anche a se stesso. Il motivo è sotto gli occhi di tutti. Quanto sta emergendo grazie alla pubblicazione dei libri di Gianluigi Nuzzi e di Emiliano Fittipaldi, svela un paesaggio che sembra infernale, pur essendo all’ombra del Cupolone.

Da sindaco di Roma, Ignazio Marino si sarà accorto in ritardo della mala pianta cresciuta attorno alla consorteria guidata da Buzzi & C. Guadagnandosi il soprannome ironico di “Ignaro”. Ma ben più ignaro di lui si è dimostrato papa Bergoglio. Oggi la sua corte sta tentando di sostenere che le inchieste di Nuzzi e Fittipaldi fotografano una situazione disastrosa già rimediata, o rattoppata, grazie all’intervento drastico del pontefice. Eppure al Bestiario questo sembra un paravento da poco. Per non dire che si tratta di una via di fuga del tutto inefficace.

Ho raccontato per anni la tragedia dei partiti politici italiani. E ogni volta venivo investito dalle proteste dei tanti ras della Casta che dominava la Prima e la Seconda Repubblica. Quando non mi accusavano di scrivere il falso, sostenevano che le magagne descritte da me e da altri colleghi su quotidiani e settimanali si riferivano a un passato più o meno remoto. Le vergogne che denunciavo erano già risolte. Poi nel febbraio 1992 esplose Tangentopoli e il lavoro investigativo del pool giudiziario di Milano portò alla luce una verità indiscutibile: il marcio non era affatto scomparso. E il terremoto che ne derivò ce lo rammentiamo tutti.

Oggi bisogna avere la schiettezza di dire che lo scenario drammatico, e al tempo stesso di una banalità fantozziana, che sta emergendo tra le sacre mura del Vaticano ha una forza d’urto cento volte superiore a quello emerso nel tempo di Tangentopoli. Con un’aggravante: questa volta è in gioco una realtà, e di riflesso un’autorità, enormemente più grande della Casta dei partiti italiani.

Il Vaticano, e la Chiesa cattolica, sono l’unica speranza rimasta a milioni di credenti. Vederli affondare nel marciume che sta venendo a galla procura angoscia a un’infinità di fedeli che assistono inorriditi a un disastro che nessuno si attendeva. E siamo soltanto all’inizio. Ieri è comparsa sulla prima pagina del Corriere della sera un vignetta sul pontefice, disegnata da Emilio Giannelli, un fuoriclasse della satira. Intitolata “Via Crucis”, ci presenta Bergoglio che porta sulle spalle una grande croce: il cardinale Tarcisio Bertone.

Un vecchio detto sostiene che il diavolo si nasconde dei dettagli. È quello che sta accadendo anche nella catastrofe vaticana. Bergoglio deve vedersela pure con due comparse, come il prelato spagnolo e la signora marocchina. Il primo sta nel carcere papale, la seconda non è stata arrestata perché è incinta. Ma i media sono implacabili. E non risultano tutti succubi di Francesco.

Nella libertà di stampa è implicito un meccanismo ferreo: la concorrenza. Anche le testate più favorevoli al Vaticano non possono restare al palo rispetto a quelle più ostili. Come diceva un vecchio motto? È il capitalismo, bellezza! Le fotografie della signora Francesca Chaouqui, molto generose a proposito dell’avvenenza di questa sconosciuta consulente nel campo delle pubbliche relazioni, aggiungono contorni maliziosi a una storia che non ha nulla di boccaccesco.

A questo punto il caos del Campidoglio e il personaggio di Ignazio Marino ritornano alla loro dimensione reale. Gli scontrini del povero “Ignaro” hanno il peso di una piuma, rispetto alle macchinazioni finanziarie di alti prelati che si comportano «da faraoni» (Bergoglio dixit). E dunque le parole di Marino non possono essere ignorate. Ha spiegato, cito Il Messaggero dell’11 ottobre: «Sono avvilito. Mi stanno trattando come il boss mafioso Provenzano. Mia moglie non può più uscire di casa. Ve ne rendete conto?». Martedì scorso, Marino, ormai ex sindaco di Roma, si è comportato bene nel rispondere alla domande serrate di Giovanni Floris nella trasmissione sulla Sette.

Non ha battuto ciglio neppure davanti alla spietata caricatura ideata da Maurizio Crozza. Che cosa dobbiamo fare di lui? Fucilarlo, mandarlo in esilio, privarlo dei diritti civili? Ignazio l’Ignaro sta e resterà in mezzo a noi. E sono pronto a scommettere che non si farà gettare nel guardaroba dei cani. Parlerà ancora, scriverà e si vendicherà, come farei io se fossi al posto suo.
Vi ricordate l’antico inno di Garibaldi, scritto nel 1859 da Luigi Mercantini? Iniziava con parole diventate celebri: «Si scopron le tombe, si levano i morti». Se vuole davvero farlo, Marino ne ha molte di tombe da aprire. E già che c’è, ci spieghi in che modo ha ottenuto in affitto un lussuoso appartamento del Vaticano.
di Giampaolo Pansa

Autorità contro Tradizione


Non entrerò nella diatriba pro o contro Bergoglio, per quanto riporti una vignetta tratta da The Spectator che illustra il papa su una palla di cannone, mentre sta distruggendo il poco che rimane.
Voglio semplicemente cogliere quest'occasione per mostrare che questa impressione (anche se secondo me non è tale) è possibile semplicemente perché l'autorità è oramai  concepita ben al di sopra della tradizione nell'indifferenza dei più, con l'opposizione di una minoranza e il favore di un certo numero di persone. Il fenomeno è avvenuto grazie ad un percorso plurisecolare, ad un'eterogenesi dei fini si potrebbe dire, finendo per giungere a piena maturazione in questi ultimi tempi.
In un contesto ecclesiale in cui la tradizione non è servita ma relativizzata, conformata e riplasmata ogni volta dall'autorità di turno è possibile ogni destabilizzazione e, personalmente, non mi ha fatto alcuno stupore che ciò potesse realizzarsi con Bergoglio, poiché ne avevo visto i segni già dopo due mesi del suo pontificato.
Il fatto che dei cardinali non abbiano avuto alcun problema ad eleggere una persona che mettesse tra parentesi quanto rimane dei concetti tradizionali del cattolicesimo (non a riformulare come avrebbero pensato i papi precedenti, ma a mettere proprio tra parentesi!) fa pensare che tutto ciò non è un incidente di percorso: temo che quanto sta a cuore a molti gerarchi ecclesiastici cattolici non è la spiritualità, la teologia o la liturgia (neppure quelle cattoliche di un tempo) ma una politica di pura apparenza che attiri il plauso delle masse (= agnosticismo pratico). Che lo si ami o lo si avversi, questo papa è veramente il logico frutto del mondo cattolico contemporaneo, che ha bisogno vitale (od ossessivo?) di contemplarlo nel male o nel bene che faccia! È un mondo in cui il fenomeno apparente sostituisce l'essere inteso in senso profondo, un mondo che rispecchia fedelmente la postmodernità.
Viceversa, la Chiesa, intesa seriamente, non dovrebbe essere una questione di papa, perché il papa dovrebbe essere solo un umile servitore della tradizione, non un rivolgitore di tutto, dando così effettivamente l'idea e la prova che la sua autorità è al di sopra di ogni cosa e che dovrà essere necessariamente ricordato per qualcosa di "rivoluzionario" (= personalismo ecclesiastico!) ...
Che contrasto, poi, quando davanti a tali evidenze si sentono i discorsi di Bergoglio nei quali il papa confessa di non essere un'autorità assoluta nella Chiesa poiché ascolta tutti e le "periferie", in primis, sono importanti! Le parole non possono smentire i fatti! Le "periferie" se la pensano contrariamente al papa non avranno alcuna udienza!

Una Chiesa nella quale si parla più di Cristo e meno di papa (o di un qualsiasi altro chierico responsabile, penso al  patriarca in Oriente) è una Chiesa sana, non divisa tra la Chiesa di Apollo, di Cefa e di Paolo (per ricordare l'esempio dell'Apostolo delle genti).

Il riferimento corale alla tradizione dovrebbe bastare per rimanere attorno a Cristo ma, oramai, il termine "tradizione" è una scatola vuota per i più in Occidente. E allora si parla di papa e questo è sufficiente a riempire il vuoto!

Oggi, che si parli a favore o contro, si parla veramente sempre e troppo di papa!
Se non è clericalismo, questo, cos'è? 
Applausi a Papa Francesco, dai protestanti al rabbino

Papa Francesco davanti alla cattedrale di Firenze

Papa Francesco davanti alla cattedrale di Firenze

 Firenze, 12 novembre 2015 - «Quando papa Francesco nel centro del suo discorso ha pronunciato la frase “La chiesa è semper reformanda” mi son voltata indietro e gli sguardi di alcuni di noi si sono incontrati mentre le nostre bocche si aprivano ad un sorriso». La pastora della Chiesa evangelica battista di Firenze, Anna Maffei, rende bene il soddisfatto stupore che la delegazione ecumenica (invitata insieme ai rappresentanti delle altre fedi religiose presenti in città) ha avuto in uno dei passaggi centrali del discorso di Papa Francesco in duomo, davanti ai vescovi italiani e ai delegati al quinto Convegno ecclesiale nazionale della Chiesa cattolica in corso a Firenze fino a domani. Già, perchè la frase “Ecclesia reformata semper reformanda” (“La chiesa riformata è sempre da riformare”) rappresenta un concetto centrale della Riforma protestante.
«E’ una bella cosa, è una condivisione importante e non ci dobbiamo spaventare se delle parole nostre vengono assunte da un pontefice cattolico», dice Letizia Tomassonepastora della Chiesa valdese di Firenze. Tomassone (che stamani interverrà con una sua riflessione spirituale al Convegno ecclesiale) ha apprezzato il discorso di Papa Francesco: «Certamente lui è molto biblico, molto fondato sul testo biblico e questo è bello ed è una caratteristica che fa sì che il suo discorso si rivolga alla gente semplice. Poi devo dire che il termine “umanesimo” nel titolo del convegno poteva far pensare a qualcosa di intellettuale e filosofico, invece per Francesco è l’umanità, la fede incarnata e anche questo mi è piaciuto».
Maffei sottolinea che «Francesco ha predicato Cristo», ponendo l’accento su alcune frasi: «Sentire un papa che dice “La dottrina cristiana non è un sistema chiuso incapace di generare domande, dubbi, interrogativi, ma è viva, sa inquietare, animare. Ha volto non rigido, ha corpo che si muove e si sviluppa, ha carne tenera: si chiama Gesù Cristo”, è musica per le mie orecchie». Positivo anche il commento di Mario Marziale, pastore della Chiesa riformata svizzera: «Quello che predica è molto evangelico, spero che possa continuare con forza ed essere seguito».
Commenti positivi anche al di fuori del mondo cristiano. «Quello del Papa - dice il rabbino capo della Comunità ebraica di Firenze, Joseph Levi – è stato un discorso molto coraggioso, molto umile. Mi piace il suo partire dalla gente, dal contatto con la sofferenza e i bisogni delle persone per indicare il divino, non partendo dall’alto, ma dal basso».
Per Izzedin Elzir, imam della Comunità islamica fiorentina «è stato un incontro bellissimo, con un discorso ancora più bello. Realmente avremo bisogno, tutte le fedi religiose, di approfondirlo».
di ROBERTO DAVIDE PAPINI