ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 11 novembre 2016

Procedendo sulle stesse basi..

 DALL'ABOLIZIONE DELL'ERESIA ALLA SOCIETÀ CON GLI ERETICI 

Il Concilio Vaticano II (dogmatico per la materia trattata e per l'obbligatorietà delle sue risoluzioni) introdusse l'abolizione dell'eresia e della conversione, in particolare, decretando che le false religioni erano strumenti di salvezza e che contenevano elementi di verità utili alla Chiesa. Da parte sua Giovanni XXIII aveva predicato che bisognava ecumenicamente badare a ciò che unisce piuttosto che a ciò che divide, anche quando l'errante non era disposto a recedere dal suo errore.
  Questi due capisaldi del neomodernismo, già condannato nella sua origine dai precedenti Pontefici, hanno costituito il trampolino di lancio di Wojtyla e di Ratzinger per le innovazioni che avrebbero giovato al gregge e all'Ovile, pardon: al popolo di Dio, nonché all'intera umanità. Essi si diedero a pregare insieme ad eretici, negatori di Cristo e pagani, a baciare il Corano, a rendere omaggio alla Sinagoga, a chiedere perdono di colpe mai commesse dalla Sposa di Cristo.
  Procedendo sulle stesse basi, Bergoglio è pervenuto a giustificare il più grande eresiarca di tutti i tempi ed enorme nemico della Chiesa, il quale chiamò il Papa "anticristo" e la Santa Messa un'opera di superstizione.
 
Intervenuto, il 31 ottobre scorso a Lund (Svezia), alla celebrazione della ricorrenza della riforma protestante luterana, l'immemore dei dogmi e degli anatemi fulminati contro gli eretici da Concili (in particolare quello di Trento) e Papi, ha partecipato alla preghiera ecumenica comune e ha sottoscritto, insieme al segretario della Federazione Luterana Mondiale, il pastore Martin Junge, un documento in cui, fra l'altro, si sono affermate le sotto citate sciocchezze, che tuttavia è impossibile compatire, perché giungono al termine di analoghe meditate falsità, spacciate per insegnamenti teologici e morali, impegnativi per la fede, rivolti all'obbedienza, e che invece costituiscono un vero e proprio corpo di dottrina eretica.
  Dunque Bergoglio, dopo una partecipazione di per sé scandalosa e di inaudita fellonia, ha approvato una Dichiarazione congiunta ove si trova:
  - La "gioiosa gratitudine a Dio per questo momento di preghiera comune nella cattedrale di Lund con cui iniziamo l'anno commemorativo del cinquecentesimo anniversario della Riforma."   
  - "Cinquant'anni di costante e fruttuoso dialogo ecumenico tra cattolici e luterani [...] hanno approfondito la comprensione e la fiducia tra noi."
  Poiché i luterani non hanno rinnegato un solo capo del loro credo profondamente pestifero (vedi la peste dell'eresia, ricordata nelle infallibili condanne), si è data per scontata la messa in non cale della necessaria conversione, ma essendo ciò inammissibile, parlare di "fruttuoso dialogo" è un'impostura vera e propria.
  - "Abbiamo imparato che ciò che ci unisce e più grande di ciò che ci divide."
  Ritorna la penosa trovata di Giovanni XXIII per giustificare il dialogo paritario con gli erranti che non abbandonano le loro posizioni. Inoltre l'asserzione è un inganno: il Sacrificio della Messa, la Madonna, i dogmi sulla grazia, sulla fede, sui Sacramenti, sulla Chiesa e sul Papa, alzano una divisione enorme rispetto a "ciò che unisce". Sebbene basti il venir meno di un solo articolo di fede per recare grave danno alla fede.
  - "Siamo profondamente grati per i doni spirituali e teologici ricevuti attraverso la Riforma."
  Questo sarebbe il colmo, sarebbe insopportabile, se una lunga preparazione del post-Concilio non avesse corrotto le menti e anche molti cuori dei cattolici. Si tratta di un rinnegamento, di un'offesa recata a tutta la storia della Chiesa, a partire da Gesù Cristo e dagli Apostoli, che predicarono il rigetto dei falsi profeti e dei falsi predicatori del Vangelo. Soltanto cinquant'anni fa almeno un cardinale avrebbe gridato allo scandalo, mettendo in difficoltà il Vaticano. Ma rammentiamo il fraudolento e insinuante detto conciliare per cui gli elementi di verità sussistenti nelle altre religioni potevano fornirci "doni spirituali e teologici".    
  - "Confessiamo e deploriamo davanti a Cristo il fatto che luterani e cattolici hanno ferito l'unità visibile della Chiesa."
  Dopo l'obbligo del colloquio ecumenico paritetico, giunge conseguente mettere sullo stesso piano i fedeli e quelli che hanno abusato del Vangelo. Eretica è poi la supposizione che la Chiesa abbia potuto subire una ferita alla sua unità visibile a causa della separazione da essa di elementi estranei e da scomunicare, semmai essa ha subito l'attacco dei suoi colpevoli avversari.
  -  "La nostra comune fede in Gesù Cristo e il nostro battesimo..."
  Evidentemente l'oggetto della fede è diventato qualcosa di evanescente, secondo l'eresia modernista. Quanto al Battesimo, il dogma vuole che conferisca la Grazia salvifica, mentre essa per Lutero è data soltanto ai predestinati, che la verificano con la loro presunta fede (fede fiduciale).
  - "Ci impegniamo a testimoniare insieme la grazia misericordiosa di Dio, rivelata in Cristo crocifisso e risorto."
  Sicché l'uno vale l'altro! In effetti Bergoglio ormai vale peggio di Lutero, che almeno qualche cattolico può ancora considerare per quello che è, mentre Bergoglio può spacciarsi agevolmente per saggio pastore.
  - "Facciamo esperienza del dolore di quanti condividono tutta la loro vita [sic], ma non possono condividere la presenza redentrice di Dio alla mensa eucaristica."
  Obliterata definitivamente la conversione, equiparata la condizione spirituale di quanti stanno dentro il Corpo Mistico o fuori di esso, anche la "presenza redentrice di Dio alla mensa eucaristica" si trova di qua e di là, costituisce soltanto una divisione dolorosa, riferibile alla suddetta "ferita" inferta all'"unità della Chiesa".
  - "Preghiamo Dio che cattolici e luterani sappiano testimoniare insieme il Vangelo di Gesù Cristo."
  Dio potrebbe favorire la falsa predicazione del Vangelo sia dei luterani, sia dei cattolici che li stimano e li accompagnano! Soltanto gli oppositori al protestantesimo non meriterebbero niente.

  Tutto questo era scontato, specie dopo l'annuncio del viaggio di Bergoglio a Luns. Contempliamone l'enormità e speriamo che essa possa svegliare molti che dormono, speriamo che il traditore si sia sbilanciato ottenendo un effetto contrario a quello che si augurava di ottenere.

2 commenti:

  1. Quello che fa veramente specie è che, di caduta in caduta verso il basso, abbiamo veramente raschiato il fondo del barile e, raspando ancora un po', lo perforeremo.

    Chiedo:
    ma era davvero necessario attendere un avventuriero come papa Bergoglio per farci drizzare le antenne e capire che lo sfracello era sempre più imminente?

    Dov'erano tutti i teologi, i liturgisti e tutte le teste d'uovo ecclesiastiche mentre venivano consumati tutti quei riti sempre più sincretici e pasticciati, dal CVII in poi??

    RispondiElimina
  2. Il Concilio Vaticano II (dogmatico per la materia trattata e per l'obbligatorietà delle sue risoluzioni)

    Ma cosa sta dicendo questo? Il concilabolo vatikano II è STATO SOLO PASTORALE E NON DOGMATICO e per dirla tutta la sua proposizione è stata pure una novità assoluta. Mai un concilio prima si era riunito per non dichiarare nessun anatema... Mi dispice per Vassallo che scrive anche su RC, ma già da tempo avevo notato che anche per quanto riguarda il suo modo di intendere l'ekumenismo concilare toppa alla grande: non esiste un buono o cattivi ekumenismo.... non deve esistere proprio!!
    Forse prima del conciliabolo non si permetteva o non si cercava di far rientrare all'Ovile Santo le altre Chiese separate? eppure non esisteva l'ekumenismo.... non è forse vero che Mons. Lefebvre ha rigettato l'ekumenismo? e allora di cosa stiamo parlando?

    RispondiElimina