martedì 31 luglio 2012

L'Anticristo alle Olimpiadi 2012

Simbologia delle Olimpiadi 2012
di Lòthlaurin (che ringraziamo per la segnalazione)

“Ora vi preghiamo, fratelli, riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e alla nostra riunione con Lui, di non lasciarvi così facilmente confondere e turbare, né da pretese ispirazioni, né da parole, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia imminente. Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio ed è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio.”
San Paolo Apostolo
[2 Ts 2, 1-4]

Così si esprime S. Paolo riguardo la venuta dell’Anticristo, una figura umana investita di potere politico e religioso che incarnerà e guiderà il male sulla Terra. S. Paolo scrive chiaramente che l’antitesi del Cristo verrà rivelata in tempi di apostasia, cioè in tempi di travaglio spirituale e smarrimento religioso, che precederanno il vero luminoso ritorno del Figlio di Dio e la definitiva sconfitta delle tenebre.

Le parole; e i fatti?


CHIESA E MASSONERIA, UN MATRIMONIO CHE S’HA DA FARE - IL CIELLINO DOC MONSIGNOR LUIGI NEGRI SALE SUL PULPITO: “SONO INCONCILIABILI, PERCHÉ LAMASSONERIA CELEBRA L’ASSOLUTA POTENZA DELL’UOMO CHE PUÒ FARE TUTTO DA SOLO, SENZA L’AIUTO DI DIO” - “LA MASSONERIA È GLORIOSAMENTE MODERNA E QUINDI ANTIECCLESIALE” - “DIALOGO POSSIBILE, MA UN CRISTIANO CHE DIVENTA MASSONE RINUNCIA DI FATTO AI PRESUPPOSTI DELLA FEDE”…

Mons Luigi Negri San MarinoMONS LUIGI NEGRI SAN MARINO
Giacomo Galeazzi per
http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/inchieste-ed-interviste/dettaglio-articolo/articolo/chiesa-church-massoneria-17181/ 

Persino negli interrogatori per il furto di documenti dall'appartamento papale si è parlato di cordate occulte, cabine di regia, affiliazioni massoniche di ecclesiastici. «Dal punto di vista teorico Chiesa e Massoneria sono obiettivamente inconciliabili», afferma a «Vatican Insider» il vescovo di San Marino-Montefeltro, monsignor Luigi Negri, presidente della Fondazione internazionale Giovanni Paolo II per il magistero sociale della Chiesa ed esponente di primo piano di Comunione e Liberazione.
VESCOVO LUIGI NEGRIVESCOVO LUIGI NEGRI
Un cattolico può essere massone?
«No. La fede cattolica professa la redenzione dell'uomo nella presenza misericordiosa di Cristo, incarnazione del Verbo di Dio, e tale redenzione implica il compimento definitivo di quell'ansia di verità, di bellezza, di bene e di giustizia che costituiscono la struttura fondamentale della antropologia cristiana. Per la fede cattolica la persona è, già a livello naturale, in rapporto col mistero di Dio, e per questo rapporto la vita umana matura nella individuazione dei tratti, certamente enigmatici ma reali, del mistero di Dio.

Unicuique suum!


luca capozzi: Padre Amorth: «Nella lotta col diavolo possiamo fare la nostra parte. Occorre la fede»

L'"apparizione" inganna


titolo apparizioni a medjugorje?


di Frère Michel de la Sainte Trinité 1

medjugorje

Mai come ai nostri giorni, l'uomo moderno, immerso com'è nel relativismo e nel materialismo, avverte la necessità di spegnere quella sete di spiritualità che da sempre arde nel suo cuore. Dopo la morte delle ideologie, egli si affaccia sul mondo dello spirito alla ricerca disperata di un punto di riferimento. Poiché a partire dal Concilio Vaticano II il processo di secolarizzazione ha investito anche vasti settori della Chiesa cattolica, questo bisogno estremo viene ora avvertito anche da molti cattolici, perplessi e disorientati da una teologia sempre più orizzontale e sempre più lontana dal Vangelo più autentico. Questa e altre cause, come il fascino esercitato dal mistero, spingono molti cristiani, delusi dallo scetticismo di buona parte della Gerarchia ecclesiastica, a cercare le conferme della loro fede non più nel Magistero perenne della Chiesa, ma in presunte rivelazioni private o in apparizioni, esponendosi così incautamente al pericolo di prestare credito anche a false manifestazioni di natura fraudolenta o peggio diabolica...

l Presentazione

Non vi è forse nessuno che, sentendo pronunciare il nome di Medjugorje, non pensi ora alle reazioni razionalistiche degli scettici, ora ai facili entusiasmi di molti cattolici, ora alla prudenza di quei fedeli che, animati da quel sensus Ecclesiæ che sempre ha preservato i nostri padri dall'errore e dalle deviazioni in materia di apparizioni e fenomeni analoghi, hanno saputo formulare un giudizio equilibrato su quella che potrebbe definirsi l'apparizione più importante della fine del XX secolo.

Ma tutto fa brodo..

Un'altra notizia stupida su Medjugorje ...
MedjugorjeToday sta riportando una storia sostenendo che una "figura" compare in una fotografia dove la Madonna apparve sulla collina delle apparizioni. 

Ma è una sciocchezza! 

La "figura d'oro" è trasparente, l'arbusto sulla collina che sembra tornare indietro di diversi metri può essere chiaramente visto attraverso il flare. Così dove esattamente è "il luogo", la "figura" dovrebbe essere in piedi? 

Non è una "figura", ma lens flare, una caratteristica comune di fotografie scattate con la fotocamera rivolta verso il sole. 

Bugie moderniste


la madonna di fatima e gli idoli induisti
titolo sacrilegio a fatima 


A seguito delle smentite da parte dei responsabili del Santuario di Fatima circa una cerimonia induista svoltasi all'interno del luogo sacro, la rivista Catholic Family News è riuscita ad ottenere una copia del servizio televisivo mandato in onda dall'emittente portoghese Sic Television riguardante tale cerimonia 1. Questo sacrilegio ha avuto luogo a Fatima il 5 Maggio 2004, con la benedizione del rettore del Santuario MonsLuciano Guerra, e del Vescovo di Leira-Fatima Mons. Serafim de Sousa Ferreira e Silva.

mons. luciano guerra rettore del santuario di fatimamons. serafim de sousa ferreira e silva
MonsLuciano GuerraMons. de Sousa

L'uso di dare la Comunione in bocca può risalire a Gesù?


 di Nicola Bux 


Il Santo Padre, non solo pronunziò il noto discorso del 22 dicembre sull' interpretazione del concilio ecumenico Vaticano II, che invitava a compiere nel senso della riforma in continuità con la tradizione della Chiesa (Ecclesia semper reformanda), ma lo ha pure messo in pratica nella liturgia. In primis, facendo ricollocare il Crocifisso dinanzi a sè sull'altare, in modo che la preghiera del sacerdote e dei fedeli sia "rivolta al Signore". 

Qui però, mi soffermo sulla seconda 'innovazione' di Benedetto XVI: l'amministrazione della S.Comunione ai fedeli, in ginocchio e in bocca.

lunedì 30 luglio 2012

PAOLETTO ALLA SBARRA!


 - IL MAGGIORDOMO DEL PAPA SARA’ RINVIATO A GIUDIZIO LA PROSSIMA SETTIMANA - IL PAPA RIUNISCE A CASTELGANDOLFO GLI INQUISITORI E IL SUO NUOVO “CERCHIO MAGICO” GRIFFATO OPUS DEI - RATZINGER VUOLE ANDARE FINO IN FONDO: E SE IL PRIMO A NON CREDERE ALLA TEORIA DEL “CORVO SOLITARIO” FOSSE PROPRIO LUI? - IL NUOVO VESCOVO DI SAN FRANCISCO, DOPO LO SCANDALO PEDOFILIA, E’ L'ITALOAMERICANO SALVATORE J. CORDILEONE…

M. Antonietta Calabrò per il "Corriere della Sera"
PAOLO GABRIELE E BENEDETTO XVIPAOLO GABRIELE E BENEDETTO XVI
Vatileaks. Il Papa in persona «ha invitato la magistratura vaticana a proseguire il lavoro con solerzia». E all'inizio della settimana prossima (il 6 o 7 agosto) - ha annunciato il portavoce della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi - dovrebbero essere depositate la requisitoria e la sentenza sul (probabile) rinvio a giudizio dell'ex maggiordomo del Pontefice.
C'è stato un segno inequivocabile del fatto che Benedetto XVI non ha alcuna intenzione di sottovalutare la vicenda del Corvo e intende fermamente giungere alla completa verità sulla sottrazione dall'appartamento pontificio di documenti e lettere, che sono poi stati resi pubblici su giornali e libri in questi ultimi mesi. Questo segno è che due giorni fa, nella mattinata di giovedì 26 luglio, il Pontefice ha tenuto sul caso un vero summit a Castel Gandolfo.

Eppur si muove..!?


Comunione e Liberazione come l’Azione Cattolica?
C’è chi sostiene che è lì che Julián Carrón, il prete spagnolo che ha le redini del movimento fondato da don Luigi Giussani, sta portando Cl. Dopo anni in cui la sostanziale non accettazione delle distinzioni conciliari tra fede e impegno politico era prassi in Cl, oggi qualcosa sembra cambiare.

I Salesiani ammettono :


 “…liturgia che, celebrata in lingua latina, attrae un numero crescente di fedeli, soprattutto giovani”.

IL BOLLETTINO SALESIANO AMMETTE CHE IL LATINO A MESSA AIUTA I GIOVANI A INCONTRARE IL CRISTO
 
Fonte: Il Bollettino Salesiano - ( Aprile 2012)
«Lingua morta» a chi?

Don Roberto Spataro, sdb, insegna Letteratura Cristiana antica ed è il segretario della Facoltà di Lettere Cristiane e Classiche dell’Università Pontificia Salesiana, denominata anche Pontificium Institutum Altioris Latinitatis.50 anni faIl 22 febbraio 1962, Giovanni XXIII firmò la Costituzione apostolica Veterum Sapientia sullo studio e l’uso del latino, in cui auspicava, tra l’altro, la creazione di un Academicum Latinitatis Institutum.Quest’ultimo verrà, poi, istituito da Paolo VI con la Lettera apostolica Studia Latinitatis del 22 febbraio 1964, affidando alla Società Salesiana il compito di «promuoverne la prosperità».

Lo strano caso del nuovo prelato dello IOR


Diario Vaticano / 

Non ne è stato reso noto il nome. Non è entrato in funzione. Ma è già stato nominato otto mesi fa. La notizia è nel Rapporto di Moneyval. Assieme a decine di altre notizie inedite. Eccone un'antologia

di ***

CITTÀ DEL VATICANO, 30 luglio 2012 – C'è una carica, quella di prelato dell'Istituto per le Opere di Religione, la "banca" vaticana, che risulta vacante da quando, nel 2010, l'allora titolare, monsignor Piero Pioppo, già segretario del cardinale Angelo Sodano, fu fatto arcivescovo e spedito nunzio in Africa, in Camerun e Guinea Equatoriale.

Ma ora sappiamo che il 1° dicembre del 2011 la commissione cardinalizia di vigilanza sullo IOR presieduta dal cardinale Tarcisio Bertone ha nominato il nuovo prelato. Il prescelto, di cui non è stato reso noto il nome, non ha ancora iniziato il suo servizio.

domenica 29 luglio 2012

I MESSAGGI DELLA GOSPA DI MEDJUGORJE, IL DECALOGO DEGLI ESORCISTI E LA "FREI ERFUNDEN" DI BENEDETTO XVI



Pontifex.Roma
(In foto gesto sacrilego della "veggente") Chi è lettore dei miei testi o dei miei articoli sa bene che talvolta mi propongo al pubblico in veste critica oltre che narrativa; tempo fa, difatti, sentii la necessità di scrivere il libro "I castighi di Dio" proprio perché notavo che il cattolico - anche religioso -, non credendo più nella Potestà del Creatore, spesso forniva giustificazione (risibile scusante) citando un'omelia di padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, che il Venerdì Santo dello scorso anno sembrò - ripeto sembrò - negare o limitare ciò che la Tradizione - e non solo - ci impone quale dogma: il continuo e costante intervento di Dio nel Creato, anche mediante castighi (es. persino Mosé, per castigo divino, vide ma non ebbe accesso alla Terra promessa, Dio lo fece morire).

Trattenere ciò che è buono...


ALCUNE PALESI ERESIE PRESENTI NEGLI SCRITTI DI MARIA VALTORTA


Pontifex.Roma
Abbiamo appurato, riportando documenti ufficiali della Santa Sede, in un recente articolo che i testi della Valtorta sono da ritenersi sconsigliati e sono stati inseriti prima nell'Indice dei testi proibiti e poi condannati nuovamente, anche nella seconda edizione, dopo l'abolizione dell'Index. Il 31 gennaio 1985 l'allora cardinale Joseph Ratzinger, in qualità di prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, scrisse una lettera indirizzata all'arcivescovo di Genova, Giuseppe Siri, in cui definiva l'opera in questione espressione di «una ben nota categoria di malattie mentali». Il futuro papa Benedetto XVI proseguiva dicendo che «gli elementi introdotti nella seconda edizione non cambiano la natura dell'opera, che è costituita da una montagna di puerilità, fantasie, falsità storiche ed esegetiche, diluite in un'atmosfera sottilmente sensuale, a causa di uno stuolo di donne al seguito di Gesù. Nel complesso si tratta di un cumulo di elementi pseudoreligiosi . Pertanto, anche per la seconda edizione, il giudizio di condanna da parte della Chiesa rimane valido».
Per leggere l'articolo denuncia, censurato dai siti che si dicono cattolici, CLICCA QUI.

E dai nemici?

Quei due pericolosi acerrimi “amici” della Chiesa: Ferrara & Della Loggia (Parte 1)
CHE LA SCAMBIANO PER LA GENERAL MOTORS:

GIULIANO FERRARA & GALLI DELLA LOGGIA

dagli “amici” atei devoti ci guardi Iddio,
che dai nemici credenti ci guardiamo noi (Parte1)

 RITAGLI
Giuliano Ferrara e Galli Della Loggia, dunque. Scusate tanto se non mi fido dei “consigli per gli acquisti” e “amichevoli” di questi qui poiché sono degli agnostici. Non posso accettarne.
Cosa ne sanno della Chiesa se per loro altro non è che una associazione come qualsiasi altra, non retta da nient’altro che uomini? Se negando quella metà della sua natura, quella divina, che fiancheggia e salva costantemente (e non il contrario) la seconda metà, quella umana, negano la Chiesa stessa?

Lex videndi lex orandi?


 ASINUS ASINUM FRICAT

di Francesco Colafemmina

Non fa scalpore la mostra d' "arte contemporanea" aperta in questi giorni nella romantica cornice del duomo di Bamberga. Abituati a prostituire i luoghi sacri, i nuovi lenoni ecclesiastici del XXI secolo hanno finito per convincere persino i fedeli tedeschi (pochi a dire il vero) che la dimora di Dio può occasionalmente trasformarsi in ricettacolo del ridicolo o del pacchiano. 
Per l'occasione ci ha pensato il Canonico della Cattedrale, padre Norbert Jung a dichiarare: "La Cattedrale non è un museo d'arte contemporanea ma una testimonianza della vita di fede del XXI secolo". Auguri!

sabato 28 luglio 2012

La PRIMA Riforma Liturgica di Bugnini:

 le rubriche del Messale Romano del 1962, e del Breviario Romano 1961, sono conformi alla Tradizione?
Perché non riprendere serenamente e approfondire una delle più importanti questioni che più appassionano la Tradizione?

Abbiamo in questi giorni con profitto parlato del Magistero che DEVE essere conforme alla Tradizione immutabile Divino Apostolica di Gesù e degli Apostoli: LEX CREDENDI. Perchè non parlare della Liturgia: LEX ORANDI, di come questa sia cambiata e non certo con il Concilio Vaticano Secondo?

Per la categoria liturgica (così come è stato fatto per il Magistero) perchè una riforma sia genuinamente cattolica si deve o non si deve parlare di legittimo progresso, di maturità di omogeneità di questa che è una legge Liturgica Universale? o si può "cambiare", manomettere e sovvertire, perché "ce lo chiedono i tempi"?

In Vaticano c’è un tedesco che ha archiviato l’era Wojtyla, ma non è Ratzinger


Si chiama Gerhard Ludwig Mueller, ha 64 anni, è un colosso di quasi due metri, e il papa lo ha nominato lo scorso due luglio prefetto della congregazione per la Dottrina della fede. Viene contestato dai lefebvriani, tra l’altro, per lo stesso motivo per cui sant’Ignazio di Loyola, cinque secoli fa, rischiò di scannare un miscredente. A raccontare l’episodio è lo stesso fondatore dei gesuiti che, nell’autobiografia Il racconto del pellegrino, racconta, parlando di sé in terza persona, di quando incontrò per strada un moro. “Si misero a conversare e il discorso cadde su nostra Signora.

L'assenza


Dal summit su “Vatileaks”, Bertone assente poco giustificato

summit
La novità del summit tenuto a Castel Gandolfo la mattina di giovedì 26 luglio non è tanto la notizia ma la foto che l’accompagna, pubblicata sulla prima pagina de “L’Osservatore Romano”, come mai in precedenza in casi del genere.
La notizia è quella data dal comunicato della sala stampa vaticana:

Vacanze premonitrici da terzo..?

Bertone in Valle d'Aosta nella località che ospitò due Papi
Il cardinale Tarcisio Bertone
Il cardinale Tarcisio Bertone

Sarà per quindici giorni ad Introd. Un solo appuntamento pubblico

Daniele Mammoliti Introd (Aosta) Il cardinale Tarcisio Bertone torna in Valle d’Aosta. Il segretario di Stato Vaticano trascorrerà quasi due settimane di vacanza a Les Combes di Introd, la località che in passato ha ospitato due Papi, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Chi , lentamente, faticherà ad aprire gli occhi..? #


“Roberto, siamo nella merda”: casetta Formigoni, garage Pisapia, calcio a patti



Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia

Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia (LaPresse)
MILANO – “No, guarda, siamo nella merda fino a qua, Roberto…”. La non elegantissima ma assolutamente esaustiva affermazione è di Massimo Buscemi, ex assessore della Regione Lombardia alla Cultura e genero di Pierangelo Daccò. Buscemi, durante una conversazione intercettata, è di fronte al governatore Roberto Formigoni, e gli sta “illustrando” i problemi che potrebbero avere con la “casetta”. Ma “siamo nella merda fino a qua” è qualcosa di più, va oltre la vicenda Formigoni

Cerchi e botti?

Diario Vaticano / A chi andrà il Nobel della teologia
Il "Premio Ratzinger" sarà assegnato quest'anno a un filosofo francese e a un gesuita degli Stati Uniti. Ecco chi sono. E perché sono stati prescelti

di ***

 CITTÀ DEL VATICANO, 27 luglio 2012 – C'è grande attesa sulle assegnazioni della seconda edizione del “Premio Ratzinger”, promosso dalla Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger - Benedetto XVI.

Il premio verrà conferito da Benedetto XVI il prossimo 20 ottobre, durante il sinodo dei vescovi sulla "nuova evangelizzazione".

Forza Corvo!


Il Maggiordomo del Papa attende la decisione delle Toghe, «felice» in famiglia

Paolo Gabriele, il maggiordomo del Papa accusato di furto aggravato delle carte riservate di Benedetto XVI, è «felice» di essere tornato dalla famiglia, dopo la decisione del giudice istruttore vaticano Piero Bonnet, lo scorso 21 luglio, di concedergli gli arresti domiciliari

Il Maggiordomo del Papa attende la decisione delle Toghe, «felice» in famiglia
Ingradisci
CITTÀ DEL VATICANO - Paolo Gabriele, il maggiordomo del Papa accusato di furto aggravato delle carte riservate di Benedetto XVI, è«felice» di essere tornato dalla famiglia, dopo la decisione del giudice istruttore vaticano Piero Bonnet, lo scorso 21 luglio, di concedergli gli arresti domiciliari. Lo ha riferito il legale dell'ex assistente di camera del Pontefice, Carlo Fusco, che ha fatto di recente visita a Gabriele - di cui è anche amico personale - e, in una conversazione conTmnews, spiega: «Sta molto bene. E' un uomo con una moglie e tre figli da cui è stato lontano per più di cinquanta giorni (detenuto nella cella di sicurezza della caserma della gendarmeria vaticana, ndr.) ed è felice di stare di nuovo con loro». Carlo Fusco, peraltro, smentisce«nel modo più categorico» che Paolo Gabriele abbia dato segni di squilibrio o di malessere psicologico durante il periodo della detenzione, iniziato con l'arresto lo scorso 23 maggio. «Tra me, la moglie e i figli, lo abbiamo visto ogni due o tre giorni, e non abbiamo mai notato nulla di tutto questo».

venerdì 27 luglio 2012

Passacarte del corvo


La sentenza verrà resa pubblica il 7 agosto e dall'istruttoria in via di ultimazione emergerebbe anche il passaggio delle carte segrete ai media attraverso un giornalista amico e complice di Gabriele
Tra una settimana Paolo Gabriele sarà rinviato a giudizio. La sentenza verrà resa pubblica il 7 agosto e dall'istruttoria in via di ultimazione emergerebbe anche il passaggio delle carte segrete ai media attraverso un giornalista amico-complice di Gabriele.

UN “PADRINO” IN VATICANO


- - UN CARDINALE ANONIMO SPIEGA CHI E COSA C’E’ DIETRO LO SCANDALO VATILEAKS: "LE FINANZE VATICANE. PREGO OGNI GIORNO CHE IL SIGNORE MI DIA L’OPPORTUNITÀ DI SPIEGARLO AL PAPA" - MA IL SANTO PADRE E’ CIRCONDATO DA UN “CORDONE SANITARIO”: IMPOSSIBILE PARLARE DIRETTAMENTE CON LUI - L’OPUS DEI SEMPRE PIU’ POTENTE - AL CENTRO DI TUTTO, C’E’ SEMPRE LUI: TARCISIO BERTONE… -

di Marco Ansaldo, Evelyn Finger, Arne Storn Copyright Die Zeit-La Repubblica
RATZINGER A MILANORATZINGER A MILANO

"Oggi pomeriggio l'uomo che poteva salvare il Papa, oppure farlo cadere, ci svelerà qualche segreto. I segreti valgono la vita. I segreti sono pericolosi. A seconda dell'uso che se ne fa. Perché la città di Dio è fatta di marmi e di misteri, e con le parole si può anche farla crollare. Chi la abita, trae da questa consapevolezza un senso di potere nella lotta per il futuro della Chiesa".
E' un luminoso pomeriggio di luglio nel quartiere santo di Roma, e il nostro prelato troneggia come un'eminenza nera dei tempi dei Borgia nel suo appartamento sepolcrale. La semioscurità, i cuscini di velluto, l'odore dei tomi nella libreria, ci trasportano in un mondo in cui i cardinali erano in vendita e i Papi avvelenavano i propri nemici.

Povero San Bernardo!...


Riccardi entra al College des Bernardins
Per la prima volta un italiano presidente

di Franca Giansoldati
CITTA’ DEL VATICANO - Per la prima volta sarà un italiano a presiedere il College des Bernardins a Parigi, la più alta istituzione cattolica francese. Un luogo non solo storico ma anche altamente simbolico. Il College fu edificato dai monaci di san Bernardo di Chiaravalle ed è considerato il centro del dialogo tra le correnti intellettuali laiche e la cultura cattolica. Tra le mura secolari dell’ex monastero si misurano filosofi, antropologi, politici, economisti, storici.

I lupi (CIA) travestiti da agnelli e i finti pastori nostrani


[Text: Italiano, English]
(a cura Redazione "Il sismografo")
1. La Siria sta vivendo la crisi più drammatica della sua storia. La scelta della soluzione militare, che non tiene conto delle richieste della rivolta di libertà e di dignità del popolo siriano,  ha portato alla diffusione della violenza, alla perdita di troppe vite umane e a distruzioni generalizzate.
2. Riuniti a Roma presso la Comunità di Sant’Egidio, noi appartenenti a diversi gruppi dell’opposizione democratica siriana, attiva sia all’interno che all'esterno del Paese, rivolgiamo questo Appello al popolo siriano, a tutte le parti coinvolte e alla Comunità internazionale.

I MESSAGGI DELLA GOSPA E DEI "VEGGENTI" DI MEDJUGORJE SONO CATTOLICI?



Pontifex.RomaIn attesa delle decisioni della Santa Sede sulla "vicenda Medjugorje", anche oggi tornerò a parlarvi di alcuni luoghi comuni che, ormai quasi per dogma, sembrano essere universalmente accettati. Ieri vi ho scritto dei divieti della Chiesa cattolica verso ogni forma di pellegrinaggio, sia pubblico che privato, se si presuppone l'autenticità delle apparizioni, quindi la credibilità dei "veggenti"; l'ho fatto non esprimendo pareri personali ma riportando esclusivamente i documenti della Congregazione per la Dottrina della Fede, della Conferenza Episcopale Jugoslava e della Diocesi di Mostar-Duvno. Per chi non ha avuto modo di leggere l'articolo questo è il LINK. Assodato, quindi, che per la Chiesa cattolica ogni forma di pellegrinaggio a Medjugorje è vietata - se presuppone l'autenticità delle apparizioni -, oggi vorrei presentarvi alcuni documenti che sembrano dimostrare la non attendibilità dei messaggi della Gospa, talvolta puerili, fino ad essere prossimi all'eresia. Perché la pubblicazione di questo documento?

LA CASTA DEI CASTI:


 CON FORMINCHIONI INDAGATO IL SUO “CONVIVENTE” ALBERTO PEREGO, CHE CON LUI HA COMPRATO LA VILLA IN SARDEGNA (ENTRAMBI HANNO FATTO VOTO DI CASTITÀ E POVERTÀ) - BUSCEMI “INTERCETTA” DI NASCOSTO IL GOVERNATORE E GLI DÀ LA (FALSA) NOTIZIA DI UN IMMINENTE INTERROGATORIO DI ERIKA DACCO’: “LE CHIEDERANNO DELLA CASA... E COME MAI COSÌ POCO...TRE MILIONI? CONTRO 9/10 MILIONI DI VALORE COMMERCIALE! NO, GUARDA, SIAMO NELLA MERDA FINO A QUA, ROBERTO”…

Paolo Colonnello per "La Stampa"
ROBERTO FORMIGONI MANI ALZATEROBERTO FORMIGONI MANI ALZATE
È sempre stato l'interfaccia di Roberto Formigoni: Alberto Perego, l'amico fidato, il compagno di viaggi, vacanze e avventure, il coinquilino discreto con cui condividere casa e fede come «memores domini», il collaboratore fidato. Per la Procura, adesso, anche qualcosa di più: un vero e proprio complice, anzi, un coindagato come si evince dall'invito a comparire recapitato l'altro ieri al Governatore della Lombardia per corruzione aggravata. Tutta colpa della «casetta» come la chiama Formigoni.

giovedì 26 luglio 2012

Si metteranno a gridare le pietre?


La Madonna del tronco appare a New York, fedeli in preghiera in strada

WEST NEW YORK – File interminabili di fedeli si sono riuniti intorno a un grande ginkgo biloba in New Jersey, vicino New York, dove è apparsa la sagoma della Madonna di Guadalupe che prega. Qualcuno dice che la Vergine Maria avrebbe addirittura parlato con dei fedeli. E la folla è così ampia che la polizia ha dovuto addirittura recintare l’area. Le persone s’inginocchiano, si fanno il segno della croce, toccano l’”albero sacro”.

Rinnovamento.. de che?


I progressisti francesi promuovono Ratzinger “il rivoluzionario”. Per il settimanale Témoignage Chrétien le ultime decisioni di Benedetto XVI sono i simboli di un rinnovamento epocale

La durata media di un pontificato è di 7,19 anni. Papa Benedetto XVI ha appena superato questa soglia.
Il countdown, invece, perché diventi il sesto Pontefice più longevo della storia è appena iniziato: mancano 167 giorni, scrive infatti popes-and-papacy.com. Numeri importanti, sulla cui realizzabilità i cardinali che lo elessero il 19 aprile del 2005 non avrebbero probabilmente scommesso nulla.
E invece Ratzinger dimostra longevità, e rimane saldamente al timone della chiesa. La crisi di Vatileaks sembra non abbatterlo per nulla. E mentre incede coi suoi ritmi tenendosi stretto al proprio fianco il cardinale segretario di stato Tarcisio Bertone, ecco che un po’ a sorpresa è la rivista principe del progressismo francese a elogiarlo. “Benedetto XVI il rivoluzionario”, scrive significativamente il prestigioso settimanale Témoignage Chrétien. Talmente “rivoluzionario” che “i vecchi conservatori liberali e gli spregiatori progressisti del Panzerkardinal sono posti di fronte alla loro malafede. E la chiesa militante milita”.

I PELLEGRINAGGI A MEDJUGORJE, SIA PUBBLICI CHE PRIVATI, SONO VIETATI?





Pontifex.Roma
Ieri, nell'articolo dal titolo "SUI FATTI DI MEDJUGORJE: MA ALLORA NOI CATTOLICI OBBEDIENTI SIAMO PAZZI?", mi sono permesso di "sollevare dei dubbi" circa Medjugorje; come è possibile leggere e come ho fatto anche in passato (clicca qui) non ho messo in discussione nulla, ma mi sono limitato semplicemente a riportare la realtà dei fatti, così come - dal 1981 ad oggi - è stata documentata dalla Chiesa cattolica, almeno da quella che ha sede in Vaticano e presso la Diocesi di Mostar-Duvno. Certo, ho aggiunto delle piccole considerazioni personali, pertanto tali sono e dunque per private opinioni vanno intese (sono irrilevanti). E' arrivata puntuale l'orda di contestatori e, a Dio piacendo, giorno per giorno cercherò di rispondere a tutti. La prima contestazione - pervenuta da più "fronti" - è stata la seguente: "non è vero che i pellegrinaggi a Medjugorje sono vietati" od anche "non è vero che i pellegrinaggi privati a Medjugorje sono vietati".

Bollito alla domenicana (per ragù bolognese)


(su Riscossa Cristiana del 22-07-2012) In data 13 luglio 2012 Riscossa Cristiana ha pubblicato un Intervento del prof. Roberto de Mattei, che portava il suo contributo al dibattito che si è riaperto sul Concilio dopo la pubblicazione dell’articolo di Paolo Pasqualucci IL “DISCORSO CRITICO” CHE LA GERARCHIA NON VUOL FARE. Recensione a: BRUNERO GHERARDINI, “Concilio Vaticano II . Il discorso mancato”. A questo articolo erano seguiti interventi di P. Giovanni Cavalcoli, di Mons. Brunero Gherardini e di Cristina Siccardi.
Pubblichiamo ora la lettera che P. Giovanni Cavalcoli ha indirizzato al prof. Roberto de Mattei, e la risposta del prof. Roberto de Mattei.

LA LETTERA DI P. GIOVANNI CAVALCOLI AL PROF. ROBERTO DE MATTEI
Caro Professore,
esiste un documento del Beato Giovanni Paolo II, l’Istruzione Ad tuendam Fidem del 1998, il quale contiene un commento ad opera della Congregazione per la Dottrina della Fede, che aggiorna e spiega meglio le indicazioni della Pastor Aeternus circa la questione dell’infallibilità delle dottrine.
Premetto innanzitutto che non capisco come Lei sostenga che una dottrina “non infallibile” non è necessariamente “sbagliata”. Se una dottrina non è infallibile, vuol dire che è fallibile o può in futuro essere fallibile o sbagliata o falsificata o mutata o abrogata. Almeno questo è il significato elementare delle parole, che desumiamo dal vocabolario.
In secondo luogo l’Ad tuendam Fidem fa una distinzione che non si trova nella Pastor Aeternus – il che ovviamente non vuol dire che la contraddica – e la distinzione è tra dichiarazione di infallibilità ed infallibilità di fatto. Potremmo dire: infallibilità esplicita e infallibilità implicita.
L’Ad tuendam Fidem mette la detta dichiarazione di infallibilità (riferimento alla Pastor aeternus) solo al grado massimo di autorità delle dottrine. E su ciò siamo tutti d’accordo che nel Concilio non ci sono pronunciamenti a questo livello.
Ma il medesimo documento pone altri due gradi, i quali, per essere inferiori, non per questo negano l’infallibilità, se per infallibilità s’intende che “non può essere sbagliato né adesso né in futuro”.
E’ vero che il documento non mette in gioco il termine infallibilità in quei livelli inferiori, ma usa termini equivalenti: al secondo grado si parla di “definitività” o “immutabilità”, mentre al terzo si parla di “verità”. Il che vuol dire – e questa è la novità dell’ Ad tuendam Fidem rispetto alla Pastor aeternus – che può esistere un’infallibilità pontificia esplicita (1° grado ) e una implicita (2° e 3° grado).
Ora, siccome anche nei gradi inferiori si tratta di materia di fede, e l’autorità in merito (pontificia) è evidentemente deputata a trattare di materia di fede, non si vede come qui gli insegnamenti potrebbero essere fallibili o falsificabili o mutabili, il che vuol dire semplicemente che non sono sbagliati e in tal senso sono “infallibili”, se le parole devono conservare il senso che ci è dato dal vocabolario.
Del resto, se si insiste a predicare al popolo di Dio che le dottrine del Concilio “non sono infallibili”, che cosa capisce il buon cattolico col suo normale buon senso basato sul vocabolario che sono fallibili?
Gli vuole spiegare che le dottrine del Concilio non sono infallibili però non sono sbagliate? Mi viene in mente l’idea di Rahner che dice che Dio è immutabile, però è mutabile.
P. Giovanni  Cavalcoli, OP

LA RISPOSTA DEL PROF. ROBERTO DE MATTEI
Caro direttore,
poiché ha avuto la cortesia di farmi conoscere l’ulteriore intervento di padre Cavalcoli, mi sento nell’obbligo di mettere in rilievo le lacune del suo modus argomentandi.
1. Confusione sul termine e concetto di infallibilità
In primo luogo rileviamo, sul piano logico e semantico, una confusa concezione del concetto e del termine di “infallibilità”.
Infallibile secondo qualsiasi buon dizionario, è colui “che non sbaglia e non può sbagliare[1], mentre “fallibile” non è colui che sbaglia, ma colui che è “soggetto a sbagliare[2]. Mentre infallibile coincide con “verace”, fallibile non significa necessariamente “fallace”. Dire che una proposizione è fallibile, non significa dire che invece di essere vera, è necessariamente sbagliata; significa dire che potrebbe non essere vera. Chi è fallibile, insomma, a differenza di chi è infallibile  non è esente dalla possibilità di errore.
Ritenere che il Concilio Vaticano II, in quanto pastorale, è stato “fallibile”, non significa sostenere che sia stato in sé, fallace. Significa dire che alcune sue affermazioni possono essere state erronee od equivoche e quindi correggibili alla luce della Tradizione della Chiesa. Così è, ad esempio, per la dichiarazione Dignitatis Humanae sulla libertà religiosa.
Affermare invece, come padre Cavalcoli, ed altri autori,  che il Magistero di un Papa o di un Concilio, deve essere sempre e comunque considerato, almeno de facto, infallibile, porta a pericolose conseguenze.  In questo caso i cattolici avrebbero dovuto seguire papa Liberio, quando nel 357 approvò la formula semiariana di Sirmio, scomunicando sant’Atanasio, e avrebbero dovuto approvare papa Onorio, quando nel 634 abbracciò l’eresia monotelita, condannando san Sofronio.
2. Uso improprio dell’Istruzione Ad TuendamFidem
In secondo luogo padre Cavalcoli si appoggia impropriamente alla Lettera Apostolica Ad Tuendam Fidei del 18 maggio 1998. Questo documento ci offre una utile chiave ermeneutica quando afferma che nell’insegnamento della Chiesa occorre discernere tra una gerarchia di fonti, a cui corrisponde una gradazione di assenso da parte del fedele. Dice infatti la Ad Tuendam Fidei:
1) sono da credere con ferma fede le verità insegnate sia dal Magistero solenne e straordinario, che da quello ordinario e universale, Magistero quest’ultimo, spiega la Congregazione per la Dottrina della Fede, che deve essere inteso in senso diacronico e non solo necessariamente sincronico, nella sua estensione non solo nello spazio, ma soprattutto nel tempo, come continuità con la Tradizione;
2) sono da accogliere fermamente e ritenere anche e tutte e singole le verità circa la dottrina che riguarda la fede o i costumi proposte dalla Chiesa in modo definitivo;
3) occorre aderire con religioso ossequio della volontà e dell’intelletto alle dottrine che il Romano Pontefice o il Collegio dei Vescovi propongono quando esercitano il loro magistero autentico, sebbene non intendano proclamarle con atto definitivo.
Il fatto che esistano tre distinti livelli e che per il terzo si parli di “dottrine” e non di verità, e di ossequio della volontà e dell’intelletto, invece che di assenso di fede, dimostra l’esistenza di una chiara gerarchia delle fonti, da cui scaturiscono importanti conseguenze. Se infatti il cattolico dovesse rilevare un contrasto tra le dottrine non definitive né infallibili  del terzo grado e le verità definitive del secondo, o addirittura infallibili del primo, egli sarebbe tenuto a dare la precedenza al livello superiore  su quello inferiore, o comunque a interpretare la dottrina di terzo grado alla luce di quella di primo e secondo, e non viceversa.
In tema di libertà religiosa ad esempio, se le dottrine proposte con magistero autentico, ma non infallibile, dal Concilio Vaticano II (terzo grado), sembrano in qualche punto discostarsi dalle verità insegnate dal Magistero ordinario e universale (e quindi infallibile) dei Papi, è evidente che bisognerebbe attenersi al primo grado, rifiutandosi di scivolare sul terzo. Non si può chiedere un “ossequio religioso della volontà e dell’intelletto” a dottrine che non hanno lo stesso valore teologico del Magistero infallibile, straordinario od ordinario che esso sia. Per questo, nei momenti di crisi della Chiesa, come quello che viviamo, la “regula fidei” è la Tradizione, che non è altro che il Magistero di primo e secondo grado, che non può essere contraddetto dal terzo. Altrimenti si è costretti, come fa padre Cavalcoli a spiegare l’equivocità di alcuni passaggi del Vaticano II con “fughe in avanti”, inventandosi uno “sviluppo” della Tradizione, laddove c’è solo evidente difformità con essa.
3. Misconoscenza dell’insegnamento della Pastor Aeternus
Del resto un documento pur autorevole, quale la Ad TuendamFidem, non può contraddire un testo infallibile come la costituzione dogmatica Pastor Aeternus del Concilio Vaticano I, che, vale la pena ripeterlo, ha irrevocabilmente stabilito la necessità di tre requisiti perchè un documento pontificio possa essere considerato infallibile. Ovvero:
1) che il documento sia promulgato dal Papa, con o senza il Concilio a lui unito;
2) che la materia riguardi la fede o i costumi;
3) che ci sia, da parte del Papa, l’intenzione di definire e di obbligare i fedeli a credere l’oggetto della definizione.
Nel caso dei sedici documenti del Concilio Vaticano II manca sempre il terzo elemento, e talvolta anche il secondo (ad esempio l’Inter mirifica). Il che significa che tali documenti possono essere sottoposti, con tutta la prudenza del caso, a discussione, a interpretazione, a revisione. E’ questa la strada aperta da Benedetto XVI, con il discorso del 22 dicembre 2005, e percorsa da apprezzati studiosi come mons. Brunero Gherardini, il prof. Paolo Pasqualucci  e tanti altri.
Possibile che padre Cavalcoli misconosca l’insegnamento della Pastor Aeternus e preferisca stare con gli anti infallibilisti di ieri (che sono i superinfallibilisti di oggi) piuttosto che con Pio IX e la tradizione teologica della Chiesa?
Ho conosciuto e stimato il Servo di Dio Tomas Tyn, della cui causa di beatificazione padre Cavalcoli è postulatore, e imploro la sua assistenza dal cielo perché lo illumini e ci illumini nei tempi di estrema difficoltà in cui viviamo.
Con stima
Roberto de Mattei
Articoli correlati

    IL DIBATTITO SUL CONCILIO. CRISTINA SICCARDI RISPONDE A P. GIOVANNI CAVALCOLI / 2

E-mail Stampa PDF
Pubblichiamo questa lettera di Cristina Siccardi, in risposta alla lettera di P. Giovanni Cavalcoli, pubblicata su Riscossa Cristiana il 13 luglio.

cv2

Molto Reverendo
Padre Giovanni Cavalcoli,
il beato Cardinale John Henry Newman diceva di san Filippo Neri che «visse in un’età insidiosa per gli interessi del Cattolicesimo come nessuna che l’ha preceduta o seguita». Anche noi potremmo affermare la stessa identica cosa. Ancora Newman ebbe ad avvertire, di fronte alla «trappola mortale» del liberalismo: «i leaders cattolici dovranno intraprendere grandi iniziative e raggiungere scopi importanti, e avranno bisogno di molta saggezza e di molto coraggio, se la Santa Chiesa deve liberarsi da questa terribile calamità, e, sebbene qualunque prova che cada su di lei sia solo temporanea, può essere straordinariamente dura nel suo decorso». La Chiesa ha bisogno di essere liberata e per esserlo ha bisogno di uomini saggi e coraggiosi che risalgano alle cause di quegli amarissimi frutti conciliari che vediamo sotto i nostri occhi e che, dopo cinquat’anni di crisi della Fede e della Chiesa, nessuno può più negare.
Per rispondere alle Sue critiche faccio mie le puntuali e perfette affermazioni della lettera del Professor Roberto de Mattei comparse su Riscossa Cristiana.
La verità mai si contraddice. Chi, al contrario si arrampica sui vetri per sostenere l’insostenibile scivola. D’altro canto scrive il Cardinale Walter Brandmüller nel suo recente testo Le “chiavi” di Benedetto XVI per interpretare il Vaticano II (Cantagalli 2012): «Il Vaticano II al contrario [dei precedenti Concili, ndr] non ha esercitato la giurisdizione né legiferato, né deliberato su questioni di fede in via definitiva. Esso è stato piuttosto un nuovo tipo di Concilio, in quanto si è concepito come Concilio pastorale, che voleva spiegare al mondo di oggi la dottrina e gli insegnamenti del Vangelo in un modo più attraente e istruttivo. In particolare non ha pronunciato alcuna censura dottrinale. […] il timore di pronunciare sia censure dottrinali che definizioni dogmatiche ha fatto sì che alla fine emergessero pronunciamenti conciliari il cui grado di autenticità e dunque di obbligatorietà fu assolutamente vario. Per cui, ad esempio, le costituzioni Lumen gentium sulla Chiesa e Dei Verbum sulla Rivelazione divina hanno assolutamente il carattere e la cogenza di un autentico pronunciamento dottrinale, sebbene anche qui nulla fu definito in termini strettamente vincolanti, mentre, d’altro canto, la dichiarazione sulla libertà di religione, Dignitatis humanae, secondo Klaus Mörsdorf prende posizione su questioni dell’epoca senza un contenuto normativo evidente» (pp. 54-55).
Di fronte agli sviluppi dell’importante e sempre più incalzante dibattito in corso, dal 2005 ad oggi (ovvero dalle parole pronunciate  dal Santo Padre alla Curia Romana del 22 dicembre di quell’anno) non ci si può più foderare gli occhi, altrimenti si finisce di fare come il faraone d’Egitto che continuava ostinatamente e pervicacemente a non lasciare partire Mosè e la sua gente, nonostante la sua terra, proprio per sua colpa, subisse, l’una dopo l’altra, le dieci piaghe mandate da Dio.
Lei, Padre, si pone sulla scia di coloro che hanno una visione «carismatica» del Magistero. Ha analizzato sapientemente il teologo padre Serafino Lanzetta FI nel suo editoriale a «Fides Catholica» n. 2 del 2011 dal titolo «Un “anno della fede” a cinquant’anni dal Concilio. Tra ermeneutiche in conflitto». Dentro al Concilio sono avvenute delle riforme che hanno «interessato anche le dottrine e questo principiando non dalle dottrine ma dal modo di insegnarle, dalle forme storiche contingenti, in primis, dalla forma espositiva e linguistica, ovvero da una nuova metodologia, più pastorale ed ecumenica. Di fatto la dottrina – alcune dottrine - è così “nuova”. L’accavallamento di soggettivo e oggettivo nella libertà religiosa è un paradigma. Ma gli esempi riguardano anche altri ambiti come l’ispirazione dei libri sacri, il rapporto Scrittura e Tradizione, la Collegialità episcopale, il concetto di ecumenismo, che fa leva quasi esclusivamente sul sacramento del Battesimo. Si è indubbiamente di fronte ad un insegnamento nuovo […]. Nel Vaticano II ciò che è da appurare anzitutto è la continuità e la discontinuità, secondo livelli diversi, si collocano sul piano del soggetto docente e della dottrina insegnata, altrimenti si rischia solo di declamare la continuità delle dottrine ma senza verificarla. Si rischia di voler conservare col Vaticano II uno status quo nella Chiesa. Se così non fosse, se la difficoltà ermeneutica cioè non ascendesse fino al rango degli asserti magisteriali, del loro essere semplice sviluppo o piuttosto una nuova forma, una ri-forma della dottrina cattolica, sarebbe già risolta tutta la difficoltà ermeneutica, che invece è il vero rompicapo per valutare correttamente il Vaticano II. Se la difficoltà ermeneutica non riguarda la dottrina di prima e quella di dopo, cade la stessa necessità di un’ermeneutica giusta per appurarne la continuità: questa sarebbe semplicemente evidente. […]. Il problema ermeneutico del Vaticano II implica 3 aspetti distinti:
  1. Nel concilio ci sono delle dottrine nuove;
  2. Queste sono uno sviluppo e/o ri-forma delle dottrine classiche;
  3. Il grado dell’asserto magisteriale delle dottrine conciliari».
Allora i teologi a queste serissime due domande, poste da Padre Lanzetta, sono tenuti a rispondere per il bene della Chiesa, per il bene delle anime (quante se ne perdono perché non viene più trasmessa la vera Fede? La responsabilità davanti a Nostro Signore è davvero spaventosa… di fronte a ciò non si può fare come Pilato): «In che modo il magistero del Vaticano II si colloca in continuità con quello precedente? Dove si coglie la continuità?». Ecco che Monsignor Brunero Gherardini, con il suo grido d’allarme, desta i sonnolenti che affermano: «la continuità è garantita dal magistero stesso». Afferma ancora Padre Lanzetta nel suo editoriale: «per il fatto che siamo dinanzi ad un’asserzione del Vaticano II, dunque del magistero solenne, abbiamo la continuità. Fondamentalmente è la posizione di P. Giovanni Cavalcoli […]. Il magistero diventa ragione di se stesso. […]. Il problema “cuore”, dunque, è coordinare continuità e discontinuità secondo livelli differenti, in modo da leggere una nuova dottrina insegnata dal medesimo soggetto. È proprio qui il nodo: la continuità è assicurata dall’unico soggetto che insegna, il magistero, che però non si identifica con la Chiesa e con l’infallibilità totale di essa, rimanendo questa più ampia e includendo ad esempio il sensus fidei del Popolo credente, dunque un’infallibilità in credendo che precede e fonda quella in docendo. È necessario radicare in modo assoluto, oggi più che mai, l’infallibilità del magistero, nelle Verità credute infallibilmente per mezzo della fede, per evitare di scadere in una visione meramente “burocratica”, in cui il soggetto docente diventerebbe l’ultima ragione del porsi della verità stessa. Ci sarà sempre un Küng, che potrà inveire contro il monopolio del “potere romano”, dimenticando che la gerarchia è un’origine sacra, scende dall’alto quale munus, ministero, servizio alla Verità».
È venuto a crearsi un fortilizio dentro il quale coloro chi si fanno paladini del Vaticano II hanno paura che le carte vengano scoperte alla luce del sole, senza pregiudizi, senza malafede. Alle teologiche e documentate argomentazioni di Monsignor Gherardini e alle storiografiche e documentate affermazioni del professor de Mattei, si risponde con fumogene confutazioni, dove il luogo comune fa da padrone.
Il Vaticano II va considerato su quattro distinti livelli, come insegna Monsignor Gherardini:
a)      Quello generico, del Concilio ecumenico in quanto Concilio ecumenico;
b)      Quello, specifico, del taglio pastorale;
c)      Quello dell’appello ad altri Concili;
d)     Quello delle innovazioni.
Il quarto livello è il più problematico, perché è innegabile che le innovazioni (tali perché mai, fino ad allora, contemplate nella Chiesa) hanno introdotto un nuova cattolicità, più in sintonia con le istanze contingenti del mondo, che con il Credo da sempre professato. Sono proprio tali innovazioni, che alcuni “addetti ai lavori” hanno finalmente individuato e focalizzato, ad essere la causa, la radice del malessere generale della cattolicità. La Tradizione sarà la terapia, ma prima occorre affrontare il problema nel concreto e nella Verità.
È ormai evidente che tutti i mali che oggi affliggono la Chiesa derivano, direttamente o indirettamente, dalla crisi della Fede e, più precisamente, da quella protestantizzazione che sposta la Fede dal suo oggettivo contenuto al soggetto che la insegna e/o la apprende. Ecco perché la pretesa continuità dei documenti conciliari con la Tradizione può e deve essere valutata principalmente, se non essenzialmente, sul piano oggettivo dei contenuti, più che su quello soggettivo di chi li ha pronunciati, visto che quello stesso soggetto (è bene sempre ribadirlo) ha rifiutato ogni tipo di infallibilità. Fare il contrario è cadere in una pericolosa forma di soggettivismo, quella che Padre Lanzetta definisce concezione carismatica del Magistero: il Magistero annuncia la Verità e non la crea e, quando non è infallibile, è gerarchicamente subordinato alla Tradizione, questa sì infallibile. Per uscire dall’ormai innegabile crisi della Chiesa occorrono pastori vigili e responsabili che facciano scudo contro le «terribili calamità» soggettivistiche denunciate nel XIX secolo dal beato Newman, nel XX da san Pio X e nel XXI da Benedetto XVI e che oggi ci colpiscono senza pietà, offendendo Cristo Re e la sua mistica Sposa.


Cristina Siccardi