ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

venerdì 3 febbraio 2017

L ' Implacabile Misericordia Di Bergoglio

L'ERESIA DEL “DISCERNIMENTO BERGOGLIANO”


 •  IL “DIO DELLE SORPRESE” È SEMPLICEMENTE IL DIO DI UN'APOSTASIA SILENZIOSA  • 



Da un punto di vista, puramente, di storia ecclesiastica, il pontificato Bergogliano è un'anomalia affascinante. Mai prima d'ora la Chiesa è stata testimone di un Papa così fanaticamente devoto al rovesciamento, in pratica e senza eccezioni, a quei precetti negativi riguardo alla legge morale naturale, universalmente applicabili, a cominciare dal Thou Shalt - Non commettere adulterio.
Liberamente tratto da un'articolo di C. A. Ferrara, sul sito web della rivista cattolica: | © The Remnant | Lunedì 30 Gennaio 2017




È abbastanza facile dimostrare che il resto di questo pontificato è semplicemente una continuazione della traiettoria stabilita durante e dopo il Concilio Vaticano II, che ha fornito l'apertura decisiva ad una svolta neo-modernista che da allora in poi ha sconvolto la Chiesa. Come ho prima notato in questa pagina, l'ecumenismo di papa Bergoglio dilagante, il suo disprezzo per la tradizione liturgica, i suoi attacchi demagogici ai "rigoristi", il suo indifferentismo religioso, la sua ricerca di infinito "dialogo", infruttuosa con gli implacabili nemici della Chiesa, e la sua preoccupazione con le questioni sociali e politiche al di là della sfera di competenza del Magistero differire dalla linea dei suoi immediati predecessori, in quanto ad intensità, se non del tutto.

L ' Implacabile Misericordia Di Bergoglio


Questa è la differenza veramente sostanziale tra Francesco e gli altri Papi conciliari, il suo sorprendente tentativo incessante di sovvertire, in nome della "misericordia", l'insegnamento della Chiesa e la disciplina sacramentale riguardante il ​​matrimonio, la famiglia e la morale sessuale in generale. Si tratta del fatto che Francesco da solo, anche contraddicendo l'insegnamento dei suoi due immediati predecessori, ha lanciato la "battaglia finale" di cui Suor Lucia ci ha parlato alla luce del Terzo Segreto di Fatima, come ci ha avvertito il Cardinale Caffarra ... È qui, con Francesco, che incontriamo qualcosa di veramente nuovo e terrificante, anche nel bel mezzo di quello che il cardinale Ratzinger ha ammesso essere un "processo continuo di decadimento", in seguito al Concilio. 

Questa nuova e terrificante innovazione Bergogliana riduce il cristianesimo ad una singolo sovversiva pseudo-dottrina, che unita ad altre (ad esempio: "dialogo", "ecumenismo", "collegialità") che hanno proliferato nella Chiesa a partire dal Concilio. Come le altre pseudo-dottrine, che a loro volta sono riducibili a una sola parola d'ordine con conseguenze immense, ma mai esplicitate apertamente: "DISCERNIMENTO"

Dopo aver estrapolato le parole di "Familiaris Consortio" di Giovanni Paolo II dal suo contesto, al paragrafo n. 84, che ribadisce costante insegnamento della Chiesa e cioè che: "gli adulteri, conviventi in 'secondi matrimoni' civili, non possono essere assolti o ammessi alla Santa Comunione, senza una modifica della loro conndotta di vita". Bergoglio ha, con la promulgazione di "Amoris Laetitia", ampliato il suo significato in un contesto pratico per l'introduzione di una situazione etica nella teologia e nella prassi morale della Chiesa, così nettamente in contraddizione con Giovanni Paolo II. Ma Bergoglio asserisce, con abuso menzognero della terminologia del suo predecessore, che ciò gli consentirebbe di rivendicare appieno una "continuità" d'intenti con il Papa Santo, il cui insegnamento egli cerca di negare. 

Mentre Giovanni Paolo II ha parlato di "discernimento", nel contesto di trattare pastoralmente con coloro che, a causa del loro divorzio e di un nuovo matrimonio, non possono essere ammessi ai sacramenti, ma soltanto in relazione ai diversi gradi di colpa e rispettando la loro situazione, Bergoglio stravolge questo concetto in un programma pastorale, creato proprio per l'ammissione ai sacramenti di coloro che pure continuano a impegnarsi in rapporti sessuali adulteri. Con la sua lettera ai vescovi di Buenos Aires, ha confermato che queste norme siano corrette nell'interpretazione, per consentire proprio questo risultato, sotto la limitazione illusoria di "circostanze più complesse", Bergoglio non ha lasciato alcun ragionevole dubbio della sua intenzione. 

Da qui la lettera dei quattro Cardinali con "i dubia" che si presentano come una sfida diretta all'attacco di Bergoglio sull'ordine morale. Per quanto i cardinali riconoscano, il dovere di coinvolgersi molto di più nella "questione pratica per quanto riguarda i divorziati e risposati civilmente", ma anche su "domande che toccano questioni fondamentali della vita cristiana".

Il "Discernimento" Esposto Con Ambiguità Artificiosa:


Eppure la coscienza può fare di più per riconoscere che una data situazione non corrisponde oggettivamente alle esigenze complessive del Vangelo. Si può anche riconoscere con sincerità e onestà ciò che per ora è la risposta più generosa che può essere data a Dio, e venire a vedere con una certa sicurezza morale, che è ciò che Dio stesso chiede in mezzo alla complessità concreta dei nostri limiti, ma che ancora non è pienamente l'obiettivo ideale. In ogni caso, ricordiamo che questo discernimento è dinamico; deve restare sempre aperto a nuove fasi di crescita e a nuove decisioni che possano consentire all'ideale di essere più pienamente realizzato. 

È riduttivo il voler semplicemente considerare o meno che le azioni di un individuo corrispondano ad una legge generale o a una regola, perché questo non è sufficiente per discernere e garantire la piena fedeltà a Dio nella vita concreta di un essere umano. 

Per la prima volta nella storia della Chiesa, un Papa osa proporre che un precetto negativo della legge naturale è semplicemente "una regola generale o legge" che rappresenta soltanto un "ideale oggettivo" per la condotta umana, e che la fedeltà a Dio, non è in contrasto con la disobbedienza al precetto: Thou Shalt - Non commettere adulterio, data la "complessità concreta dei propri limiti" e la "vita concreta" di ogni individuo come "discernimento" da un pastore locale o vescovo. In breve, per la prima volta nella storia della Chiesa, un Papa sostiene la pratica pastorale di etica situazione: Qual è l'adulterio per John non può essere l'adulterio per Sarah; tutto dipende dalla "complessità" dei rispettivi "limiti", che deve essere "discernere" in ogni situazione particolare. 

Di conseguenza, i quattro cardinali desiderano che Francesco risponda sì o no alla seguente domanda, tra le cinque che gli hanno presentato: 

Dopo la pubblicazione del post-sinodale "Amoris Laetitia" (cfr n. 304), c'è ancora bisogno di considerare valido l'insegnamento di San Giovanni Paolo II nell'Enciclica "Veritatis splendor" n. 79, basata sulla Sacra Scrittura e sulla Tradizione della Chiesa, all'esistenza di norme morali assolute che proibiscono gli atti intrinsecamente cattivi e che sono vincolanti, senza eccezioni? 

Il silenzio di Bergoglio di fronte a questa domanda è un tuono che risuonerà nella storia fino alla fine dei tempi. Egli non può rispondere alla domanda perché la risposta, se data onestamente, lo avrebbe condannato come eretico. Bergoglio fa davvero pensare, e induce la Chiesa a pensare, che le leggi morali non sono altro che regole da cui si può essere esentati in base alle circostanze. Questo è solo un altro modo per dire che, in realtà non credo che ci sia alcuna cosa che induce al peccato mortale, almeno quando si tratta di comportamento sessuale. 

Per lui, ci sono solo situazioni variamente scusabili di discernimento della "regola generale" e "dell'ideale oggettivo". Visto il modo di fare di Bergoglio, i precetti negativi della legge naturale sarebbero diventati punti di riferimento, non comandamenti divini, ai quali sono ammesse eccezioni. Dovrebbero smettere di avere valore di legge vero e vincolante. I Comandamenti sarebbero abrogati, se non del tutto aboliti, da una "spolverata" Bergogliana del Vangelo. 

Mentre si continua a tentare di nascondere il suo piano scellerato dietro una cortina di silenzio, mentre i suoi subalterni fremono per la sua attuazione, i co-cospiratori di Bergoglio confermano l'oggetto della cospirazione. Un esempio è sufficiente, quello del suo più vicino confidente il gesuita Antonio Spadaro. Come ha rivelato lo stesso Spadaro nel corso di un'intervista a Religion News Service: Mi rendo conto che il problema alla base di "Amoris Laetitia" non è un problema dogmatico. 

Il problema è che la chiesa deve imparare ad applicare la pratica del discernimento meglio e più a fondo e non solo applicare le regole allo stesso modo per tutti. La Chiesa deve essere attenta alla vita delle persone, al loro cammino di fede e al modo in cui Dio opera in ogni persona. Quindi un pastore non può applicare regole uguali a tutte le persone. La chiesa deve crescere nel discernimento. Questo dovrebbe essere anche uno dei temi più importanti del prossimo Sinodo .... 

Non so se essi [i quattro cardinali] siano critici sul discernimento. So solo che il papa ha detto che la vita non è in bianco e nero. È grigia. Ci sono un sacco di sfumature, e dobbiamo distinguere tra queste sfumature. 

Questo è il significato dell'incarnazione - il Signore si è fatto carne, il che significa che si è coinvolto con l'umanità vera, che non è mai fissa o troppo chiara. Così il pastore deve entrare nella vera dinamica della vita umana. Questo è il messaggio della misericordia. Il discernimento e la misericordia sono i due grandi pilastri di questo pontificato. 

Prosegue il "portavoce" del Papa (una descrizione che Spadaro nega sebbene egli svolga tale funzione)
Secondo Bergoglio "La Chiesa deve imparare" da lui - per la prima volta in 2000 anni! - che Non può "applicare le regole allo stesso modo per tutti", che un prete "non può essere un pastore applicando le regole generali alle singole persone" e che "la vita non è in bianco e nero. È grigia"

Cioè, la Chiesa deve imparare a praticare l'etica situazione, applicando i precetti negativi della legge naturale in modo diverso a persone diverse sulla base di "discernimento" della loro situazione. 

Con una retorica sottile come le lusinghe di un venditore di auto usate, Spadaro osa sradicare l'errore di Bergoglio nell'Incarnazione, ridicolmente affermando che Dio incarnato rappresenta una umanità "che non è mai fissa o troppo chiara", nel senso che l'applicazione della dottrina morale di Cristo non è "mai troppo ferma o chiara". Bergoglio si basa su questo truffatore ecclesiastico, pieno di account Twitter, per ingannare i fedeli e farli accettare la blasfemia e il relativismo morale come insegnamento di un Magistero autentico. 

Che cosa è questo,se non l'ennesimo rilancio di quell'eresia gnostica che si è introdotta in un modo o nell'altro in tutta la storia della Chiesa? È lo gnosticismo dei farisei, che ha sostenuto che questa speciale conoscenza o "discernimento" fosse, concernente l'applicazione della legge di Dio in "circostanze complesse" come il divorzio e un nuovo presunto matrimonio. Il Papa che condanna senza sosta il fariseismo da parte di coloro che difendono l'insegnamento del Signore contro la tolleranza dei farisei rispetto al divorzio risulta essere il leader di un movimento neo-farisaico. 

Gli adepti di questo movimento pretendono di "discernere", in base alla loro conoscenza superiore, che gli adulteri, che convivono, infatti, come i praticanti di sodomia delle "unioni omosessuali", sono in stato di grazia e possono essere autorizzati a ricevere la Santa Eucaristia, e a quali di questi oggettivi peccatori, d'altra parte, deve continuare ad essere negato il sacramento. Ma quali sono i criteri per questo "discernimento"?

C'è Solo La Gnosi Del Discerne, Che È La Conoscenza.


La nuova era del "discernimento" è stata rivelata, in modo che il neo-farisei ci possano dire che esiste un "Dio delle sorprese" molto simile a Dio, che non manca mai di dire ai farisei esattamente quello che vogliono sentire. È il Dio dei custodi della gnosi in continua evoluzione, che sanno sempre meglio del semplice fedele ciò che Dio richiede "oggi", denunciando l'opposizione dei cattolica ortodossi a loro, come "rigorista" e accusandoli di essere esattamente ciò che essi stessi sono. Come il vescovo Athanasius Schneider ha osservato di questi neo-farisei (senza nominare il loro leader), hanno cercato di legittimare la loro infedeltà alla parola di Cristo, per mezzo di argomenti come la "necessità pastorale", "misericordia", "apertura allo Spirito Santo"

Inoltre, non hanno paura e non si fanno scrupoli a pervertire in modo gnostico il vero significato di queste parole, etichettando allo stesso tempo i loro oppositori che difendono il comandamento divino immutabile e la vera tradizione non umana, come rigida, scrupolosa e tradizionalista. Durante la grande crisi ariana nel 4° secolo i difensori della divinità del Figlio di Dio furono etichettati "intransigenti" e "tradizionalisti" ma con significato positivo del termine. 

Il "Dio delle sorprese" è semplicemente il Dio di un'apostasia silenziosa, di quel tempo in cui il popolo "non sopporterà più la sana dottrina ma, per prurito di udire, accumulerà maestri secondo le sue proprie voglie e distoglierà le orecchie dalla verità per rivolgersi alle favole" (2 Tm 4, 3-4)
e l'autore di queste favole, come sempre, è l'uomo mascherato da Dio. 

Ma chi avrebbe potuto immaginare che il capo favolista sarebbe seduto sulla Cattedra di Pietro? Chi avrebbe potuto prevedere che ci sarebbe stato un giorno in cui un Papa che osserva un silenzio di pietra, rotto solo dalle invettive piccolo contro i suoi interlocutori, quando gli viene chiesto se davvero intende portare al collasso dell'ordine morale? Chi avrebbe mai pensato che un Papa si sarebbe inesorabilmente impegnato, minacciando di porre fine alla missione salvifica della Chiesa da cui sta avendo il consenso, ad essere nient'altro che l'ennesima organizzazione religiosa morta con la morte di un Zeitgeist (pensiero dominante) sessuale

In un articolo sulla crescente opposizione cattolica ai suoi progetti folli, Bergoglio è segnalato per aver ammesso ai membri della sua cerchia più ristretta che: "Non è da escludere che sarò ricordato nella storia come colui che che ha diviso la Chiesa". Con Bergoglio, per sua stessa ammissione, ci troviamo di fronte a una possibile realizzazione dell'ipotetico scenario di un Papa scismatico come discusso dal grande Suarez e altri teologi, o almeno di un Papa che è la causa dello scisma. 

Non vi è certamente segno che Bergoglio voglia evitare lo scisma che sta già provocando, o che abbia intenzione di cambiare il corso degli eventi che gli faranno guadagnare quel posto vergognoso nella storia. Sembra, piuttosto, che sia orgoglioso dell'effetto che sta avendo sulla Chiesa, una testimonianza del potere della sua vanagloriosa "visione o sogno di una Chiesa della Misericordia", in una realtà che non esisteva prima del suo arrivo dalle Arcidiocesi di Buenos Aires, che ha lasciato nel caos. (Gira un po' d'ironia celestiale su Bergoglio che fa' rima perfettamente con orgoglio, la traduzione italiana di PRIDE?) 

Il cardinale Walter Brandmüller, uno dei quattro presentatori dei dubia, ha giustamente e coraggiosamente dichiarato che "Chiunque pensi che l'adulterio persistente e la ricezione della Santa Comunione sono compatibili è un eretico e promuove scisma". L'argentino potrebbe riuscire ad essere il Papa che divide la Chiesa, anche se nemmeno un Papa può sconfiggerla. Se dovesse accadere, la Chiesa si riprenderà dallo Scisma Bergogliano perché lo Spirito Santo mantiene infallibilmente le promesse di Cristo per intercessione della Mediatrice di Tutte le Grazie. 

Ma una cosa si deve dire di Papa Bergoglio per timore di attribuire ingiustamente ai suoi predecessori il suo contributo unico alla crisi post-conciliare: Nessun documento del Consiglio, né Papa, da allora, ha così tanto voluto un'eliminazione pratica della distinzione tra giusto e sbagliato nella legge morale naturale che è scritta nel cuore di ogni uomo. Nella reiterazione dell'eresia del "discernimento", Jorge Mario Bergoglio si trova solo fra tutti i Romani Pontefici. Solo nella singolarità della sua disgrazia. 

LASCIAMO A CHI LEGGE IL COMPITO DI VALUTARE IL SIGNIFICATO DI TALE INIZIATIVA

FAI CLIC QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL SITO WEB "THE REMNANT"


Pubblicato da 

Nessun commento:

Posta un commento