ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

martedì 25 aprile 2017

Peccatores, te rogamus, audi nos.


25 Aprile: LITANIE O ROGAZIONI. – Litanie dei Santi     
    


Litania, che vuol dire Preghiera, è parola greca derivata dal verbo lìtanevo, che significa: “prego”. Le Litanie Maggiori cadono nel giorno 25 Aprile, e si dicono maggiori, o perché ebbero origine dalla maggiore delle Chiese, quale si è Roma, o perché comandate in tutta la Cristianità da S. Gregorio, detto “Magno”, il quale, se non ne fu l’istitutore, dacché egli stesso ne parla come di cosa già in uso, fu però quel Papa che le universalizzò dopo di averle celebrate con una solennità tutta particolare, allorquando nel 598, per impetrare la cessazione della peste che desolava tutta Roma, chiamò tutto il Clero e, tutto il Popolo ad una Processione di penitenza che fece capo alla chiesa di Santa Maria Maggiore e durante la quale si serenò il cielo, cessò la mortalità, e si vide sulla mole Adriana un Angelo che rimetteva nel fodero la propria spada, per significare che il flagello era cessato. Fu in quella circostanza che all’antica mole Adriana si mutò il nome in quello di Castel sant’Angelo, e vi fu eretta la grande statua di S. Michele. –
Le Litanie Minori, che nel rito Romano si celebrano al Lunedi, Martedì e Mercoledì avanti l’Ascensione, nel Rito Ambrosiano si celebrano otto giorni dopo. Sebbene vogliano alcuni che queste Litanie minori fossero già in uso al tempo di S. Agostino, dacché nel discorso 173 raccomanda al popolo di santificare il triduo precedente l’Ascensione, non solamente, col digiuno, ma eziandio col pregare nella chiesa non meno di sei ore. S. Avito e S. Gregorio di Tours ne attribuiscono l’istituzione a S. Mamerto vescovo di Vienne in Francia nell’anno 468, sotto il Pontificato di S. Ilario, e ne assegnano per occasione le grandi disgrazie che desolavano tutta l’Europa mondata dai barbari, sotto la condotta di Attila, e per liberarsi dalle quali non si trovava altro mezzo che quello di propiziarsi il Signore coll’orazione e col digiuno. Prima però che s. Mamerto le celebrasse nella propria diocesi, s. Lazzaro, arciv. di Milano, che morì nel 461, te aveva per la stessa ragione ordinate nella propria, cioè in tutta la Chiesa ambrosiana. Però solamente sotto il pontificato di Leone III, circa l’anno 800, si estesero a tutto il mondo cristiano. Nel triduo delle Litanie fu comandato il digiuno; ma, siccome coll’andare del tempo fu stabilito che da Pasqua all’Ascensione non si avesse a digiunare, onde attenersi all’insegnamento di Gesù Cristo : « Nessuno digiuna finché ha in casa lo Sposo, verrà però il tempo in cui lo Sposo si allontanerà e allora sarà tempo di digiunare, » si tolse ancora il precetto del digiuno nei giorni delle Litanie. La Chiesa ambrosiana però, volendo tener l’antico costume di digiunare in questo triduo e riconoscendo giustissima la disciplina di non digiunare nei 40 giorni del tempo pasquale, stabili di celebrare le Litanie nel Lunedì, Martedì e Mercoledì della settimana successiva all’Ascensione e cosi supplire ai quattro giorni delle Ceneri precedenti la prima domenica di Quaresima, nei quali, per attenersi all’antico costume si continua il Carnevale. – Le processioni che si fanno in questi giorni sono dirette ad ottenere la fecondità della campagna, la tranquillità delle case, e la santità delle persone, insomma la benedizione di Dio in tutte quante le cose. Chi appena può disporre di sé, deve farsi un dovere di intervenire a queste solennissime processioni. Chi non può assistervi, non lasci almeno di recitare particolari preghiere, e specialmente quella che qui si soggiunge.
PER I GIORNI DELLE LITANIE
Dio della bontà e della misericordia, Padre amoroso ed Arbitro sovrano di tutta quanta la natura, che regolando ogni cosa secondo i consigli della vostra sapientissima Provvidenza, avete a noi assoggettate tutte le creature dell’universo perchè ci fornissero, griusta il bisogno, il cibo, il vestito 1′ alloggio, la difesa, e fino conveniente ricreazione; Voi da cui solo dipende 1’opportunità delle stagioni, la fecondità della campagna, la prosperità del commercio, la tranquillità degli Stati, la salute dei nostri corpi e la santificazione delle nostre anime, degnatevi di volger propizio il vostro sguardo sopra di noi, e fate che tutto ci serva ad alleviare le miserie del tempo per assicurarci beata la eternità. – Come liberaste Noè dalle acque del Diluvio, Lot dalle fiamme di Sodoma, Davide dagli orsi, Daniele dai leoni, e poi Naamano dalla lebbra, Tobia dalla cecità, la casa di Raab dall’eccidio, e la Samaria dalla fame, liberate ancor tutti noi da ogni inondazione, da ogni incendio, da ogni carestia, da ogni contagio, da ogni persecuzione e da ogni guerra. Purgate l’aria da ogni influsso cattivo, la terra da ogni insetto dannoso”, e mandate a suo tempo il vento e la rugiada, la serenità e la pioggia, onde ogni seme fruttifichi in abbondanza. Togliete ai nostri nemici, così pubblici come privati, cosi visibili come invisibili, la volontà e la forza di nuocere, onde tra noi regni costantemente la sicurezza e la pace. Allontanate insomma da noi tutti quanti i vostri flagelli, onde alle nostre preghiere uniamo sempre più fervorosi i nostri sinceri ringraziamenti. – Che se mai pei nostri peccati voleste visitarci con qualche traversia, dateci nel tempo stesso lo spirito della cristiana pazienza, onde, ricevendo dalle vostre mani, e sopportando in espiazione dei nostri falli i vostri paterni castighi, ci assicuriamo quel premio che voi tenete preparato nel cielo a chi porterà con rassegnazione la propria croce sopra la terra. Pater, Ave, Gloria.
LITANIE DEI SANTI
Kyrie eleison,
Christe eleison,
Kyrie eleison .
Christe, audi nos
Christe exaudi nos
Pater de coelis Deus, Miserere nobis,
Fili redentor mundi Deus, Miserere nobis.
Spiritus Sancte Deus, Miserere nobis.
Sancta Trinitas unus Deus, Miserere…
Sancta Maria, ora pro nobis.
Sancta Dei Genitrix, ora
Sancta Virgo virginum, ora …
Sancte Michael, ora 
Sancte Gabriel, ora 
Sancte Raphael, ora …
Omnes sancti Angeli et Archangeli, orate 
Omnes sancti beatorum Spirituum Ordines, orate …
Sancte Joannes Baptista, ora
Sancte Joseph, ora…
Omnes sancti Patriarchæ et Prophetæ, orate…
Sancte Petre, ora…
Sancte Paule, ora…
Sancte Andrea, ora…
Sancte Jacobe, ora…
Sancte Joannes, ora…
Sancte Thoma, ora…
Sancte Jacobe, ora…
Sancte Philippe, ora…
Sancte Bartholomæe, ora…
Sancte Matthæe, ora…
Sancte Simon, ora…
Sancte Thaddæe, ora …
Sancte Mathia, ora …
Sancte Barnaba, ora…
Sancte Luca, ora…
Sancte Marce, ora…
Omnes sancti Apostoli et Evangelistas, orate…
Omnes sancti Discipuli Domini, orate…
Omnes sancti Innocentes, orate…
Sancte Stephane, ora…
Sancte Laurenti, ora…
Sancte Vincenti, ora…
Sancti Fabiane et Sebastiane, orate…
Sancti Joannes et Paule, orate…
Sancti Cosma et Damiane, orate…
Sancti Gervasi et Protasi, orate …
Omnes sancti Martyres, orate…
Sancte Silvester, ora…
Sancte Gregori, ora…
Sancte Ambrosi, ora…
Sancte Augustine, ora…
Sancte Hieronyme, ora…
Sancte Martine, ora…
Sancte Nicolaé, ora…
Omnes sancti Pontifices et Confessores, orate …
Omnes sancti Doctores, orate …
Sancte Antoni, ora …
Sancte Benedicte, ora…
Sancte Bernarde, ora …
Sancte Dominice, ora …
Sancte Francisce, ora …
Omnes sancti Sacerdotes et Levitæ, orate …
Omnes sancti Monachi et Eremitæ, orate …
Sancta Maria Magdalena, ora…
Sancta Agatha, ora …
Sancta Lucia, ora …
Sancta Agnes, ora …
Sancta Cæcilia, ora…
Sancta Catharina, ora 
Sancta Anastasia, ora 
Omnes sanctæ Vìrgines Viduæ, orate…
Omnes Sancti et Sanctæ Dei, intercedite pro nobis.
Propitius esto, parce nobis, Domine.
Propitius esto, exaudi nos, Domine.
Ab omni malo, libera nos Domine.
Ab omni peccato libera nos,…
Ab ira tua, libera…
A subitanea et improvisa morte, libera …
Ab insidiis diaboli, libera nos …
Ab ira, et odio et omni mala voluntate, libera nos…
A spiritu fornicationis, libera …
A fulgure et tempestate, libera …
A flagello terræmotus, libera …
A peste, fame et bello, libera …
A morte perpetua, libera …
Per misterium sanctæ incarnationis tuæ, libera …
Per adventum tuum, libera …
Per nativitatem tuam, libera …
Per baptismum et sanctum jejunium tuum, libera …
Per crucem et passionem tuam, libera …
Per mortem et sepolturam tuam, libera …
Per sanctam resurrectionem tuam, libera …
Per admirabilem ascensionem tuam, libera …
Per adventum Spiritus Sancti Paracliti, libera …
In die judicii, libera …
Peccatores, te rogamus, audi nos.
Ut nobis parcas, te rogamus …
Ut nobis indulgeas, te rogamus …
Ut ad veram poenitentiam nos perducere digneris, te rogamus …
Ut Ecclesiam tuam sanctam regere et conservare digneris, te rogamus …
Ut [domnum apostolicum] et omnes ecclesiasticos ordines
in sancta religione conservare digneris, te rogamus…
Ut inimicos sanctæ Ecclesiaæ humiliare digneris, te rogamus…
Ut regibus et principibus christianis pacem et veram
concordiam donare digneris, te rogamus …
Ut cuncto populo christiano pacem et unitatem
largiri digneris, te rogamus …
Ut nosmetipsos in tuo sancto servitio confortare
et conservare digneris, te rogamus …
Ut mentes nostras ad coelestia desideria erigas, te rogamus …
Ut omnibus benefactoribus nostris sempiterna bona
retribuas, te rogamus…
Ut animas nostras, fratrum, propinquorum, et benefactorum nostrorum
ab æterna damnatione eripias, te rogamus …
Ut fructus terræ dare et conservare digneris, te rogamus …
Ut omnibus fidelibus defunctis requiem æternam donare digneris, te rogamus …
Ut nos exaudire digneris, te rogamus …
Fili Dei, te rogamus …
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, parce nobis, Domine.
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, exaudi nos, Domine.
Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, miserere nobis.
Christe, audi nos.
Christe, exaudi nos.
Kyrie eleison.
Christe eleison.
Kyrie eleison
Pater noster, (secreto)
…Et ne nos inducas in tentationem,
Sed libera nos a malo.
Salmo 69
Deus, in adjutórium meum intènde; * Domine ad adjuvàndum me festina. Confundàntur, et revereàntur,* qui quærunt animam meam: Avertàntur retrórsum, et erubéscant, * qui volunt mihi mala: Avertàntur statim erubescéntes, * qui dicunt mihi: Euge, éuge. Exùltent et læténtur in te omnes qui quærunt te, * et dicant semper: Magnificétur Dóminus: qui diligunt salutare tuum. Ego vero egénus, et pàuper sum: * Deus, àdjuva me. Adjùtor meus, et liberator meus es tu: * Domine ne moréris. – Glòria Patri, etc.
V. Salvos fac servos tuos,
R. Deus meus speràntes in te.
V. Esto nobis, Dòmine, turris fortitùdinis,
R. A facie inimici.
V. Nihil proficiat inimicus in nobis.
R. Et filius iniquitàtis non appónat nocére:
V. Dòmine, non secundum peccata nostra fàcias nobis.
R. neque secundum iniquitàtes nostras retribuas nobis.
V. Oremus prò Pontifice nostro Gregorio,
R. Dominus consérvet eum, et vivificet eum et beàtum faciat eum in terra, et non tradat eum in anima inimicórum éjus.
R. Oremus prò benefactóribus nostris.
R. Ritribùere dignàre, Dòmine, òmnibus nobis bona
facientibus propter nomen tuum vitam ætérnam. Amen.
V. Oremus prò fidélibus defùnctis.
R. Requiem ætérnam dona eis, Dòmine, et lux perpétua luceat eis.
V. requiescant in pace.
R. Amen.
V. Pro fratribus nostris abséntibus.
R. Salvos fac servos tuos, Deus meus, speràntes in te.
V. Mitte eis, Dòmine, auxilium de sancto:
R. Et de Sion tuére eos.
V.Domine, exaudi oratiónem meam.
R. Et clamor meus ad te veniat.
V. Dominus vobiscum.
R.Et cum spiritu tuo.
Oremus
Deus, cui próprium est miseréri semper et parcere: sùscipe deprecatiònem nostram, ut nos, et omnes fàmulos tuos, quos delictorum caténa constringit, miseràtio tuæ pietàtis clementer absólvat. [O Dio, che soltanto Tu usi sempre misericordia e largisci perdono, accogli la nostra preghiera affinché la tua generosa e pietosa bontà liberi noi e tutti i tuoi servi dalle catene del peccato.]
Exàudi, quésumus, Domine, sùpplicum preces. A confiténtium tibi parce peccatis; ut pàriter nobis indulgéntiam tribuas benignus et pacem. [Usaudisci, o Signore, le nostre supplici preghiere e perdona i peccati di coloro che a Te li confessano, accordando pure a noi tutti benignamente il perdono e la pace.]
Ineffàbilem nobis, Dómine, misericórdiam tuam cieménter osténde: ut simul nos et a peccàtis omnibus éxuas, et a poenis, quas pro his meremur, eripias.[Mostraci, o Signore, la tua ineffabile misericordia! essa ci liberi da tutti i peccati e ci sottragga alle pene che meritiamo.]
Deusqui culpa offénderis, poeniténtia placàris; Preces populi tui supplicàntis propitius réspice, Et flagella tuæ iracùndiæ, quas prò peccàtis nostris Meremur, avèrte. [O Dio, che sei offeso dalla colpa e placato dalla penitenza, rivolgi benigno lo sguardo al tuo popolo supplice ed allontana i flagelli del tuo sdegno, che abbiamo meritato con i nostri peccati.]
Omnipotens sempitèrne Deus, miserére famulo tuo Pontifici nostro Gregorioet dirige eum secundum tuam clementiam in viam salutis ætérnas: ut, te donante, tibi placita cupiat, et tota virtute perficiat. [O Dio onnipotente ed eterno, abbi pietà del tuo servo Gregorio, nostro Papa, e conducilo nella via della eterna salvezza secondo la tua clemenza: col dono della tua grazia egli ricerchi ciò che Tu desideri e lo adempia con tutta la sua forza.]
Deusa quo sancta desidéria, recta Consilia, et justa sunt opera: da servis tuis illam, quam mundus dare non potest, pacem; ut et corda nostra mandatis tuis dedita, et hostium sublata formidine, tempora sint tua protectione tranquilla. [O Dio, sorgente di desideri santi, di retti giudizi, di opere giuste, elargisce ai tuoi servi la pace che il mondo non può dare affinché i nostri cuori assecondino i tuoi comandamenti e, liberi dal timore dei nemici, per la tua protezione viviamo giorni di tranquillità.]
Ure igne Sancti Spiritus renes nostros, et cor nostrum, Domine: ut tibi casto corpore serviamus et mundo corde placeàmus[Purifica, o Signore, col fuoco dello Spirito Santo i nostri sensi e i nostri affetti, affinché possiamo servirti con corpo puro e piacerti per mondezza di cuore.]
Fidelium Deus omnium conditor et redemptor, animàbus famulorum famularumque tuàrum, missionem cunctorum tribue peccatorum: ut indulgéntiam, quam semper optavérunt, piis supplicationibus consequàntur. [O Dio, creatore e redentore di tutti i fedeli, concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve la remissione di tutti i peccati, affinché, pel mezzo delle nostre fervide suppliche, ottengano il perdono che hanno sempre desiderato.]
Actiones nostras, qæsumus Domine, aspirando præveni, et adjuvàndo proséquere: ut nostra oràtio et operàtio a te semper incipiat, et per te coepta finiàtur. [Previeni, o Signore, le nostre azioni con la tua ispirazione e accompagnale col tuo aiuto, affinché ogni nostra preghiera e ogni nostra attività sempre da Te abbia inizio e, intrapresa, per Te giunga a compimento.]
Omnipotens sempitèrne Deus, qui vivo rum dominaris simul et mortuorum, omniumque misereris quos tuos fide et opere futuros esse prænoscis: te supplices exoràmus; ut prò quibus effundere preces decrévimus, quosque vel præsens sæculum adhuc in carne rétinet, vel futurum jam exutos corpore suscepit, intercedéntibus omnibus Sanctis tuis, pietastis tuæ cleméntia, omnium delictorum suorum venia consequàntur. Per Dominum nostrum Jesum Chrìstum, etc. [O Dio onnipotente ed eterno, che regni sui vivi e sui morti ed hai misericordia verso tutti coloro che per la fede e le opere prevedi saranno tuoi, umilmente Ti raccomandiamo coloro per i quali intendiamo pregare, sia che la vita presente ancora li trattenga nel corpo, sia che, spogliati del corpo, li abbia già accolti la vita futura; fa’ che ottengano dalla tua misericordiosa clemenza il perdono dei loro peccati per l’intercessione di tutti i tuoi Santi. Per il ….]
V. Dóminus vobiscum.
R. Et cum spiritu tuo.
V. Exàudiat nos omnipotens et miséricors Dominus.
R. Amen.
V. Et fidélium ànimæ per misericórdiam Dei requiescant in pace.
R. Amen

Nessun commento:

Posta un commento